RSV: il virus che colpisce i neonati

Si chiama Rsv, virus respiratorio sinciziale, ed è il virus arrivato dalla Francia che proprio in questi giorni sta circolando tra i neonati con non pochi problemi di salute.

RSV: il virus che colpisce i neonati



Asceso alla ribalta dopo aver aver colpito Vittoria, la bimba di 7 mesi di Chiara Ferragni e Fedez che per ben due volte è stata ricoverata a causa sua, il virus respiratorio sincinziale, altrimenti noto come VRS, sta circolando proprio in questi giorni tra i neonati con reparti pediatrici e terapie intensive che si stanno riempiendo di bimbi di pochi mesi ricoverati con problemi respiratori più o meno gravi.


Una vera e propria epidemia che negli anni scorsi, causa anche le misure anti-Covid, ha risparmiato l'Italia, ma che quest'anno si è presentata, e in modo più violento del solito, con due mesi di anticipo, facendo una vera e propria strage tra i piccolissimi. Proveniente dalla Francia, il virus è abbastanza noto agli operatori sanitari che, però, denunciano quest'anno la sua aggressività e il suo arrivo già negli ultimi giorni di settembre con ben più di 2 mesi di anticipo rispetto al solito.

Il virus, che negli adulti e nei bambini più grandi si risolve in pochi giorni con un po' di tosse, raffreddore, febbre, può causare, invece, tra i neonati forme di bronchiolite gravi, con manifestazioni cliniche nelle basse vie respiratorie che rendono spesso necessario il ricovero e la somministrazione di ossigeno.

Dice ad Adnkronos la direttrice del reparto di Pediatria dell'Azienda Ospedaliera di Padova, Lisiana Da Dalt
È un virus che può diventare una malattia grave nei bimbi con pochi di mesi di vita più fragili, con immunodeficienze e problemi cardiorespiratori. La particolarità di quest'anno è che l'epidemia è iniziata prima del passato. Già a settembre abbiamo avuto qualche caso e a ottobre abbiano ricoverato 21 bambini, di cui 4 hanno avuto bisogno della terapia intensiva. A oggi ne abbiamo 5 ricoverati, e non c'è giorno che non ci sia un ricovero e una dimissione.
Lo stesso Fedez, in una delle ultime storie pubblicate su Instagram in cui aggiorna i suoi followers sullo stato di salute della figlia, mette in guardia i genitori sulla pericolosità del virus, chiedendo di non sottovalutarlo.

La prima infezione, spesso, deriva da una malattia dell’apparato respiratorio superiore, accompagnata da congestione e febbre; se non curato in tempo, il virus colpisce l’apparato respiratorio inferiore, causando frequentemente bronchiolite e talvolta polmonite con tosse e difficoltà respiratoria. 
I neonati contraggano il virus dai genitori o dai fratellini più grandi (negli scorsi il Covid e il distanziamento forzato avevano praticamente annullato la diffusione della malattia) e gli anticorpi della mamma non sempre riescono a proteggerli, soprattutto in caso di bambini nati prematuri, di pochi giorni di vita o soggetti a particolari fragilità.

SINTOMI E CURA

Il virus si manifesta, generalmente, con rinorrea e febbre che iniziano 3-5 giorni dopo il contagio. Circa la metà dei bambini alla prima infezione sviluppa anche tosse e respiro sibilante, cosa che indica un interessamento dell’apparato respiratorio inferiore. Nei lattanti di meno di 6 mesi, il primo sintomo può essere la breve interruzione della respirazione (apnea). Alcuni bambini, in genere i più piccoli, sviluppano distress respiratorio grave.
Nei casi meno gravi, la malattia si cura in casa con i classici farmaci analgesici, aerosol e antipiretici.
I bambini che, invece, presentano difficoltà respiratoria sono ricoverati in ospedale e, a seconda della condizione, possono essere trattati con ossigeno e liquidi per vena. 

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
SMA-Atrofia-muscolarespinale

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

continua »
Outfit-allattamento

Allattare con stile

Tre consigli per scegliere l'outfit più adatto durante l'allattamento che sia comodo e al contempo femminile ed elegante.

continua »
Psicomotricita2021

Psicomotricità infantile: a cosa serve

Spesso consigliata in caso di problemi neuropsichiatrici o quando ci sono dei rallentamenti nello sviluppo, la psicomotricità è una disciplina che punta al potenziamento dello sviluppo del bambino.

continua »
Cerca altre strutture