5 motivi per cui vale la pena viaggiare con i bambini

Tempo di pensare alle vacanze estive e molti genitori si intrrrigano sulla fattibilità di organizzare viaggi lunghi con bambini piccoli. Di seguito 5 ragioni per le quali secondo noi la risposta a questa domanda è si.

5 motivi per cui vale la pena viaggiare con i bambini



Viaggiare con i bambini è faticoso. Meglio chiarirlo subito e non girarci intorno:


i bimbi tendono ad annoiarsi, non amano camminare, mal sopportano musei e visite culturali, preferiscono senz'altro la spiaggia o i monti alle città d'arte, gli spostamenti sono rallentati dalle loro esigenze, le lunghe ore di volo vanno, in qualche modo, riempite...
Eppure, nonostante questo, riteniamo che non ci sia cosa più bella che viaggiare quando i bambini sono piccoli. Pensiamo che non esista ricordo più dolce da portarsi dietro di quello di una vacanza lontana dalla 'stessa spiaggia, stesso mare' anche quando i bambini sono ancora piccoli.
  1. IMPARIAMO A GUARDARE IL MONDO CON I LORO OCCHI

    Organizzare un viaggio con i bambini, significa, in parte, accettare dei compromessi per venire incontro alle loro esigenze. Significa essere capaci di trovare velocemente delle soluzioni qualora qualcosa dovesse andare storto. E significa mettersi nei loro panni per comprendere perché alcune cose possano incuriosirli e affascinarli e altre meno. In altre parole, significa imparare a guardare il mondo con i loro occhi, accogliendo con gioia il contributo che il loro piccolo punto di vista può attribuire alle diverse situazioni.
     
  2. LI ABITUAIAMO AD ADATTARSI E A REGIRE VELOCEMENTE AI CAMBIAMENTI
    I bambini sono abitudinari, egocentrici, attaccati alle loro consuetudini e alla loro routine. Abituarli a viaggiare sin da piccoli significa abituarli a vivere al di fuori della loro comfort zona quotidiana, adattandosi velocemente alle situazioni affrontandole di volta in volta qualora si presentino. Certo. Spesso è faticoso e occorre avere noi stessi inventiva e spirito di adattamento. Ma alla lunga, quello che si ottiene, è un bambino fluido, resiliente, in grado di affrontare l'ignoto senza paura, consapevole che in qualche modo sarà in grado di venirne a capo.
     
  3. LI AIUTIAMO A GUARDARE IL MONDO CON 'MENTE APERTA'
    Viaggiare significa accogliere quello che il mondo ci offre, interpretarlo e farlo diventare parte di noi. In una parola, vuol dire abituarsi ad avere una mente aperta sulle cose, sulla gente, sulle situazioni... sviluppando l'accettazione delle differenze, il rispetto degli altri, la curiosità verso ciò che è diverso. Inoltre, significa imparare a prendere il meglio delle altre culture, degli altri popoli, delle altre abitudini e portarlo con sé.
     
  4. INSEGNIAMO LORO LA TOLLERANZA E IL RISPETTO PER GLI ALTRI
    Quanto detto sopra, in due parole, può essere riassunto con tolleranza e rispetto per il resto del mondo. I bambini abituati a viaggiare, a confrontarsi con ciò che è diverso da loro, sono, generalmente, bambini tolleranti, capaci di cogliere le differenze e non solo accoglierle, ma farle diventare parte di loro. I bambini che viaggiano non hanno paura di affrontare l'ignoto e, appunto, ciò che non appartiene alla loro quotidianità, ma anzi, ne sono incuriositi, affascinati.
     
  5. FORMIAMO I VIAGGIATORI DI DOMANI
    Un bambino che viaggia, probabilmente, sarà un viaggiatore nel futuro. Sarà capace sempre di prendere le sue cose e partire alla scoperta del mondo.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
partenza1

Partire a settembre...

Costi ridotti, poco traffico per le strade e località turistiche quasi deserte... Per chi ne ha la possibilità settembre è un ottimo mese per partire. Anche solo per qualche giorno.

continua »
42854244_m

Una vacanza portoghese

Proposta di viaggio per tutta la famiglia a Lisbona e dintorni. Tra delfini, marionette, squali alla scoperta di una delle capitali meno conosciute d'Europa.

continua »
Trebesing

Trebesing: il primo paese per bambini in Europa

Vacanze formato famiglia? A Trebesing, in Carinzia, piccola località austriaca che vanta il titolo di primo paese per bambini e neonati in Europa. Con tanto di family hotel, attività per i più piccini nel centro storico e sentiero delle favole. Località perfetta sia per le vacanze invernali che per quelle primaverili ed estive.

continua »
balena_hp

Quebec con i bambini

Nel Quebec c’è una strada chiamata “la strada delle balene', una lunga distesa d'acqua che diventa in estate il loro habitat ideale

continua »
Cerca altre strutture