Eccellenze enogastronomiche

DOP, IGP, Alta Qualità… Sono le sigle che identificano l'eccellenza enogastronomica del sistema agro-alimentare europeo.


Dal vino ai formaggi, dai salumi alla pasta, dall'olio extra vergine d'oliva all'aceto. Sono tantissimi i prodotti agro-alimentari contrassegnati da sigle di qualità che ne identificano non solo la provenienza, ma anche le materie prime, i sistemi di lavorazione e produzione, le tradizioni locali e regionali a cui si rifanno...
In Italia sono tantissimi i prodotti identificati come DOP, DOC, IGP, STG... Si tratta di acronimi che certificano la qualità del prodotto che identificano, attribuiti a livello comunitario dopo che il prodotto stesso ha superato una serie di prove e controlli atti a stabilirne l'eccellenza e la superiorità rispetto agli altri. Marchi di garanzia, quindi, per i consumatori e strumenti di protezione per i produttori che, in questo modo, vengono tutelati dalla legge da eventuali imitazioni e contraffazioni.


Tra i prodotti italiani di uso comune, ricordiamo il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano, la Fontina e il Castelmagno, il Taleggio e l'Asiago, il Prosciutto di Parma e il San Daniela, il Culatello di Zibello e la Salsiccia di Calabria, l'Aceto Balsamico Tradizionale di Modena e il Basilico genovese, lo Zafferano dell'Aquila e quello di San Gimignano… In totale, 37 oli extra vergine di oliva, 34 formaggi, 20 prodotti a base di carne, 9 ortofrutticoli, 7 prodotti di altro tipo con Emilia Romagna e Lombardia a guidare la classifica dei principale 'produttori' di DOP con 14 prodotti ciascuna.

DOP, IGP, STG & co.
Ma cosa significa e quale trafila deve superare un prodotto agro-alimentare per diventare DOP e qual è il significato di sigle quali IGP, STG, Alta Qualità?


 
  • DOP: la Denominazione di Origine Protetta (DOP, appunto) attesta che tutte le fasi del processo produttivo avvengono nella specifica area di riferimento e sono conformi a un apposito disciplinare.
  • IGP: con IGP (Indicazione Geografica Protetta), invece, si intende ugualmente un prodotto originario di una particolare area geografica realizzato secondo un particolare disciplinare, ma, a differenza dei DOP, è sufficiente che una sola delle fasi di produzione (trasformazione o elaborazione) avvenga nell'area stessa;
  • STG: il marchio STG (Specialità Tradizionale Garantita) è legato non a uno specifico territorio, ma a una o più caratteristiche che lo distinguono da altri prodotti similari;
  • DOC: ovvero Denominazione di Origine Controllata, è un marchio di qualità attribuito ai vini prodotti in zone delimitate (generalmente di piccole dimensioni) con indicazione del loro nome geografico. Attesta una disciplina di produzione rigida e l'accuratezza delle analisi chimiche e sensoriali cui sono sottoposti.
  • DOCG: è un marchio che viene attribuito ad alcuni vini DOC di particolare pregio qualitativo e notorietà nazionale e internazionale. I vini DOCG seguono un disciplinare più severo dei DOC, devono essere commercializzati in recipienti inferiori ai 5 litri e devono portare un contrassegno dello Stato che ne garantisca l'origine, la qualità e consenta la numerazione delle bottiglie prodotte.
  • Alta Qualità: è un marchio di qualità attribuito al latte (poche in Italia sono le aziende in grado di proporlo) che certifica la selezione e lo stato di salute delle razze bovine, l'igiene delle stalle, le condizioni di mungitura, la raccolta e la distribuzione, la struttura della centrale di lavorazione, i trattamenti termici e il confezionamento del prodotto stesso. Solo il latte fresco pastorizzato del tipo intero può essere di Alta Qualità.

     

    MARCHI DI QUALITÀ: CONTROLLO E DISCIPLINARE
    Il Marchio di Qualità attesta che un prodotto è passato attraverso tutto l'iter di controlli previsto dalla legge.
    Il costo dei controlli cui le aziende vengono sottoposte periodicamente è a carico degli stessi produttori che in cambio sono tutelati contro qualsiasi impiego commerciale, usurpazione, imitazione o indicazione che possa trarre in inganno il consumatore.
    La disciplinare del prodotto DOP o IGP stabilisce:
     

  • il nome del prodotto;
  • la sua descrizione attraverso l'indicazione delle materie prime e delle principali caratteristiche fisiche, chimiche, microbiologiche o organolettiche che lo caratterizzano;
  • la delimitazione della zona geografica;
  • la tracciabilità, ossia la possibilità di risalire lungo tutte le fasi della produzione fino all'origine della materia prima.

     


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
E009325C

La tavola della mamma che allatta

Come dovrebbe essere l'alimentazione di una donna durante l'allattamento? Quali sono i cibi più indicati e quelli, invece, sconsigliati?

continua »
Lenticchie-capodanno

Lenticchie: ricette adatte anche ai più piccoli

Protagoniste della tavola di capodanno, le lenticchie sono un piatto nutriente e gustoso che assolutamente non dovrebbe mai mancare sulla tavola dei più piccoli. Ecco di seguito alcune ricette sfiziose da proporre anche ai piccini. E qualche consiglio per gli acquisti.

continua »
Biscotti_Natale2014

Biscotti di Natale. Le ricette più buone

Ecco 4 ricette classiche per preparare biscottini di Natale. Da accompagnare al tè delle cinque, ai pomeriggi in compagnia, alle colazioni di festa e, perché no?, da regalare ad amici e parenti in simpatici sacchettini impreziositi e infiocchettati.

continua »
Panettone-creme2017

Creme per farcire il panettone

Dalla tradizionale crema di mascarpone alla crema di limone ecco 5 ricette per arricchire il panettone di bontà. Perfette per i pranzi e le cene che precedono Natale o per una merenda tra amici. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network