Un'app per vedere il bambino al nido

Si chiama BabyWeek l'app che aggiorna i genitori in tempo reale mentre il bambino è al nido. Per le mamme e i papà che desiderano seguire i loro piccoli quando sono lontani, una vera rivoluzione.

Articoli Correlati


Di telecamere al nido se ne parla da tempo. A volerle non sono solo i genitori preoccupati e desiderosi di sapere cosa succede ai loro piccoli mentre mamma e papà sono lontani, ma sono soprattutto gli educatori, i coordinatori e i responsabili delle strutture che si sono visti spesso gettati nel calderone mediatico di chi non svolge scrupolosamente il proprio lavoro, di chi trascura, nei casi più gravi di chi maltratta. Naturalmente, quelli sono i casi estremi, da cronaca per intenderci. Certo è che la presenza di un occhio esterno, obiettivo, che registra ogni passo, ogni mossa, ogni sguardo, parola… toglierebbe di mezzo molti dubbi, permettendo a tutti di agire con una maggiore serenità.
Alla presenza delle telecamere al nido non siamo ancora arrivati. E probabilmente la strada sarà ancora lunga e faticosa.


Esiste, però, un’applicazione gratuita per iPhone e smartphone Android dedicata ai genitori per seguire il proprio bambino mentre è all'asilo e comunicare con le maestre relativamente alla didattica, l'alimentazione, il riposino e le attività del giorno… Non esattamente uno strumento di controllo e protezione, ma un mezzo attraverso il quale sentirsi più vicini al proprio bimbo anche a distanza.
Si chiama BabyWeek. È gratuita per i genitori e ha un costo fisso in abbonamento per l’asilo
(è possibile provarla gratis per 30 giorni).

I VANTAGGI PER I GENITORI
BabyWeek, è bene ribadirlo, non ha la stessa valenza di una telecamera, non serve per registrare, in tempo reale, fatti e immagini. Serve per creare un rapporto di maggiore collaborazione tra il nido e i genitori e far sentire questi ultimi più partecipi della vita del figlio.
Attraverso l’applicazione, infatti, che può essere scaricata gratuitamente attraverso l’Apple Store per possessori di un iPhone o tramite Google Play per i possessori di Android, semplicemente richiedendo la password al nido, è possibile essere informati di tutto quello che succede all’interno della struttura e che riguarda la vita del piccolo. Se ha mangiato, quanto ha mangiato e cosa, se ha fatto la nanna, se sono state presentate attività o laboratori particolari… Inoltre, i genitori potranno vedere le foto dei loro piccini scattate nell’arco della giornata, essere informati su tutte le news relative alla scuola, entrare in comunicazione in modo veloce e diretto con insegnati e coordinatrici per dubbi, domande o segnalazioni…
Insomma, un modo pratico, veloce e facilmente gestibili per avere con il nido del proprio bambino un rapporto privilegiato, fatto di scambio e interesse reciproco.


I VANTAGGI PER IL NIDO
I vantaggi per il nido si riassumono, sostanzialmente, nella possibilità di offrire un servizio aggiuntivo ai genitori in modo del tutto gratuito (le mamme e i papà, infatti, non pagano; mentre le scuole sono tenute a versare un canone fisso in abbondamento).
Inoltre, semplicemente registrando la struttura e con un breve lavoro di inserimento iniziale, possono facilmente comunicare con le mamme e i papà dei bimbi frequentanti fornendo loro tutte le informazioni che, normalmente, i genitori vogliono sapere durante il giorno: cosa ha fatto il loro piccolo, come sta, se ha mangiato, dormito…
Il costo è di 90€ annui.

L’applicazione BabyWeek è in prova gratuita per 30 giorni. Per maggiori informazioni www.babyweek.com.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da veronica il 8 marzo 2015 alle ore 15:35

    Nel nostro asilo lo facciamo già da 10 anni. Abbiamo un sito molto semplice in cui inseriamo velocemente tutte le informazioni di ogni singolo bambino senza restare impegnate a lungo per non distogliere l'attenzione dal gruppo in attività. Hai genitori piace tantissimo. L'unica cosa che ci manca è inserire le foto, che personalmente quando le riguardo a distanza di mesi è molto bello!

  • Commento inserito da Annalisa il 17 novembre 2014 alle ore 20:34

    c'è whatsapp che è molto piu semplice, rapida.. e sopratutto gratuita senza vincolare nessuno di pagare canoni fissi... e di sicuro sia le maestre che i genitori ce l'hanno gia istallata sul loro smartphone!

  • Commento inserito da Margherita il 3 novembre 2014 alle ore 13:07

    Sono d'accordo con Salvatore/Mina

    effettivamente è così..

  • Commento inserito da Salvatore/Mina il 24 ottobre 2014 alle ore 20:03

    ma come fa una maestra a gestire questa applicazione mentre sta facendo anche la maestra? quanto tempo ci vorrebbe a caricare le informazioni di tutta la classe ! Ma... io che sono una maestra la vedo una gran cavolata con perdita di tempo e concentrazione da parte delle maestre!!

    a fare le applicazioni non ci vuole niente ma senza pensare le conseguenze!!

    Le maestrine di scuola che hanno a che fare con tanti bambini devono essere attente senza mai distrarsi un secondo.. o facciamo che mentre perdono tempo a scattare foto o scrivere informazioni ai genitori si fa anche un salto su Facebook.. ma daiiii... ma dove stiamo arrivando! nella mia scuola gia è stata bocciata l'idea!! saluti

  • Commento inserito da Chiara il 22 ottobre 2014 alle ore 09:21

    Nel nido di mia figlia lo fanno utilizzando what's app. Mi mandano le foto della mia bambina nei momenti salienti della giornata (nanna, pappa...) e devo dire che è molto bello vederla in un contesto che non è quello di casa. E fotografata non da me o dal suo papà!

    A me questa sembra una bella cosa

  • Commento inserito da Marta il 20 ottobre 2014 alle ore 13:49

    Ma quale asilo vuoi che si mette ad aggiornare info, foto ecc.. x lo più anche a pagamento??

    gli costa 30 euro al mese...

    e poi le maestre devono fare le maestre e stare attente ai bambini?

    o devono mettersi a giocare con queste stupide applicazioni??

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Saporiforti

Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?

Esposizione precoce agli antigeni durante l'allattamento o approccio restrittivo? Il dibattito è aperto, ma l'OMS favorisce l'introduzione di cibi forti nell'alimentazione della mamma.

continua »
laika_zelia_home

Super compatto senza limiti o essenziale in città?

Laika o Zelia? Ecco gli ultimi due passeggini entrati a far parte della famiglia Bébé Confort.

continua »
adorra_home

Comodità estrema o stile inconfondibile?

Adorra o Mya? Se questo è il problema cerchiamo di risolverlo!

continua »
Treviso-riciclapannolini

Riciclare i pannolini? Ora si può

Inaugurato a Treviso il primo impianto per il riciclo dei pannolini. Da una tonnellata di pannolini si ricaveranno 150 kg di cellulosa, 75 kg di plastica e 75 kg di polimero super assorbente.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network