SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale

Un semplice prelievo di sangue effettuato nei primi giorni di vita del bambino permette di individuare precocemente eventuali anomalie genetiche causa di atrofia muscolare spinale. E salvare così la vita ai piccoli affetti.

Articoli Correlati

SMA, lo screening neonatale contro l'atrofia muscolare spinale



L'atrofia muscolare spinale è una malattia genetica rara (in Italia colpisce circa 40-50 bambini ogni anno) responsabile, fino a qualche anno fa, di morte quasi certa entro i primi due anni.


Si tratta di una patologia che colpisce i motonueroni che dovrebbero trasmettere il segnale di movimento ai muscoli che, proprio a causa di questo deficit, si atrofizzano.
Le conseguenze sono, come si può immaginare, gravissime.
I piccoli colpiti, infatti, non solo non riescono a camminare, muoversi, stare seduti, ma nei casi più gravi non possono nemmeno respirare o deglutire. Con ciò che ne consegue.


Fino a qualche anno fa, una diagnosi di atrofia muscolare spinale era una condanna a morte per le famiglie. Oggi, invece, grazie alle tre terapie disponibili, tutte eugualmente efficaci, una diagnosi precoce della malattia (nei primissimi giorni di vita del neonato), rappresenta un notevole vantaggio per sconfiggere il mare e restituire ai bimbi colpiti una vita se non sempre normale, quasi normale.
Molti dei bambini che, infatti, sono stati sottoposti al test, non solo sono sopravvissuti, ma addirittura hanno avuto uno sviluppo muscolare identico a quello dei loro coetanei.

IN COSA CONSISTE IL TEST

Si tratta di un esame non invasivo, gratuito e su base volontaria che si esegue in ospedale a poche ore dal parto.
Consiste in un prelievo di una piccola quantità di sangue dal tallone che, una volta analizzato, consente di effettuare una diagnosi precoce della malattia, prima che si manifestino i sintomi, permettendo un intervento immediato con le cure a disposizione.
Effettuato a poche ore dal parto, quindi, permette di salvare la vita dei piccoli pazienti affetti grazie proprio al pronto intervento. È molto importante, però, che questo venga effettuato prima che la malattia faccia la sua scomparsa e che appaiano i primi sintomi,

Per il momento, lo screening è una realtà solo in 5 regioni - Piemonte, Liguria, Puglia, Lazio e Toscana - ma l'obiettivo è estenderlo a tutto il Paese sempre su base volontaria e gratuita.
Questo permetterebbe di salvare molte vite, oltre al notevole impatto che avrebbe, dal punto di vista economico, sugli ospedali.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture