Sicurezza in casa. Attenzione ai detersivi

Torniamo a parlare di Sicurezza in casa, argomento che già abbiamo affrontato più volte, dopo il grave episodio che ha visto protagonista una bambina di poco più di un anno finita in ospedale in condizioni critiche dopo avere bevuto un detersivo per il wc. 

Sicurezza in casa. Attenzione ai detersivi


Torniamo a parlare di sicurezza tra le mura domestiche dopo l'episodio di cronaca che nei giorni scorsi ha visto protagonista una bambina di un anno che è finita in ospedale in condizioni gravissime per avere ingerito il liquido proveniente da un flacone di detersivo lasciato incustodito.
Rianimazione pediatrica presso l'ospedale Sant’Orsola di Bologna per le lesioni provocate dall’ingestione di una sostanza caustica, quasi certamente un liquido per la pulizia del wc a base di ammoniaca, e probabile intervento chirurgico sempre ammesso che la piccola reagisca alle cure cui è stata sottoposta. Per quanto stabile, infatti, la bambina è in pericolo di vita e i medici non possono ancora sciogliere la prognosi sulle sue condizioni.


Cosa è successo? Nulla che non potrebbe succedere a chiunque di noi, a ogni madre, padre, nonna, zia... del mondo: la bambina, lasciata da sola per pochi secondi, ha trovato una bottiglia di detersivo aperta sul tavolo e l'ha assaggiato. Accortisi immediatamente dell'accaduto, mamma e papà sono corsi in ospedale, portando con sé il liquido incriminato. Ma le condizioni della bimba erano già disperate.


COME EVITARE CHE EPISODI SIMILI SI RIPETANO?

I consigli sono sempre gli stessi. Forse, però, è bene ricordarli:
  1. Non lasciare mai prodotti chimici e flaconi potenzialmente tossici (comprese bottiglie di shampoo, bagnoschiuma, balsamo...) incustoditi se in casa ci sono bambini sotto agli 8 anni. E anche i bimbi più grandi vanno messi in guardia dalle conseguenze dell'assunzione, accidentale o no, di certe sostanze.
  2. Controllare sempre a vista i bambini sotto l'anno, togliendo di mezzo tutto quello che potrebbe rappresentare per loro un pericolo (detersivi, accendini o fiammiferi, sedie vicino a finestre e balconi, oggetti contundenti quali forbici e coltelli...
  3. Riporre i farmaci nell'armadietto più alto del bagno, avendo cura che i bambini non possano arrivarci
  4. Chiudere sempre i flaconi dei detersivi anche tra una pulizia e l'altra.
  5. Togliere le chiavi dalle toppe delle porte, anche quelle interne.
  6. Tenere lontane dalla portata dei più piccoli scale e sgabelli su cui potrebbero arrampicarsi.
  7. Sgridare il bambino che si avvicina a oggetti che potrebbero essere potenzialmente pericolosi per lui. I bambini devono capire sin da piccolissimi che esistono spazi di loro competenza (la loro cameretta, la stanza de giochi, la cucina...) e spazi che a loro non appartengono.
  8.  


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
AppMammeInAffari

Shopping da Mamma a Mamma

Arriva l'app MAMMEinAFFARI, la piattaforma gratuita che nasce come mercatino dell’usato dove le mamme vendono vestiti e accessori dei bimbi.  

continua »
Come-si-parla-al-neonato

Come si parla a un neonato?

Comunicare con il neonato e il bambino di pochi mesi è fondamentale per aiutarlo sin da subito a sviluppare il linguaggio e a prendere coscienza della realtà che lo circonda. Ma come si 'parla' con il bebè?

continua »
Rumore-bianco-neonati

I neonati e il rumore bianco

Costante, leggero, ripetitivo, il rumore bianco è un suono in grado di conciliare il sonno e rilassare la mente. Funziona sia con i grandi che con i piccini, ma è formidabile con i neonati che sembrano trovare subito calma e tranquillità.

continua »
Rotavirus

Cosa ne sai del Rotavirus?

#unapreoccupazioneinmeno è la campagna che vuole diffondere tra le famiglie una maggiore consapevolezza sulle insidie del Rotavirus.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network