Disagi scolastici. Che fare?

Cosa si nasconde dietro ai disagi scolastici dei bambini? Come vanno affrontati? Ce ne parla la dottoressa Maria Rita Esposito.

Articoli Correlati

di Maria Rita Esposito

Il rinnovamento che si vive nella scuola italiana in questi ultimi tempi richiede all’alunno e agli insegnanti un nuovo confronto sulle esperienze di gioco e sulla didattica.
Un aspetto molto vissuto dai genitori è quello della facilità e della difficoltà dei propri figli di vivere la scuola in un sereno concetto di benessere: affrontare lo sforzo sul piano cognitivo e operare relazioni sociali sono le problematiche maggiormente sentite dalle mamme.


In alcuni casi, infatti, i comportamenti dei propri figli tendono a far dedurre una disaffezione verso la scuola o almeno l’espressione di un disagio.
La lentezza dei bambini nel prepararsi al mattino per la scuola, la presenza di disturbi come il vomito e il classico mal di pancia sono gli indicatori rilevati a casa, mentre il pianto scolastico, l’estrema passività o l’aggressività vengono spesso comunicati dai docenti negli incontri con le famiglie.

Per contrapporsi al rifiuto della scuola, qualunque ne sia il motivo, i genitori possono fare molto imparando a comunicare con i propri figli.


Infatti, le difficoltà legate alla disciplina e allo studio vengono spesso vissute dall’alunno come una frustrazione e un senso di fallimento, soprattutto perché  associate a un crollo delle aspettative dei genitori e degli insegnanti.

Occorre lavorare da subito perché il bambino riconquisti la propria autostima.
A casa mamma e papà devono, col gioco e col dialogo, recuperare ampi spazi di comunicazione col proprio figlio in cui vengano espresse le esperienze scolastiche (conoscere i tempi di attività nei banchi, i momenti di esperienze nei laboratori, la scelta dei compagni di gioco, le difficoltà incontrate nelle relazioni e nei compiti in classe...). Questo è necessario per aiutare il piccolo a metabolizzare in una dimensione domestica l’esperienza scolastica e a comunicarne eventuali disagi.

Ancora oggi purtroppo lo scarso rendimento scolastico di un alunno viene tradotto come limitata capacità e come scarsa 'buona volontà'. L’osservazione, di contro, deve mirare a registrare i comportamenti (di disinteresse, di isolamento, di iperattività, di rifiuto) che possono essere espressione di disagi emotivi e relazionali.
I genitori, riconoscendo l’indole e il temperamento dei proprii figli, devono imparare a osservare e orientare la risoluzione di eventuali problemi che, congiuntamente alla scuola, vanno preventivamente affrontati e risolti.

Spesso in questo lo stesso genitore vive situazioni di sconforto nel confronto coi docenti intorno alle problematiche rilevate a scuola sul comportamento del proprio bambino, anche perché la modalità comunicativa dovrebbe essere propositiva: non basta per un genitore sentirsi dire “Dovrebbe portarlo dallo psicologo”.
Non sempre è così. Si parta dal presupposto che l’osservazione dei genitori è preziosa per riconoscere quanto e se a casa si manifestano comportamenti inadeguati simili a quelli del bambino a scuola. Ogni bambino ha bisogno di una personalizzazione di interventi in quanto diverse sono rispetto ai compagni le sue esperienze precedenti, quelle sociali e quelle familiari:
la disaffezione e la noia che può vivere verso la scuola vanno risolte con momenti di attività laboratoriali di tipo pedagogico, che lasciano emergere nel piccolo e nell’adolescente le proprie potenzialità, le proprie scelte e il proprio disagio.

Bisogna “parlare” molto, attraverso i canali più consoni all’età e al carattere dell’allievo: il disegno, la drammatizzazione, i laboratori creativi, la cronaca sono alcune modalità che aiutano a esprimere e comunicare emozioni.
Può essere importante trovare dei momenti di confronto psicologico tra genitori ed esperti che aiutino a capire cosa davvero si nasconda dietro al disagio scolastico, se solo la 'svogliatezza' verso tutto ciò che riguarda il 'mondo scuola', oppure altri problemi, magari in ambito familiare.
Per esempio a volte è presente nelle mamme un’eccessiva preoccupazione delle dinamiche che possono avvenire a scuola oppure un’interpretazione inadeguata di esse. Risulta importante accogliere le richieste emotive dei figli e non sottovalutare nulla, dando spazio (che a volte manca nelle famiglie superimpegnate) alla comunicazione.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scrivania-bambini

L'angolo studio: come arredarlo

Creare un angolo studio per i bambini significa anche progettare uno spazio in cui piccoli possano sostare a lungo e che non provochi disagio alla schiena o alla vista. Ecco come scegliere tavoli, sedie e complementi d'arredo.

continua »
Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »
Back-to-school-2017

Back to school. Partire organizzati

La check list delle 7 cose da fare in queste ultime settimane che precedono l'inizio della scuola per non ritrovarsi il giorno prima con l'acqua alla gola e1000 cose da fare e comprare. 

continua »
Bambini-e-denaro

4 modi per insegnare ai bambini il valore dei soldi

Tra gioco e apprendimento, 4 attività divertenti per insegnare ai bambini ad avere il senso del denaro, capirne il valore e intuirne le diverse possibilità di utilizzo.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network