Attrezzatura da sci per bambini: come sceglierla

Sci e scarponi: meglio acquistarli o noleggiarli? Come scegliere tute, guanti e attrezzatura da sci? Il caschetto è obbligatorio o si può farne a meno? Per chi si appresta a trascorrere sulla neve le prossime vacanze invernali, ecco alcuni consigli per gli acquisti.

Articoli Correlati

Attrezzatura da sci per bambini: come sceglierla


Tra le tante spese che lo sci comporta, una voce considerevole e che incide sul budget familiare, soprattutto se i bambini sono più d'uno, riguarda l'attrezzatura. Tra sci, scarponi, tuta, giacca, guanti, caschetto, maschera, pile... , infatti, si fa in fretta a superare le centinaia di euro.
Ecco perché una scelta oculata è fondamentale, all'inizio, per contenere i costi, optando per la soluzione migliore e più adatta alle esigenze del bambino.
Ecco alcuni consigli tenendo anche presente che questo è un ottimo momento per inserire nella 'letterina a Babbo Natale' destinata a nonni e parenti prossimi, eventuali richieste in questo senso.


SCI, BACCHETTE E SCARPONI

Gli sci adatti per bambini alle prime armi o, comunque, non troppi esperti sono quelli definiti baby o junior nei negozi specializzati. Gli sci troppo performanti, infatti, sebbene più costosi, risultano decisamente pericolosi per sciatori in erba e non valgono assolutamente la spesa anche in considerazione del fatto che difficilmente un bimbo li utilizzerà per più di una massimo due stagioni. Meglio optare, quindi, per modelli basici, ma studiati apposta per far divertire il bambino sulla neve senza costituire per lui un pericolo.
Sotto ai 3 anni esistono sci giocattolo che si agganciano direttamente ai doposci.

Per quanto riguarda la lunghezza dello sci, questa non dovrà superare l'altezza del bambino. Si parte, generalmente, dagli 80-100 cm sotto ai sei anni per poi aumentare gradualmente la lunghezza man mano che il bambino cresce.
Anche l'altezza dei bastoncini dipende dall'età del bimbo. Si misura facilmente chiedendo al piccolo di impugnare le bacchette e controllando che gomito e avambraccio formino un angolo di 90º.

Per ciò che concerne gli scarponi è fondamentale che questi siano della misura giusta. Oltre al comfort, infatti, uno scarpone troppo stretto o troppo largo potrebbe essere pericoloso per la salute del piccolo, causando cadute, fratture, distorsioni... Sceglierli non è semplice. Soprattutto con i bimbi più piccini. Vale la pena, quindi, affidarsi a un venditore esperto optando per modelli più morbidi con ganci per gli sciatori meno esperti e modelli più rigidi per quelli più bravini.
Noleggio o acquisto?
La scelta è soggettiva. Naturalmente le variabili da prendere in considerazione sono tante: il numero di volte in cui si va a sciare, l'età del bambino, il suo livello sciistico... Generalmente, per sciatori occasionali, quella del noleggio è la soluzione più indicata. Si può fare anche con i bimbi alle prime armi. Soprattutto gli scarponi, che scappano in fretta di misura, potrebbe valere la pena optare, per i primi anni, per la soluzione dell'affitto.
Per quanto riguarda gli sci, sicuramente da affittare o farsi prestare per le primissime discese. Anche tenendo conto del fatto che probabilmente le prime volte il piccolo non scierà più di un paio d'ore e che, comunque, potrebbe anche non piacergli.

IL CASCHETTO
Il casco, che deve essere omologato, è obbligatorio fino a 14 anni. Dal momento che si tratta di un salvavita, è preferibile non risparmiare sull'acquisto in considerazione anche del fatto che la vita media di un casco per un bambino è più lunga rispetto a quella di sci e scarponi (è probabile che il piccolo riesca a fare anche due/tre stagioni con lo stesso caschetto).
L'unico criterio di scelta in questo senso è la sicurezza. Il fatto che sia omologato e che la misura sia quella corretta.

TUTA, GUANTI, CAPELLO
I costi per l'attrezzatura da sci sono elevati anche quando si parla di tute, guanti, cappelli... Trattandosi, infatti, di materiali tecnici, in grado di resistere agli strappi, alle cadute, al freddo, all'acqua... i produttore tendono ad alzare i prezzi anche quando si tratta di capi destinati a bambini, spesso alle prime armi.
Che fare? Se possibile, rivolgersi ad amici e parenti per chiedere se hanno qualcosa da prestare. Altrimenti, esiste un mercato dell'usato che spesso permette un risparmio anche superiore al 50%.
Marche e modelli sono poco importanti e dipenderanno dal gusto personale e dalla disponibilità economica. Ciò che conta è che si tratti di capi davvero in grado di proteggere il bambino dal freddo, dal vento e dall'acqua in caso di cadute. Comodi e resistenti.


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Winnie-The-Pooh-House

Chi vuole dormire nella casa di Winnie The Pooh?

Per tutti i bimbi che amano o hanno amato le avventure di Winnie The Pooh, una grande notizia. In Gran Bretagna è stata ricostruita la sua casetta nel bosco ed è disponibile per chi desidera soggiornarvi. 

continua »
Breslavia_Home

Viaggio in Polonia: la nostra esperienza

Non è un viaggio da tutti i giorni e in questo periodo lo è ancora meno. Ma oggi - cosa che non facciamo mai - partiamo da un'esperienza personale assolutamente positiva. Due setitmane in giro per la Polonia con una bambina di 8 anni.

continua »
Venezia-bambini2020

Venezia in un giorno. Con i bambini

Qual'è il momento migliore per visitare Venezia?  Ecco un itinerario perfetto per una giornata alla Serenissima con i bambini.

continua »
Green-Pass

Covid: come cambiano le regole dal 5 agosto

Rese note le misure messe in atto dal Governo per contenere la diffusione del virus ed evitare nuove chiusure in autunno. Entreranno in vigore a partire dal 5 agosto.    

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network