La sesta malattia

Colpisce, soprattutto, i piccolissimi. È la sesta malattia che si risolve, normalmente, nel giro di pochi giorni.

Articoli Correlati

CHE COS'É
È una malattia infettiva virale (piuttosto banale) che colpisce in particolare i lattanti con un'età compresa tra i 6 mesi e i 2 anni.


SINTOMI
Dopo un'incubazione di circa 9 giorni, si annuncia con una febbre elevata che cessa improvvisamente alla comparsa dei primi esantemi. Ossia, dopo circa 3 giorni dai primi esantemi.

COME SI MANIFESTA


L'eruzione cutanea coincide con la scomparsa della febbre e si manifesta con macchioline di colore rosa pallido molto simili a quelle della rosolia a partire dal tronco e dal collo che si diffondono rapidamente su tutto il corpo. Altrettanto rapidamente, però, nel giro di 1 o 2 giorni, scompaiono senza lasciare traccia.

CONTAGIO
Si trasmette attraverso il contatto con la saliva o le goccioline respiratorie della persona infetta soprattutto nel periodo sintomatico della malattia, vale a dire prima della comparsa degli esantemi.

PERIODO DI MASSIMA DIFFUSIONE
Non esiste un periodo di massima diffusione di questa malattia esantemica così come avviene per le altre (varicella, rosolia, morbillo…). Il virus potrebbe colpire in qualsiasi mese dell'anno e si diffonde con maggiore rapidità tra i bimbi che frequentano il nido o la materna proprio per la maggiore possibilità di contatto tra loro.

COME SI CURA
Attraverso la somministrazione di antifebbrili durante la prima fasE.

COME COMPORTARSI
È necessario far scendere la febbre al bambino più che altro perché questa potrebbe essere accompagnata da inappetenza o nausea e da disturbi del sonno. Dopodiché conviene aspettare che la malattia, che passa senza lasciare traccia, faccia il suo corso normale.

COMPLICAZIONI
Le complicazioni sono praticamente assenti. Si tratta, infatti, di una malattia decisamente banale che non deve minimamente preoccupare i genitori.

COME PREVENIRLA
Non ci sono rimedi efficaci per prevenirla dal momento che non esistono vaccini. Il consiglio potrebbe essere quello di lasciare il piccolo a casa qualora a scuola vi siano casi accertati di 'Sesta Malattia'.

UN CONSIGLIO
Poiché spesso la 'Sesta Malattia' è accompagnata da febbre alta, qualora questa dovesse essere responsabile di convulsioni, la cosa migliore da fare è mantenere la calma, prendere il piccino e portarlo in ospedale dove gli verrà somministrato del valium per via rettale. Nonostante, infatti, le convulsioni febbrili siano lo spauracchio di tutte le mamme, queste sono abbastanza comuni nei bimbi predisposti (e non c'è modo di sapere a priori se il bambino lo sia o meno). Farsi prendere dal panico e dall'agitazione non serve a nulla e potrebbe essere controproducente.

  • Commento inserito da Noemi il 13 maggio 2017 alle ore 10:21

    Il mio bimbo ha 7 mesi l altro ieri x 3 giorni ha avuto 38,39 di febbre e ieri sera sono cominciate a spuntare queste puntine a macchie.. ho sentito che non bisogna fare il bagnetto, ma è vero? Aiutooo

  • Commento inserito da sabrina il 11 febbraio 2015 alle ore 17:03

    L articolo è molti chiari ma volevo sapere... mio figlio ora è nella fase dei puntini, e normale che abbia sempre sonno?

  • Commento inserito da Patricia il 29 dicembre 2011 alle ore 15:46

    La mia bimba ha avuto la sesta malattia quando aveva 8 mesi. Si manifesta proprio nel modo descritto nell'articolo e, a parte la febbre un po' alta nei primi giorni, scompare in fretta senza lasciare traccia. Se i bimbi non hanno tanta fame pazienza; basta idratarli bene nei giorni in cui si nutrono poco.

  • Commento inserito da PATRIZIA il 7 novembre 2010 alle ore 12:03

    ciao mio figlio ha 15 mesi
    tre giorni fa ha avuto la febbre 38/39 il giorno dopo li e passata oggi le sono comparse delle macchioline rosse con la punta bianca .PUO essere la sesta malattia.

  • Commento inserito da anna il 29 luglio 2010 alle ore 14:25

    grazie..però non dice come aiutare il bimbo a mangiare..visto che provoca inappetenza.e rischia l acetone..

  • Commento inserito da Guido Matarazzo il 24 dicembre 2009 alle ore 22:46

    E' un articolo che illustra benissimo il decorso della malattia ed è utile per i genitori

  • Commento inserito da Rosa il 10 dicembre 2009 alle ore 12:24

    l'articolo è stato di grande aiuto,è chiaro ora posso stare tranquilla per il mio piccolo.

  • Commento inserito da Giusy il 5 dicembre 2009 alle ore 00:19

    E di grande aiuto.. Grazie

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network