La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

Articoli Correlati


Un'idea molto carina e originale per aiutare i bambini in età da nido o alle prese con i primi mesi di inserimento alla materna è quella di realizzare per loro una minuscola scatola di baci da usare all'occorrenza per superare la mancanza e la solitudine.
L'idea nasce dal libro Zeb e la scorta di baci (ed. Babalibri), la storia di una piccola zebra che per la prima volta deve affrontare la separazione da mamma e papà e partire da solo per una vacanza senza genitori.


Zeb, per non sentire la solitudine, si porta dietro una scatola piena di baci che tira fuori all'occorrenza quando la mancanza diventa insopportabile. In questo modo, supera le difficoltà, si gode il viaggio e impara a condividere con i suoi compagni il suo prezioso tesoro, in modo che tutti possano sentirsi meglio.

Questo libro tenerissimo viene spesso usato negli asili e nelle materne per aiutare i bambini a superare la difficoltà del distacco e per guidarli nell'acettazione della separazione dai genitori attraverso l'immedesimazione con altri situazioni e storie simili. La storia della piccola zebra è la fonte di ispirazione per l'idea della scatolina di baci.


Come si prepara?
Semplicissimo. Provuratevi una scatolina di metallo che il bambino potrà tenere sempre nel suo armadietto. 
Ritagliate tanti cartoncini bianchi della stessa misura e, con le labbra rosse di rossetto, schioccate tanti baci sui fogli in modo che rimangano impressi.
Ogni volta che il bambino si sentirà solo o sentirà la vostra mancanza, potrà tirare fuori un bacio dalla scatola e percepire l'amore che provate per lui.



 

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Vale Pau il 3 novembre 2017 alle ore 16:51

    Ho pensato alla domanda di papà Marco su come simulare i baci...l'unica idea che mi è venuta é quella di usare una foto del papà invece dello stampo col rossetto... All'asilo nido han chiesto ai genitori di portare loro foto per vederle coi piccoli nei loro momenti di nostalgia...

    Altrimenti il papà potrebbe lasciare un oggetto "magico", qualcosa che gli appartiene o che ha acquistato apposta per la sua bimba, qualcosa di piccolo in modo che Giada possa portarlo con sé...

    Lo so...sono idee un po' banali ma sono le sole che mi son venute in mente!!!

  • Commento inserito da Marco il 19 ottobre 2017 alle ore 05:41

    E' una bella idea... dal momento che sto subendo una separazione coniugale. Questa scatolina fara' felice me e la mia Gioia di quasi 8 anni. Problema: ma, io papa' come potro' simulare i baci sui cartoncini? Attendo i vs suggerimenti.

    Grazie papa' Marco

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Caratteristiche-libri-neonato

La biblioteca da 0 a 6 anni

Assodato che l'iniziazione alla lettura può avvenire già dalla culla, quali caratteristiche devono avere i libri per i bambini più piccoli? Come sceglierli? 

continua »
IlMeglioSeiTu

Il meglio per un bambino è...

Il cartello, divento virale, che un pediatra ha appeso fuori dalla porta del suo studio. Cos'è meglio fare per la salute e il benessere di un bambino? Tutto quello che occorre sapere.

continua »
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network