Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici? - Neonato - Bambinopoli





Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

Articoli Correlati


 
Fasciatoi pubblici ad averne!


Non tutti i locali, infatti, ne sono provvisti. I negozi nemmeno a parlarne e non esistono, nella maggior parte dei casi, strutture comunali adibite a questo scopo.
Occorre, quindi, arrangiarsi, sperticarsi, unire due sedie e sperare che il piccolo non si spezzi a metà la schiena. Cambiare in sala il bambino per la gioia di avventori e commensali.
Da questo punto di vista, poi, l'Italia è davvero indietro. Fatta, infatti, eccezione per alcune strutture e grosse catene (Autogrill, Ikea...), i bisogni dei genitori non rientrano tra le priorità da soddisfare.


Laddove, però, i fasciatoi ci sono, possono nascondere dei pericoli.
Ecco perché è fondamentale rispettare alcune basilari norme igieniche e verificare che effettivamente tutto sia a posto.
  1. Non appoggiare mai il bambino direttamente sul fasciatoio ma utilizzare sempre un telo personale
     
  2. In assenza del telo, passare sulla superficie del fasciatoio una salvietta igienizzante. Qualora non ne aveste una, va bene amche la salvietta che usate per pulire il bambino. Il pericolo, infatti, non è solo legato alla presenza di virus e batteri. Sul fasciatoio possono essere, infatti, presenti anche sostanze tossiche (negli Stati Uniti, recentemente, una mamma ha segnalato la presenza di tracce di eroina sul fasciatoio sul quale aveva cambiato il bambino).
     
  3. Verificare che il fasciatoio sia saldamente attaccato al muro (se si tratta di un fasciatoio da muro) per evitare che si stacchi mentre cambiate il piccolo.
     
  4. Verificate che sulla superficie non siano presenti viti o chiodi che possono graffiare il piccolo e fargli male. In Italia, infatti, una mamma aveva segnalato la presenza di chiodi sul fasciatoio di un locale pubblico infilati, probabilmente, per gioco.
     
  5. Se sono presenti, assicurate il bambino con le cinghia apposite in modo che non cada.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Tappe-crescita-bebe-seduto

Tappe di crescita: il bebè impara a sedersi

Una delle principale conquiste motorie di un bebè è la capacità di sedersi da solo. Questo avviene, generalmente, tra i 4 e i 9 mesi. Ecco come stimolare il piccolo e prepararlo a questo grande passo. 

continua »
Allattamento-artificiale

6 cose che vi diranno se non allattate al seno. Non vere

L'amore che una mamma prova per il proprio bambino arriva dal cuore. Non dal modo in cui decide di allattarlo. Sebbene, dunque,  l'allattamento al seno, laddove possibile, sia da preferire all'allattamento artificiale, nessuna mamma va giudicata o criticata per le sue scelte in materia di allattamento.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network