La pelle dei bambini: come proteggerla dal sole - Neonato - Bambinopoli





La pelle dei bambini: come proteggerla dal sole

La pelle dei neonati e dei bambini è molto più delicata rispetto a quella degli adulti. Ecco perché al sole va protetta nel modo giusto e con prodotti specifici.

Articoli Correlati


Ci sono diversi motivi per cui la pelle dei neonati e dei bambini è più delicata rispetto a quella degli adulti e più esposta ai rischi che un'esposizione al sole sbagliata comporta.


Innanzitutto, lo spessore dell'epidermide inferiore  fa sì che la funzione barriera della cute, ovvero la sua capacità “scudo fisico”, sia minore. A ciò si aggiunge il film idrolipidico poco sviluppato, per cui la pelle infantile si disidrata più facilmente ed è più vulnerabile agli aggressori esterni.
Inoltre, in particolare nei neonati, il sistema difensivo costituito dai melanociti, che producono la melanina, non è ancora pronto e, dunque, la loro pelle non è in grado di difendersi da sola.

COME PRENDERSI CURA DELLA PELLE DEL BAMBINO DURANTE L'ESPOSIZIONE AL SOLE?

La pelle dei bambini - in spiaggia, in montagna, al lago, durante una passeggiata in campagna - va protetta.
È fondamentale per evitare gli effetti dannosi dei raggi del sole sia a breve che a lungo termine.
Ecco, dunque, alcuni consigli per prendersene cura, facendo le scelte giuste e acquistando i prodotti più adatti:
  1. Evitare l'esposizione diretta ai raggi del sole per neonati e bambini molto piccoli ed evitare sempre le ore troppo calde della giornata.
     
  2. Proteggere la pelle dei bambini anche se giocano all'ombra sotto l'ombrellone.
     
  3. Almeno fino a 6 anni, il fattore di protezione scelto deve essere piuttosto alto (SPF 50+). È consigliabile optare per un prodotto resistente o molto resistente all'acqua. Questa caratteristica non significa che la crema sia impermeabile ma che conserva la sua capacità protettiva, almeno il 50% del valore di SPF dopo un bagno prolungato (resistente all'acqua), o uno molto prolungato (molto resistente all'acqua). Perciò, dopo il bagno, comunque la crema va applicata nuovamente.
     
  4. Dopo i 6 anni è possibile optare per una crema solare con un fattore di protezione più basso, anche se è sconsigliabile scendere sotto i 30.
     
  5. Se la pelle è iper sensibile è meglio scegliere solari formulati esclusivamente con filtri di tipo minerale.
     
  6.  Scegliere un prodotto facile da applicare e non appiccicoso, per evitare che la sabbia si attacchi.
     
  7. Dopo l'esposizione al sole, sarebbe utile utilizzare specifici prodotti dopo sole.
     

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network