Zenzero contro la nausea in gravidanza

Per combattere le nausea della gravidanza, lo zenzero è un prezioso alleato dal momento che contrasta quella sensazione di malessere e bocca amara. Si consiglia, però, di non abusarne per i possibili effetti collaterali sulla salute dell'embrione e il buon proseguimento della gestazione.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Le proprietà antinausea dello zenzero - una pianta rizomatica che al suo interno contiene olio essenziale, gingeroli e shogaoli, nota per essere uno stimolante della circolazione periferica e per la sua azione antiinfiammatoria e antiossidante - sono note da tempo.
Non è un caso, perciò, che in diverse parti del mondo, da anni, sia la spezia più utilizzata durante la gravidanza per combattere e contrastare le nausee del primo trimestre.


La sua efficacia in questo senso è stata dimostrata in diversi studi rivelando che, assunto come radice secca polverizzata a dosaggi di 1000mg/die frazionati in 4 somministrazioni per quattro giorni, determina una riduzione significativa di nausea e vomito gravidici migliorando, quindi, lo sensazione di benessere della futura mamma.
Sotto forma di frutta candita da succhiare, grattugiato fresco su tantissimi piatti (anche nelle zuppe e nei piatti di legumi), oppure bevuto come tisana calda, è davvero un grande alleato per tutte quelle donne che nelle prime settimane di gravidanza non riescono a venir fuori dall'incubo della nausea spesso, per altro, accompagnata a vomito.

I ginecologi, però, mettono in guardia da un uso smodato dello zenzero durante la gestazione. Seppure, infatti, gli studi in materia siano contrastanti, parrebbe che un consumo eccessivo di questa spezia, soprattutto nel primo trimestre quando tutti gli organi del bambino sono in formazione, potrebbe compromettere la salute dell'embrione e del feto, aumentando il rischio di difetti fetali alla nascita.
Nulla è stato accertato e si parla comunque di 'uso smodato' (non del consumo di una volta ogni tanto). Ma trattandosi di una pianta, i cui effetti tossici non sono chiaramente dimostrabili, onde evitare problemi, meglio attenersi alle dosi consigliate e non abusarne.

Per combattere la nausea è possibile anche ricorrere alla vitamina B6 (che deve essere prescritta dal proprio ginecologo), ai braccialetti antinausea assolutamente privi di qualsiasi controindicazione, alla menta piperita in gocce da respirare all'occorrenza e al magnesio, che aiuta a riequilibrare gli ormoni e, di conseguenza, potrebbe agire sulla sensazione di nausea che il loro scombussolamento provoca.

  • Commento inserito da Francesca il 26 agosto 2014 alle ore 10:21

    Si, è vero. Il mio ginecologo mi ha prescritto lo zenzero sotto forma di integratore. Il prodotto si chiama Gyngerol spray, lo spruzzo sotto la lingua e fa effetto quasi subito. Io mi sto trovando molto bene.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network