A proposito di chiacchiere di Carnevale

Perché le chiacchiere di Carnevale si chiamano così? Da dove nasce la tradizione delle chiacchiere? Come sono conosciute nelle varie regioni italiane?

Articoli Correlati

A proposito di chiacchiere di Carnevale



Per antonomasia il dolce di Carnevale, le chiacchiere sono conosciute con nomi diversi a seconda della regione in cui ci si trova. Tra i nomi più comuni frappe, frappole, cenci, bugie, frittole...


Ma come nascono le chiacchiere e perché la tradizione vuole che si mangino proprio a Carnevale?

L'ORIGINE DELLE CHIACCHIERE


Sembrerebbe che origine delle chiacchiere risalga al periodo romano, quando, in occasione dei Saturnali (una festività che corrisponde al nostro Carnevale), venivano preparati dei dolcetti a base di uova e farina chiamati 'frictilia', che venivano fritti nel grasso del maiale. La tradizione vuole che se ne preparassero grandi quantità da offrire alla folla che scendeva in strada per festeggiare e si aveva cura di averne a sufficienza anche per il periodo successivo che corrispondeva alla nostra Quaresima (le chiacchiere, infatti, si conservano facilmente se riposte in un luogo fresco e asciutto).
Si trattava, allora come oggi, di una ricetta piuttosto semplice da preparare che richiedeva l'uso di pochi ingredienti: uova, farina, zucchero, grasso del maiale (al giorno d'oggi quasi nessuno usa più lo strutto preferendo l'olio o al limite il burro).

PERCHÈ SI CHIAMANO CHIACCHIERE?

Anche per capire perché queste striscioline dolci e gustose si chiamino così occorre andare indietro nel tempo e per l'esattezza ai tempi della regina Margherita di Savoia a cui piaceva molto conversare mangiando dolcetti.
Fu così che il cuoco di corte, Raffaele Esposito, decise di preparare un dolce che potesse allietare lei e i suoi ospiti e lo chiamò chiacchiere, proprio in onore del momento in cui sarebbe stato consumato.

NOMI REGIONALI DELLE CHIACCHIERE

  • Chiacchiere: Umbria, basso Lazio, una parte dell'Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Campania, Calabria, Sicilia, Emilia settentrionale, a Milano e in alcune zone della Sardegna 
  • Bugie: Liguria e Piemonte
  • Sfrappe: Marche
  • Cioffe: Abruzzo 
  • Frappe Roma e dintorni
  • Sfrappole: Bologna
  • Cróstoli (cróstui) o gròstoi: Trentino e Venezia Giulia
  • Maraviglias: Sardegna
  • Risòle: Piemonte
  • Strufoli: Maremma Toscana (se ricoperte di miele prendono il nome di melatelli)
  • Cunchielli: alcune zone del Molise
  • Fiocchetti (perché le strisce formano un fiocco): coste dell'Emilia Romagna
  • Galani: nella zona tra Verona, Padova e Venezia
  • Gale (o Gali): Vercelli e Novara
  • Lattughe: in provincia di Brescia e di Mantova

 

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
65991162_m

Rosso: fragole, ciliegie e cocomeri

Fragole, ciliegie, cocomeri. Frutti estivi di colore rosso che apportano vitamine e sali minerali indispensabili per affrontare le giornate calde.

continua »
Picnic_spiaggia

Ricette per un picnic sulla spiaggia

Pausa pranzo sotto l'ombrellone: le ricette per la spiaggia veloci da preparare, facili da trasportare, ottime da conservare e mangiare fredde, sane e leggere e perfette per integrare vitamine e sali minerali.

continua »
Picnic_spiaggia2015

4 primi freddi da portare in spiaggia

Ecco 4 ricette di primi da preparare la sera prima, chiudere in un contenitore ermetico e portare in spiaggia per un picnic in riva al mare. Fresco, gustoso e salutare. 

continua »
Peperoni2022

Verdura di stagione: i peperoni

Tipici ortaggi di stagione, i peperoni sono ricchi di vitamina A e C, acqua e sali minerali... Sono perfetti, quindi, come ingredienti per le ricette estive.

continua »
Cerca altre strutture