Bambini che vanno con sconosciuti

5 cose da insegnare ai bambini per evitare che vangano avvicinati da persone mal intenzionate e possano trovarsi a vivere situazioni di disagio.

di Alessia Altavilla

Non accettare caramelle dagli sconosciuti è una frase che tutte le mamme del mondo hanno ripetuto ai loro bimbi almeno una volta nella vita.
Ma se il problema non fossero le caramelle ma i cuccioli di cane?


E' diventato virale un video che mostra come un uomo, previa autorizzazione delle mamme dei piccoli, riesca a convincere bambini anche grandicelli a seguirlo con la scusa di mostrare loro gli altri cuccioli in suo possesso.
Il video ha naturalmente suscitato qualche polemica, ma è indubbio che apre gli occhi su come alla fine, per un maleintenzionato, sia facile conquistare l'innata fiducia dei bimbi verso gli adulti.
Senza, quindi, voler smontare la loro buona fede e la loro curiosità verso ciò che li circonda, ecco 5 insegnamenti utili per evitare situazioni come quella raccontata nel video.



  • Anziché insegnare ai bambini a non parlare con gli sconosciuti, è molto meglio abituarli a coinvolgere i genitori qualora qualcuno si avvicinasse loro. Perciò, nella situazione raccontata nel video, ciò che il bambino dovrebbe imparare a fare è chiedere il permesso alla mamma o al papà di poter seguire lo sconosciuto. La risposta corretta, quindi, del piccolo potrebbe essere: Ma certo, chiedo alla mamma se posso venire e poi andiamo!
  • Insegnare ai bambini che le esche possono essere diverse: caramelle, cuccioli, figurine, giocattoli... Ciò non significa che siamo circondati dal male, ma che occorre fare attenzione sempre, in qualsiasi momento.
  • Se i bambini giocano in gruppo, ogni membro del gruppo è responsabile dell'altro. Questo significa che tutti controllano tutti (ovviamente sempre supervisionati dai genitori). In questo modo, cedere alle tentazioni sarà molto più difficile!
  • Non perdere mai di vista i piccoli. Soprattutto in situazioni di grande confusione (luna park, parchi, supermercati...). Avvicinare un bimbo e trascinarlo via è davvero questione di pochi secondi.
  • Insegnate ai bambini a gridare. Sembra un consiglio poco saggio. Ma a volte basta un urlo ben emesso per far dileguare il mal intenzionato!

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Comportamenti-salute

Salute del bambino. Non è necessario che...

Parlando di salute del bambino, ci sono comportamenti piuttosto diffusi tra i genitori ma decisamente errati. Ecco, dunque, alcune abitudini da abbandonare quando si parla di benessere dei bimbi.

continua »
Arredare-bagno-bambini

Un bagno a misura di bambino

Ecco alcuni consigli per arredare un bagno utilizzato da un bambino. Tra design e creatività cosa non deve mancare e come vanno gestiti gli spazi. 

continua »
Cose-fare-nonni

Essere nonni oggi. 8 cose da non fare e 8 da fare

Nonni: amati, ricercati, rispettati, non compresi, impegnati, sempre disponibili. Per i bambini di oggi la figura dei nonni riveste un ruolo chiave nella loro educazione e nello sviluppo emotivo. Ecco 8 cose che dovrebbero fare e 8 che non dovrebbero fare per ottenere l'approvazione dei genitori.

continua »
Danza-classica-propedeutica

Propedeutica alla danza classica. A che età si comincia?

Sono molte le bambine che arrivate a una certa età - generalmente intorno ai 4/5 anni - chiedono di essere iscritte a danza classica, spesso attirate dalla prospettiva di indossare scarpette e tutu. Ma come deve essere l'approccio alla danza classica? E da che età è corretto iniziare?

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network