Consigli utili per visitare The Floating Piers

Ancora pochi giorni per visitare The Floating Piers, la passerella sul lago d'Iseo realizzata da Christo, che consente ai visitatori di fluttuare sulle acque. Presa d'assalto nei giorni passati, ecco qualche consiglio per organizzare al meglio la visita.


Letteralmente presa d'assalto nei giorni scorsi, The Floating Piers, l'opera d'arte realizzata da Christo sul Lago di Iseo, ha le ore contate. Il 3 luglio, infatti, tutto verrà smontato e nessuno avrà più modo di fluttuare sulle acque, galleggiando sulla passerella gialla progettata e voluta dall'artista bulgaro.
Sebbene la situazione code e affollamento sia critica e la zona abbia raggiunto il massimo di capienza ricettiva massima, The Floating Piers merita senza dubbio una viista e per i bambini è un'esperienza unica, da vivere assolutamente.


Io ci sono stata domenica 19 giugno con una bimba di 3 anni e mezzo. Non era una bella giornata e la passerella veniva spesso chiusa per pioggia, cosa che complicava ulteriormente la situazione.
Questa è stata la mia esperienza e i consigli che sento di darvi per organizzare al meglio la visita. Tenendo presente, però, che pare che la situazione attuale rispetto ai primi giorni sia leggermente peggiorata e che i treni siano stati più volte bloccati per eccesso di affluenza turistica.

DA DOVE ACCEDERE ALLA PASSERELLA
Sebbene Sulzano reppresenti l'accesso migliore, personalmente vi consiglio di starne lontani quanto più possibile. Sia che decidiate di raggiungere The Floating Piers con la macchina sia che arriviate con il treno, scegliete un punto di partenza diverso. Noi abbiamo optato per Iseo, una graziosa cittadina affacciata sul lago collegata con Montisola tramite battello.
Come tutto il resto della zona, anche Iseo viene interdetta al traffico al raggiungimento della capienza massima dei parcheggi. Per questo vi consiglio di prenotare anticipatamente il posto auto (noi abbiamo usato l'applicazione My Cicero e abbiamo speso 15€ per tutta la giornata) e il biglietto di andata e ritorno con il battello (la prenotazione va effettuata con tre giorni di anticipo rispetto alla data prevista servendosi del sito www.navigazionelagoiseo.it).
Questo non vi renderà immuni dalle code (la coda per il traghetto può superare anche le due ore), ma accelererà l'attesa.

LE NAVETTE DI COLLEGAMENTO. DA EVITARE ASSOLUTAMENTE
Evitate le navette. A parte i costi altissimi (a noi hanno chiesto 5,50€ per la tratta Sulzano-Iseo obbligandoci a fare l'AR anche se ci serviva solo una corsa), l'attesa è sfinente e può superare anche le tre ore. Con i bambini in particolare, non mettetevi nella calca. La fila, infatti, non è gestita (per lo meno quando siamo stati noi) e i bimbi vengono letteralmente travolti dalla folla.
Noi alla fine abbiamo optato per la soluzione 'passeggiata', camminando per sei chilometri da Sulzano a Iseo. Tempo impiegato (contando la presenza di una bambina di 3 anni e di uno di uno): un'ora e mezza.

MONTISOLA
Montisola è un'isola piuttosto piccola e molto graziosa dove troverete diversi bar e ristoranti pronti ad accogliervi con prezzi, tutto sommato, accettabili. Da Montisola la passerella si dirama da un lato verso Sulzano e dall'altro verso l'isola di San Paolo, un'isola privata altrimenti accessibile solo in barca. Questo tratto viene spesso chiuso ed evacuato in caso di maltempo. E' quello da cui si godono, però, gli scorci più belli e affascinanti.
Montisola merita una visita. La si può girare tutta a piedi in un'oretta circa e la sua visita completa quella a The Floating Piers.

COLORI CANGIANTI E LA SENSAZIONE DI CAMMINARE SULLE ACQUE
Non esiste un oario migliore di un altro per visitare la passerella. Aperta 24 ore su 24 riesce a dare il meglio di sé durante tutto il giorno, soprattutto grazie al tessuto scelto per ricoprirla che cambia colore in base all'inclinazione del sole.
Le ore più affollate sono, naturalmente, quelle centrali della giornata, ma difficilmente la trovere deserta all'alba o in piena notte. Scegliete, quindi, il momento migliore per voi e godetevela camminandoci sopra scalzi, così come Christo consiglia di fare per sentire pienamente la sensazione di fluttuazione sotto ai piedi.

Per maggiori informazioni www.thefloatingpiers.com

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Slovenia

Slovenia: una meta per famiglie

Non troppo lontana dall'Italia (facilmente raggiungibile anche in macchina dalle regioni del Nord), economica e poco turistica, la Slovenia rappresenta una valida alternativa ai classici tour europei. Soprattutto per chi viaggia con bambini al seguito. Ecco 4 mete imperdibili per chi si trova da quelle parti.

continua »
Regali-montagna

Vacanze in montagna? Ecco il regalo giusto

Siete pronti a partire per la montagna? Ecco il regalo giusto da mettere sotto l'albero per chi trascorrerà sulla neve le prime vere vacanze invernali. Con le marche di riferimento. 

continua »
Campus-Natale2017

Campus di Natale 2017

Le vacanze di Natale si avvicinano e per chi lavora durante le feste è tempo di pensare a una soluzione per impegnare i bambini quando le scuole saranno chiuse. Di seguito un elenco di Campus invernali 

continua »
Villaggi-Babbo-Natale2017

I villaggi di Babbo Natale

Con Natale ormai alle porte e l'atmosfera natalizia che si respira ovunque, vi segnaliamo alcuni Villaggi di Babbo Natale in Italia per i prossimi weekend fuori porta in famiglia. 

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network