Cosa fare in caso di diarrea del viaggiatore - Vacanze - Bambinopoli





Cosa fare in caso di diarrea del viaggiatore

Colpisce soprattutto chi viaggia verso mete lontane ed è uno dei disturbi più frequenti in viaggio, soprattutto quando a viaggiare sono bambini molto piccoli. Ecco come comportarsi. 

Articoli Correlati



Sono sempre più numerose le famiglie che in estate rinunciano a mare e montagna e optano per viaggi e destinazioni lontane, oltreoceano, spesso con bimbi al seguito. I viaggiatori in Italia sono stati circa 18 milioni nel 2016, un 4% in più rispetto al 2015, e il numero sembra essere destinato ad aumentare.


Viaggiare con i bambini è certamente un'esperienza unica e indimenticabile per i globetrotter incalliti: i piccoli, spesso, consentono fi guardare il mondo da prospettive diverse e obbligano i genitori a costruire percorsi alternativi pensati proprio per soddisfare le loro esigenze.
Al contempo, un viaggio con un bimbo implica un discreto sforzo organizzativo e grande attenzione una volta giunti a destinazione per evitare che una vacanza possa trasformarsi in un incubo.
I pericoli a cui vanno incontro i viaggiatori sono molteplici, ma i morsi/punture di animali esotici, le infezioni, le malattie contratte per scarse condizioni igieniche sono tra i disturbi più frequenti.


LA DIARREA DEL VIAGGIATORE
Tra le malattie più frequenti e comuni per chi viaggia, al primo posto c'è senza dubbio la diarrea del viaggiatore, un disturbo che colpisce grande e piccoli ma che nei bambini può essere particolarmente problematico e avere un decorso piuttosto lungo.
Generalmente si presenta nelle prime due settimane di permanenza nel paese straniero e si manifesta con emissione di diarrea acquosa, crampi allo stomaco e, in alcuni casi, vomito e febbre.
Tende a risolversi da sola nel giro di qualche giorno, ma è fondamentale evitare la disidratazione, l'effetto più grave del disturbo.

Come prevenire:
  • bere solo acqua minerale e bibite provenienti da bottiglie chiuse
  • evitare l’uso di ghiaccio nelle bevande
  • consumare solo latte bollito e pastorizzato 
  • evitare la verdura cruda, la frutta non sbucciata la carne fredda, le uova non cotte, i gelati artigianali, i dolci cremosi, i budini e i succhi di frutta preparati artigianalmente
  • non lavare i denti con acqua potenzialmente infetta 

Terapia e profilassi nei bambini:
per rinforzare la flora batterica, è possibile somministrare ai bambini i fermenti lattici a cominciare già da qualche settimana prima del viaggio.
Nel caso, però, in cui il piccolo dovesse, comunque, contrarre l'infezione gastro-intestinale, è sconsigliato l’uso routinario di farmaci. Meglio optare per la somministrazione profilattica di probiotici, che potenzialmente interferiscono con la colonizzazione intestinale da parte di agenti patogeni.
Per evitare la disidratazione, si possono dare al bambino da bere soluzioni reidratanti orali (da portare con sé in valigia perché non disponibili in tutti i Paesi. Si tratta di bustine che vanno sciolte in acqua minerale e date al bambino durante le fasi più acute del disturbo).



 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Giochi-carte-bambini

Giochi di carte da proporre in spiaggia ai bambini

Troppo grandi per secchielli e paletti i bambini si annoiano tutto il giorno in spiaggia? Ecco alcuni giochi con le carte da proporre loro. con le regole del gioco (laddove disponibili).

continua »
Valigie-intelligenti

Le valigie intelligenti

Se non sapete cosa regalare in questi mesi per un compleanno o un'occasione speciale, regalate una valigia. Ce ne se sono alcune veramente 'intelligenti'! 

continua »
sara_hp

Il mio campus del cuore

Sara Tononi (15 anni) ha svolto 2 giornate di alternanza scuola lavoro qui da noi a Bambinopoli e le abbiamo chiesto di scrivere della sua esperienza in un campus di volontariato con i bambini in Guatemala. Questo il suo racconto.

continua »
Bambini-vacanza-nonni

10 cose da fare mentre i bambini sono in vacanza (con i nonni)

Bambini in vacanza con i nonni? Ecco come occupare il tempo vuoto lasciato dalla loro partenza. Senza sensi di colpa e gestendo la nostalgia prendendosi cura di se stesse.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network