Litigi di bambino

Normali e frequenti tra i bambini, i litigi servono per imparare a riconoscere e rispettare gli altri.

Articoli Correlati

I bambini litigano tra loro. Non quelli di oggi (che le statistiche vogliono più violenti e pronti all'attacco), ma i bambini di tutti tempi, quelli che portavano le braghe corte e quelli che indossavano il tight e il cilindro. Confrontarsi con i coetanei fa parte del difficile compito di diventare grande, significa imparare che non si è soli al mondo, che qualche volta è necessario farsi da parte e cedere, oppure che bisogna battersi per affermare le proprie idee e la propria volontà.
Nonostante, quindi, non sia bello per un genitore vedere il proprio figlio che si azzuffa col compagno o col fratello, che litiga per motivi che, apparentemente e comunque in un'ottica adulta, sembrano stupidi e banali, nonostante tutto ciò, dicevamo, sarebbe meglio in questi casi non intervenire e lasciare che i bambini se la sbrighino tra loro, che risolvano la questione come meglio credono.


Ciò implica evitare di prendere le difese dell'uno o dell'altro contendente (a meno che uno dei due sia molto più piccolo dell'altro e incapace di difendersi da solo) anche quando siamo convinti della ragione di uno e non dell'altro e non mettersi in mezzo nel tentativo di dividere i piccoli litiganti. Toccherà a loro togliersi dall'impaccio in cui si sono messi: dovranno imparare ad arrangiarsi da soli.

È intorno ai 2 anni che i bambini cominciano a nutrire interesse nei confronti dei loro coetanei. Prima il loro mondo è quello della famiglia, accogliente, protettivo, sicuro. Andando all'asilo, e a scuola poi, imparano a vivere in un gruppo, ne accettano le regole e imparano a condividerle. In questo contesto, si abituano alla presenza di estranei e iniziano a comprendere che il mondo non gira intorno a loro, che spesso, per avere qualcosa, è necessario lottare, affermare la propria personalità, le proprie idee, i propri desideri e capiscono che, talvolta, è necessario farsi da parte. Questo significa anche abituarsi ad accettare la sconfitta.
L'intervento degli adulti nelle questioni dei bambini blocca, in un certo senso, questo meccanismo che è inevitabile e fa parte della fase evolutiva del piccolo, innanzitutto perché gli toglie la possibilità di imparare a cavarsela da solo (un bambino che è abituato a correre da mamma e papà quando gli succede qualcosa di spiacevole, come potrebbe essere il litigio con un compagno, è un bambino sostanzialmente insicuro, incapace, comunque, di farsi 'giustizia' da solo); in secondo luogo, perché spesso l'ottica degli adulti su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato va contro quelle che sono le regole del gruppo, soprattutto se per gruppo intendiamo bambini della stessa età che stanno cercando di capire cosa significhi diventare grandi.


L'atteggiamento migliore da assumere, quindi, in questi casi è l'indifferenza. Potrà sembrare crudele e falso, ma è così. A casa, poi, lontano dai compagni o dall'amichetto col quale il piccolo ha litigato, gli si chiederanno spiegazioni sul suo operato (cercando, però, di non esprimere giudizi in merito a chi ha torto o ragione), condannando, eventualmente, l'eccessiva irruenza con la quale il bambino ha cercato di affermare le sue presunte motivazioni. Insegnare al bimbo a non essere violento, infatti, spiegargli che ci sono altri modi per esprimere il proprio parere, è una cosa, prendere apertamente le sue difese o sgridarlo per il litigio in sé, un'altra.

  • Commento inserito da Simona il 29 giugno 2016 alle ore 15:59

    Belle parole e bei consigli. Peccato che dopo aver contattato magoleo x la festa di compleanno di mia figlia e aver concordato con la sua assistente Jessica la partecipazione di tale Mago Matteo, perché Mago Leo non era disponibile nella data che cercavo io, nella data fatidica della festa Mago Matteo non si è presentato, irreperibile con tanto di cell staccato mentre la signorina Jessica, che di fatto era il mio unico contatto e riferimento, ha scaricato la responsabilità sul mago e tanti saluti. Per fortuna la festa è venuta bene lo stesso, ai bimbi abbiamo detto che Mago Matteo aveva fatto la magia di sparire. Mai vista cosi poca serietà e professionalità, la festa avrebbe potuto essere un disastro. Dopodiché niente mail di scuse quantomeno o una telefonata: servizio concordato, mancato, nessuna assunzione di responsabilità o scuse. Pessima esperienza da non ripetere e non consigliare.

  • Commento inserito da silvana il 27 giugno 2016 alle ore 13:58

    io dico di sì ma dalla 3/4 elementare prima è facile in più io gli regalerei un cellulare in 3 elementare senza internet ma con possibilita di chiamare/messagare le amiche

  • Commento inserito da rosy il 24 dicembre 2010 alle ore 19:23

    ma inofert può causare danno alfeto?

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Ultimo-giorno-scuola-regali

Regalo per la promozione: si o no?

E' giusto premiare il bambino con un regalo in caso di promozione e buoni voti o, così facendo, viene trasmesso un messaggio sbagliato? Quello, cioè, che ci si deve impegnare a raggiungere un risultato solo in cambio di una gratificazione materiale? 

continua »
Scuola-giugno

Scuole aperte fino a fine giugno?

Quest'anno, tra ponti ed elezioni amministrative, in moltissimi comuni in Italia tante scuole chiuderanno i primi di giugno. Pe rle famiglie un'ulteriore difficoltà che si aggiunge alla gestione dei figli. E se le scuole chiudessero a fine giugno? Se ne parla in rete.

continua »
Drynites-maggio2016

5 consigli per affrontare il problema dell'enuresi

Con i bambini enuretici, arrabbiarsi, gridare e disperarsi non serve a nulla. Quando il bimbo bagna il letto è fondamentale, invece, armarsi di pazienza, chiedere aiuto a un esperto, utilizzare gli strumenti giusti per alleviare il fastidio e adottare una strategia. Ecco 5 consigli per chi si trova ad affrontare adesso il problema.

continua »
Notte-museo

Notte al museo. Un pigiama party molto speciale

Diverse strutture museali offrono, una volta al mese, la possibilità di organizzare veri e propri pigiama party al loro interno per bambini di età scolare. Un modo divertente di vivere i musei e scoprirne le collezioni.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network