La crosta lattea

Crosta lattea, un fenomeno comune che interessa i neonati e dipende dall'eccessiva secrezione di sebo che interessa la zona della testa.

Articoli Correlati

Non si tratta di una vera e propria malattia e non deve assolutamente creare ansia o preoccupazione nei neo-genitori. La crosta lattea o dermatite seborroica, infatti, è un fenomeno abbastanza frequente nei neonati e fa la sua comparsa, generalmente, nei primi giorni di vita del bambino per scomparire poi dopo il terzo mese (il nome 'crosta lattea' indica, appunto, il fatto che il bimbo è ancora nutrito esclusivamente con il latte).
Si tratta, in pratica, di una specie di formazione crostosa dall'aspetto untuoso dovuta a un'eccessiva secrezione di sebo che interessa la zona della testa (il cuoio capelluto) e delle sopracciglia. Raramente si estende al viso e quasi mai a tutto il corpo. In concomitanza con questo che viene considerato un disturbo della pelle si verificano episodi di piccoli tagli situati nelle pieghe della pelle e dietro l'orecchio.

Le cause di questo disturbo sono ancora per lo più sconosciute. Se un tempo si pensava, infatti, che fosse dovuto al tipo di alimentazione assunta dalla madre durante la gravidanza o alla presenza di un particolare ormone materno trasmesso al feto nel corso dei 9 mesi e non ancora smaltito dal piccolo, ora l'ipotesi più accreditata vuole che la crosta lattea sia, in realtà, da attribuire all'ancora non perfezionato meccanismo di sostituzione delle cellule vecchie con quelle nuove nel processo di desquamazione della pelle: in pratica, le cellule vecchie che provocano la caduta della pelle si sovrapporrebbero a quelle nuove dando origine alla fastidiosa crosta di cui sopra. Tutto ciò, poi, verrebbe aggravato dall'eccessiva produzione di sostanze grasse da parte delle ghiandole sebacee.
Per quanto riguarda gli effetti del disturbo sul bambino, i medici sono abbastanza concordi nell'affermare che questo, salvo complicanze dovute a infiammazioni o infezioni, non gli provoca alcun fastidio.

La crosta lattea tende, infatti, a scomparire da sola nel giro di mese (si risolve, normalmente, intorno al terzo/quarto mese) senza particolari interventi e senza alcuna conseguenza né sul piano estetico né dal punto di vista medico.
Per accelerarne la caduta, però, è consigliabile passare delicatamente sulla testa del bimbo un batuffolo di cotone imbevuto in sostanze emollienti o in olio di olivo (per l'utilizzo di eventuali prodotti farmaceutici è, comunque, consigliabile un consulto pediatrico o una visita dermatologica) in modo da ammorbidire le croste e favorire il loro distaccamento dal cuoio capelluto, distaccamento che può essere velocizzando attraverso l'uso delicato di un pettine a denti stretti.
Durante lo svolgimento di queste operazioni, è bene porre molta attenzione e agire con estrema delicatezza dal momento che la fontanella cranica è ancora aperta. Per evitare, inoltre, infiammazioni,è sconsigliato, in presenza di crosta lattea, l'utilizzo di berretti e cuffiette di lana che potrebbero ulteriormente irritare la cute. Meglio, perciò, durante i primi mesi servirsi di copricapo in cotone.
L'intervento del medico non è, quindi, necessario salvo complicazioni, come dicevamo sopra, dovute a fenomeni di infezioni e irritazioni. Da sapere, infine, che episodi di questo che interessano l'epidermide potrebbero verificarsi anche negli anni a venire. In tal caso, però, una visita specialistica potrebbe essere auspicabile.

  • Commento inserito da salerno il 4 luglio 2010 alle ore 07:13

    il mio nipotino ha la crosta lattea anche nel viso e normale'

  • Commento inserito da erica il 11 marzo 2010 alle ore 16:39

    sono una giovane mamma di un bambino di 3 mesi..volevo rispondere a francesca..quando pettino mio figlio con il pettinino apposta oltre alla crosta cadono anche i capelli fatto sta che alla nascita mio figlio era pieno di capelli e adesso e quasi senza =)

  • Commento inserito da Francesca il 18 gennaio 2010 alle ore 15:40

    Ma è normale che con la crosta lattea cadino anche i capelli?

  • Commento inserito da nicoletta il 13 giugno 2009 alle ore 21:14

    il mio bimbo ha quasi cinque mesi e non ha mai avuto problemi di crosta lattea...neli ultimi giorni pero' sembra essergli venuta, possibile solo ora?

Forse ti potrebbe interessare

Inserimento_Vanessa

Inserimento al nido. I consigli dell'educatrice

Sono giorni di inizi e per molti piccolini di inserimento al nido. Ecco i consigli di un'educatrice, Vanessa Tropiano, per affrontare al meglio questo delicato passaggio. Spesso più difficoltoso per i genitori che per i bimbi.

continua »
12-24_mesi

Dai 12 ai 24 mesi: il secondo anno di vita del bambino

Pensavate che il peggio fosse passato? Che dopo le notti insonne, l'allattamento, lo svezzamento, i dentini... Tutto sarebbe andato via liscio almeno fino all'adolescenza? Ebbene no. Benvenuti nel secondo anno di vita. Quando i bambini iniziano a prendere coscienza di sé e a dire no (e non solo).

continua »
Neolatte_settembre

Un portale... dalla parte delle mamme

Non un semplice catalogo di prodotti, ma un vero e proprio portale dalla parte delle mamme che dalla gravidanza ai primi mesi di vita del bambino, accompagna i neogenitori nel lungo viaggio della genitorialità.

continua »
Inserimento_nido_Ale

Inserimento al nido. Da mamma a mamma

Per la mia bambina è il secondo anno al nido. L'inserimento quest'anno è stato velocissimo. Giusto un bacio sulla porta e un saluto con la manina. Ma accompagnandola il primo giorno mi sono venuti in mente i primi giorni dello scorso anno. Questa è la mia esperienza personale.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network