Passeggino: fino a che età?

Sempre più spesso capita di vedere bambini di 4/5 anni sul passeggino. Magari solo per brevi tratti. Talvolta solo in precise situazioni. I pediatri, però, sono abbastanza d’accordo nell’affermare che dopo i due anni il passeggino dovrebbe essere pian piano abbandonato, abituando il bambino a camminare con le sue gambe.

Articoli Correlati


Se è sempre più frequente vedere bambini di poche settimane e mesi lasciati per ore su passeggini e ovetti quando per loro, la sistemazione ideale dovrebbe essere la carrozzina, altrettanto frequente è trovarsi di fronte a bimbi di 4/5 anni comodamente seduti sul passeggino, spinti da compiacenti genitori che neppure si pongono il problema che questo possa non essere del tutto naturale e consono alla crescita e allo sviluppo del bambino.


PERCHÉ DOPO I DUE ANNI IL PASSEGGINO DOVREBBE ESSERE GRADUALMETNE MESSO DA PARTE?
Non appena il bambino inizia a muovere i primi passi, è compito preciso di mamma e papà aiutarlo a prendere confidenza con questo nuovo modo di spostarsi, rafforzando, così, lo sviluppo muscolare e la sua autonomia. Non si tratta di forzare i tempi. Tanto meno di obbligare il piccolo a lunghe maratone quotidiane.
Impedirgli, però, di camminare da solo, di prendere possesso dello spazio che lo circonda, è controproducente al suo sviluppo psico-fisico.

Perché, allora, molti genitori faticano così tanto a mettere via il passeggino anche quando il bimbo ha ormai raggiunto una discreta padronanza delle sue gambe e sarebbe anche in grado di affrontare passeggiate più o meno lunghe?
  • Innanzitutto per pigrizia. Spingere un bambino che rimane passivo sul e legato è senz’altro meno faticoso che abituarlo a non correre e scappare in avanti, dare la mano, fermarsi quando finisce il marciapiede….
  • Per comodità. Spesso le uscite con i bambini sono finalizzate a portare a termini spese e commissioni lasciate in sospeso. Il passeggino accelera i tempi di percorrenza e rende mamma e papà più liberi di fare le proprie cose.
  • Perché non si riflette su quanto possa essere negativo per l’educazione e lo sviluppo fisico di un bambino “costringerlo” su un mezzo che non dovrebbe appartenergli più da tempo.

PERCHÉ IL PASSEGGINO USATO FUORI ETÁ È COSÌ DANNOSO PER IL BIMBO?

  • Perché impedisce il rafforzamento dei muscoli delle gambe e lo sviluppo dell’apparato scheletrico
  • Perché non contribuisce all’acquisizione dell’autonomia del bimbo dai suoi genitori
  • Perché non lo aiuta nello sviluppo del senso dell’orientamento
  • Perché impedisce al bambino di conquistare in modo autonomo e personale lo spazio che lo circonda rispettando le regole della sua frequentazione



QUALI ALTERNATIVE
Un’ottima alternativa all’uso del passeggino e che sempre più genitori stanno adottando anche in Italia è quello dell’uso del monopattino che permette al bimbo di non stancarsi eccessivamente durante le lunghe camminate, accelera i tempi di percorrenza e consente al bambino di mantenersi, comunque, in movimento. Con i bimbi più grandicelli si può optare anche per la bicicletta.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da TALITA il 24 settembre 2016 alle ore 13:45

    Sono d' accordo che il passeggino vari usato fino a 2 anni.....ho fatto così con mia figlia. Ma non sono d' accordo di usarlo dai 6 mesi......gli rovina la schiena.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Soffocamento-cibi-pericolosi

Come prevenire il soffocamento da cibo in età pediatrica

Ecco le linee guida per prevenire il soffocamento da cibo in età pediatrica secondo le indicazioni del Ministero della Salute. 

continua »
osteopatia_neonati

Dall'osteopata: quando e perché

Dopo la nascita può essere utile portare il bambino dall'osteopata soprattutto se il parto è stato particolarmente lungo e difficile, se il piccolo presenta difficoltà motorie, è irritabile o soffre di coliche.

continua »
Danza-in-Fascia

Danza in fascia

Danza in fascia è un progetto nato per migliorare il rapporto delle neomamme con i loro bambini attraverso una serie codificata di lezioni di danza a due.

continua »
Statistiche-nido

Asilo nido. Qual è la situazione italiana?

I Italia, solo un bambino su 4 riesce a frequentare il nido. L'obiettivo europeo è che almeno un terzo dei bimbi sotto ai 3 anni possa essere accolto.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network