Peppa Pig sbarca al cinema

La maialina più famosa del mondo, Peppa Pig, sbarca al cinema con nuovi episodi inediti che saranno proiettati nei weekend dell'11 e 12 e del 18 e 19 gennaio 2014.

Articoli Correlati

di Manuela Magri

Amata, odiata, studiata, derisa, venerata da orde di bambini e bambini dai 3 ai 6 anni, la Peppa Pig continua a rivelarsi il fenomeno del momento, tanto che dalla televisione sbarca direttamente al grande schermo dove nei weekend dell'11 e 12 e del 18 e 19 gennaio 2014 verranno trasmessi 10 episodi inediti dal titolo Peppa, vacanze al sole ed altre storie della durata di 5 minuti ciascuno per un totale di 50 minuti.
In questo modo, si punta a portare al cinema i bimbi più piccini attirandoli con il nome noto dell'amata beniamina e una formula in grado di mantenere viva la loro attenzione per la durata di tutto lo spettacolo. Potenzialmente, infatti, anche un bambino di 2 anni potrebbe assistere allo show senza segni di cedimento e seguendo attentamente le storie che scorrono sullo schermo.



UN PO' DI STORIA
Creato nel 2004 da Phil Davies che cura la produzione e i dialoghi, Mark Beker i disegni e da Neville Astley che si occupa della storia e dell'animazione, Peppa Pig oggi è distribuito in 180 paesi e ha raggiunto ovunque un enorme successo di pubblico e, spesso, anche di critica.

La formula del cartone animato è vincente, in grado, comunque, di mantenere vivo l'interesse dei piccolissimi, interesse, poi, sapientemente, incoraggiato dal marketing che ha costruito intorno alla maialina di 4 anni e alla sua famiglia, Papà Pig, Mamma Pig, il fratellino George, Nonno e Nonna Pig e una serie di altri personaggi che ruotano intorno ai protagonisti, tutto un universo di gadget, giochi, accessori, oggetti che non possono 'assolutamente' mancare nella casa di un bimbo in età prescolare.
La brevità degli episodi, le storie raccontate all'interno delle quali i bambini non faticano a riconoscersi, il linguaggio utilizzato, volutamente semplice, infantile, appunto… Tutto concorre a fare di Peppa un vero e proprio caso televisivo, un personaggio che da tempo, ormai, ha bucato lo schermo, nel vero senso della parola.
Così, in attesa del film sarà proprio lei, Peppa Pig la più presente sotto all'albero di Natale, tra peluche, giocattoli a tema, accessori, materiale da cartoleria, zainetti, magliette, stivaletti, ombrelli… e chi più ne ha più ne metta.

  • Commento inserito da Io odio Peppa Pig il 13 gennaio 2014 alle ore 17:11

    Mia figlia piccola vuole solo Peppa Pig. Mia figlia grande solo Violetta. Avete presente che vita di inferno? Peppa Pig, comunque, è quanto di peggio possa essere offerto nell'intrattenimento dei più piccoli!

  • Commento inserito da matteo il 10 gennaio 2014 alle ore 01:40

    francesca, bandire a un bambino qualcosa è triste.

  • Commento inserito da Paola il 29 dicembre 2013 alle ore 09:13

    Non sono snob.... A me Peppa piace tanto, perché' piace tanto alla mia bimba! È' speciale x tutti i motivi citati nell articolo. E parla anche tante lingue. Ciao Peppa!

  • Commento inserito da Francesca il 5 dicembre 2013 alle ore 10:43

    Insopportabile maialina. Io l'ho bandita dai regali di Natale e sto cercando di bandirla dalla mia casa. Ma cosa avrà di bello sta Peppa Pig? boh!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network