Papà: poco presenti nella crescita dei figli

Secondo un recente studio effettuato dall'Oms, i papà sarebbero, in generale e a prescindere dal Paese di provenienza, meno impegnati nella cura dei figli e nella gestione del menage familiare.

Articoli Correlati

Papà: poco presenti nella crescita dei figli


 State the world's of father è il primo rapporto mondiale, esteso a tutti i Paesi del mondo, che cerca di comprendere il ruolo svolto dagli uomini nell'accudimento dei figli e nella gestione del menage familiare.
In base a questo rapporto, circa l'80% della popolazione maschile mondiale è destinato a diventare padre e sempre secondo il medesimo studio, laddove l'incidenza della figura paterna nella crescita e nell'educazione dei figli, è stata incisiva, laddove il padre è stato una figura presente e attiva, maggiore è il benessere della prole e maggiori i vantaggi per tutta la società.


Nello specifico, emerge che:
  • Vita prenatale: quando il padre è presente durante la gravidanza della donna e partecipa attivamente al parto, mamma e bambino sono più sani, diminuiscono i rischi durante i nove mesi e si abbassa la percentuale di donne soggette a depressione post partum dopo la nascita del bambino.
  • Puerperio: i padri che hanno goduto del permesso parentale e lo hanno sfruttato a pieno, sono più inclini a prendersi cura dei loro figli anche nelle cose più pratiche (cambiarli, dar loro da mangiare, farli addormentare...)
  • Infanzia e adolescenza: nessun dubbio sugli effetti benefici della presenza della figura paterna sulla vita dei figli negli anni dell'infanzia e dell'adolescenza. Laddove il padre c'è e ha un ruolo attivo nell'educazione, nella crescita e nell'accudimento dei bambini, questi risultano più sani, sereni e felici e con meno problemi durante gli anni duri dell'adolescenza.
  • Età adulta: i figli che hanno avuto come riferimento padri presenti e impegnati anche nella gestione del menage familiare in tutti i suoi aspetti, sono mediamente più inclini a prendersi cura della casa, della spesa, della cucina...

In generale, però, quanto è emerso dal rapporto, è che i padri, a prescindere dal loro Paese di provenienza, sono mediamente meno coinvolti e presenti nella crescita dei figli, meno attivi nello sbrigare le faccende domestiche, poco incentivati a usufruire dei congedi di paternità (laddove questi siano previsti dalla legislatura).
Eppure, ben il 77% degli intervistati si dichiarerebbe pronto a diminuire il numero di ore lavorative a fronte della possibilità di trascorrere più tempo con i propri figli e, secondo lo stesso rapporto, coloro che lo fanno, in generale, godono di maggior salute, fisica e mentale, e maggiori aspettative di vita. Oltre al fatto che la paternità sembrebbe regalare a tutti una sorta di gioia di vivere non sempre presente in chi non segue direttamente o segue proprio i bambini. 



Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture