Bambini che vanno con sconosciuti

5 cose da insegnare ai bambini per evitare che vangano avvicinati da persone mal intenzionate e possano trovarsi a vivere situazioni di disagio.

di Alessia Altavilla

Non accettare caramelle dagli sconosciuti è una frase che tutte le mamme del mondo hanno ripetuto ai loro bimbi almeno una volta nella vita.
Ma se il problema non fossero le caramelle ma i cuccioli di cane?


E' diventato virale un video che mostra come un uomo, previa autorizzazione delle mamme dei piccoli, riesca a convincere bambini anche grandicelli a seguirlo con la scusa di mostrare loro gli altri cuccioli in suo possesso.
Il video ha naturalmente suscitato qualche polemica, ma è indubbio che apre gli occhi su come alla fine, per un maleintenzionato, sia facile conquistare l'innata fiducia dei bimbi verso gli adulti.
Senza, quindi, voler smontare la loro buona fede e la loro curiosità verso ciò che li circonda, ecco 5 insegnamenti utili per evitare situazioni come quella raccontata nel video.



  • Anziché insegnare ai bambini a non parlare con gli sconosciuti, è molto meglio abituarli a coinvolgere i genitori qualora qualcuno si avvicinasse loro. Perciò, nella situazione raccontata nel video, ciò che il bambino dovrebbe imparare a fare è chiedere il permesso alla mamma o al papà di poter seguire lo sconosciuto. La risposta corretta, quindi, del piccolo potrebbe essere: Ma certo, chiedo alla mamma se posso venire e poi andiamo!
  • Insegnare ai bambini che le esche possono essere diverse: caramelle, cuccioli, figurine, giocattoli... Ciò non significa che siamo circondati dal male, ma che occorre fare attenzione sempre, in qualsiasi momento.
  • Se i bambini giocano in gruppo, ogni membro del gruppo è responsabile dell'altro. Questo significa che tutti controllano tutti (ovviamente sempre supervisionati dai genitori). In questo modo, cedere alle tentazioni sarà molto più difficile!
  • Non perdere mai di vista i piccoli. Soprattutto in situazioni di grande confusione (luna park, parchi, supermercati...). Avvicinare un bimbo e trascinarlo via è davvero questione di pochi secondi.
  • Insegnate ai bambini a gridare. Sembra un consiglio poco saggio. Ma a volte basta un urlo ben emesso per far dileguare il mal intenzionato!

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network