Perché Milano è la città in cui si vive meglio

A grandissima sorpresa è Milano la città in cui, secondo l'annuale indagine formulata dal Sole 24 ore, si vive meglio in Italia. Al secondo posto Bolzano, seguita da Aosta. Ecco i motivi. 

Articoli Correlati

Perché Milano è la città in cui si vive meglio



La notizia è recente e sta facendo il giro del web: secondo l'indagine formulata dal Sole 24 Ore e pubblicata nei giorni scorsi, Milano è la città italiana in cui, dati determinati parametri, si vive meglio per qualità della vita.
Al secondo posto si piazza Bolzano, terza Aosta. Fanalino di coda, ormai per il quarto anno consecutivo, Vivo Valentia.



Per il capoluogo lombardo si tratta di una grande novità. Mai, infatti, si era piazzata così in alto e mai le era stato conferito un tale riconoscimento (si è piazzata al secondo posto per 4 volte di seguito in 28 anni). Polemiche a parte (Linkiesta, per esempio, ha pubblicato nei giorni scorsi un articolo in cui mostra come sì Milano sia la città più 'felice' d'Italia, ma solo se lo stipendio mensile percepito supera i 6000€), quali sono gli indicatori di benessere (Milano ne ha vinti 7 su 42) che le hanno permesso di raggiungere il primato?


INDICATORI DI BENESSERE

L’indagine del Sole 24 Ore scatta una fotografia delle città italiane scegliendo di inquadrare la questione della vivibilità urbana tramite 42 parametri per ciascuna provincia (107 in tutto), suddivisi in sei macro aree tematiche (Ricchezza e consumi, Affari e lavoro, Ambiente e servizi, Giustizia e sicurezza, Demografia e società, Cultura e tempo libero). I parametri fanno sempre riferimento all’ultimo anno.

Milano ottiene la medaglia d'oro negli indicatori reddituali, di lavoro e per i servizi.
Al primo posto troviamo il numero di depositi in banca pro capite, il tasso di occupazione e il livello culturale medio.
Inoltre, si aggiudica il Cityrate 2018 come migliore smart city.

Male, invece, sicurezza, intesa come numero di scippi, borseggi e rapine, e l'indice di litigiosità nei tribunali.

LE PRIME 15

Anche quest'anno, ciò che colpisce è il grande divario tra Nord e Sud divenuto ancora più forte.
Nessuna città del Sud Italia, infatti, rientra nelle prime 15 posizione ed è sempre una città del Sud a chiudere la classifica.
A penalizzarle, soprattutto, l'indice di sicurezza, il reddito pro-capite e il tasso di occupazione.

Nei primi 15 posti troviamo, subito dopo Milano, Bolzano e Aosta, Belluno (prima nel 2017), Trento, Trieste, Bologna, Pordenone, Treviso, Gorizia, Ravenna, Lecco, Verona, Sondrio e Modena.





 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Winnie-The-Pooh-House

Chi vuole dormire nella casa di Winnie The Pooh?

Per tutti i bimbi che amano o hanno amato le avventure di Winnie The Pooh, una grande notizia. In Gran Bretagna è stata ricostruita la sua casetta nel bosco ed è disponibile per chi desidera soggiornarvi. 

continua »
Breslavia_Home

Viaggio in Polonia: la nostra esperienza

Non è un viaggio da tutti i giorni e in questo periodo lo è ancora meno. Ma oggi - cosa che non facciamo mai - partiamo da un'esperienza personale assolutamente positiva. Due setitmane in giro per la Polonia con una bambina di 8 anni.

continua »
Venezia-bambini2020

Venezia in un giorno. Con i bambini

Qual'è il momento migliore per visitare Venezia?  Ecco un itinerario perfetto per una giornata alla Serenissima con i bambini.

continua »
Green-Pass

Covid: come cambiano le regole dal 5 agosto

Rese note le misure messe in atto dal Governo per contenere la diffusione del virus ed evitare nuove chiusure in autunno. Entreranno in vigore a partire dal 5 agosto.    

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network