Videogames e bambini, i pro e i contro

Già a partire dall’età prescolare una buona parte del tempo libero dei nostri bambini è dedicata ai videogames.

Articoli Correlati

Videogames e bambini, i pro e i contro


Già a partire dall’età prescolare una buona parte del tempo libero dei nostri bambini è dedicata ai videogames.

Il mercato ne offre di molti tipi e su supporti diversi, dal Pc, alla Play Station, dal Nintendo portatile alla Wii. Alcuni giochi hanno una lunga carriera come Super Mario, i Pokemon o FIFA aggiornato annualmente con i giocatori di calcio. Altro che figurine! Possiamo essere giocatori o allenatori e possiamo costruirci anche il giocatore come lo vorremmo! Altri giochi durano lo spazio di una stagione e poi scompaiono. L’interattività dei video giochi, le grafiche sempre più verosimili e le avventure a cui si può partecipare, rendono questi giochi veramente interessanti per i nostri bambini.





Se ne discute ancora ampiamente, alcuni genitori ritengono opportuno vietarli del tutto ai propri figli, altri invece non sono così rigidi sull’argomento.

I rischi di questo genere di giochi sono soprattutto legati al loro abuso, infatti conseguenze negative dei videogiochi usati in modo scorretto o ossessivo (video giochi, ma anche televisione) sono la riduzione degli spazi dedicati all’attività fisica e sociale, stanchezza mentale che può avere ricadute negative sul rendimento scolastico. Un rapporto disturbato con il videogioco e la televisione può portare a sostituire completamente le relazioni sociali favorendo isolamento e individualismo.

D’altra parte ci sono anche delle cose positive nei videogiochi, sono stimolanti in quanto sono giochi senso-motori, stimolano la comprensione dei compiti da svolgere, abitua a gestire obiettivi e sotto-obiettivi, può favorire autocontrollo e gestione delle emozioni, capacità di prendere decisioni velocemente, affrontare difficoltà, prendere iniziative. Inoltre possono favorire apprendimenti su alcune tematiche specifiche e conoscenze relative a terminologie tecniche.

Insomma, più che l’uso, che pare essere non così male, è l’abuso che deve preoccupare il genitore, che deve sorvegliare e mettere, se necessario, un freno alle ore dedicate ai video giochi e alla televisione. In ogni caso, è sempre importante che i genitori non lascino stabilire ai propri figli da soli, i tempi, le modalità e gli argomenti dei videogiochi. In particolare, per ciò che concerne le tematiche dei giochi, è consigliabile valutare bene i contenuti dei videogames acquistati, evitando sempre sfide violente o eccessivamente competitive.


 

Il gioco più giocato al mondo è Super Mario con 240milioni di copie vendute, pensate se le materie scolastiche avessero qualche supporto interattivo per il proprio apprendimento, quanto sarebbero più interessati i nostri ragazzi.

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Linda Cerabolini il 3 ottobre 2018 alle ore 21:13

    Questo articolo è perfetto! Materie scolastiche svolte in un modo più moderno. Brava

  • Commento inserito da WOW!!! il 5 novembre 2017 alle ore 14:58

    Ben fatto questo articolo:bravi!e STATO DAVVERO UTILE

  • Commento inserito da WOW!!! il 5 novembre 2017 alle ore 14:55

    Ben fatto questo articolo:bravi!

  • Commento inserito da Moustapha il 6 dicembre 2016 alle ore 19:13

    Molto utile questo articolo,mi ha aiutato a fare un compito

  • Commento inserito da Fede il 30 maggio 2016 alle ore 15:18

    È molto utile per i temi scolastici

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Regali-maestre2022

Regali per le maestre: qualche idea

Ultime settimane di scuola tra verifiche, feste da preparare, spettacoli da allestire. Avete già pensato al regalo per le maestre?

continua »
Epatite-bambini2022

Epatite acuta nei bambini: cosa ne sappiamo

Cresce l'allarme per la segnalazione di casi di epatite acuta nei bambini sotto ai 10 anni in diversi Paesi europei tra cui l'Italia. Di cosa si tratta? Quanto dobbiamo preoccuparci?

continua »
Musicose-Rovereto

Musicose, esperienza multisensoriale al MART di Rovereto

Ideato da Giuseppe Aceto, Musicose è un progetto del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Rovereto per avvicinare i più piccoli all'arte e alla musica.

continua »
Gardening-children

Giardinaggio con i bambini: come coinvolgerli

Sviluppare il pollice verde nei bambini è importante perché li aiuta a responsabilizzarsi, li avvicina alla natura e li rende partecipi di un qualcosa di cui gode tutta la famiglia. Ecco come coinvolgerli.

continua »
Cerca altre strutture