Malati di smog!

Ora d'aria è il nome della manifestazione che sabato 30 novembre si terrà a Milano per chiedere misure urgenti per contenere l'inquinamento. E intanto sempre più bambini sono malati per troppo smog!

Perché a Milano si respira solo quando piove?


Perché a Milano i bambini non possono uscire e le auto sì?

Perché a Milano esistono i ciclisti ma non le piste ciclabili?



Sono solo alcune delle mille domande che genitori ingrigiti dallo smog cittadino (qui si parla di Milano, ma sono tantissime le città italiane interessate dal problema) si pongono e pongono a chi dovrebbe legiferare per il bene della salute collettiva e, invece, non lo fa.

A questo proposito, dunque, si terrà proprio a Milano (che di questa lotta è diventata la musa re-spiratrice) il 30 gennaio la manifestazione Ora d'aria, indetta per protestare contro il Comune che continua a non prendere misure serie per combattere inquinamento e polveri sottili sottovalutando un problema che danneggia, poi, soprattutto le categorie più deboli, vecchi, bambini, persone malate.

Nella petizione che sarà presentata ai dirigenti comunali vengono chieste poche e semplici cose (sostanzialmente che si faccia di più per promuovere e facilitare una mobilità sostenibile a discapito di auto e automobili). L'idea, però, è quella di sensibilizzare la distratta opinione pubblica sul tema dell'inquinamento urbano, classificandolo come qualcosa che va ben oltre il problema ambientale.

 
I BAMBINI E LE PATOLOGIE DA SMOG


Secondo le statistiche, negli ultimi anni sarebbero una settantina i ricoveri giornalieri in pronto soccorso per patologie che, in qualche modo, possono essere correlate all'aumento dell'inquinamento cittadino. Tosse, asma, ictus, fenomeni allergici (anche gravi), problemi cardio-vascolari, attacchi di cuore, ictus... Sono solo alcune delle malattie più frequenti (e in aumento) dell'era moderna. Tra queste, tantissime riguardano proprio la prima infanzia (è aumentato in modo esponenziale il numero dei bambini che soffrono di allergie alle vie respiratorie e sempre più bimbi sono colpiti da patologie, anche gravi, che riguardano bronchi e polmoni).

Il movimento dei Genitori anti Smog è nato proprio per difendere il diritto di questi piccoli cittadini di vivere serenamente e senza rischi la loro città. Duplice, perciò, la finalità del movimento: da un lato spronare gli amministratori locali ad affrontare il problema dell'inquinamento con soluzioni concrete e lungimiranti, dall'altro, sensibilizzare e coinvolgere i cittadini stessi sui temi del traffico e dell'inquinamento.

 

  • Commento inserito da ines il 29 gennaio 2010 alle ore 15:06

    e la Moratti insiste dicendo che si tratta di un problema nazionale....e allora??

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »
Laboratori-creativi-autunno

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa durante il tempo libero. 

continua »
Must-Have-Fall2017

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network