Sulle piste da sci

Riparte alla grande la stagione sciistica. Ecco tutto quello che potrebbe servire al bambino prima di infilare scarponi e sci e alcune regole di buon comportamento sulle piste.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Lo sci. Uno sport che sempre più viene praticato anche dai piccolissimi che cominciano a calcare le piste, accompagnati dai genitori o da un istruttore, già intorno ai 3/4 anni di età. Divertente, appassionante, a suo modo diverso dai soliti sport che si praticano al chiuso (e anche all'aperto) vedrà impegnati nelle prossime settimane (le migliori per chi sta pensando o già ha organizzato la classica settimana bianca) centinaia di afficionaods, giovani temerari, vecchi irriducibili, famiglie con bimbi al seguito.
Per tutti, quindi, ecco un ripasso di quelle che sono le norme di comportamento e i consigli per sciare in tutta sicurezza nel rispetto degli altri e dell'ambiente.


L'ATTREZZATURA DELLO SCIATORE
Sci, scarponi, bastoncini… Certo, quando si pensa allo sci sono queste le prime cose che vengono in mente. Eppure, un'attrezzatura così composta non è completa, anzi, è proprio insufficiente, soprattutto quando si tratta di un bambino. Il caschetto di protezione, infatti, obbligatorio per i minori di 15 anni, è indispensabile per prevenire i rischi dovuti da incidenti (cadute, scontri...) che, talvolta, si verificano sulla neve e che, spesso, vedono coinvolti bambini.
Il casco scelto, ovviamente, dovrà essere della misura della testa del bambino (per misurare la taglia, fatelo indossare al bimbo che, muovendo la testa avanti e indietro, non dovrà sentirselo né 'ballare', né stringere eccessivamente sulla fronte e sulle guance) e dovrà essere progettato per assorbire gli urti. Il cinturino sotto al mento andrebbe sempre allacciato e, sotto al casco, non bisognerebbe mettere il berretto di lana. Al massimo, per riparare la testa e la faccia dal freddo, potreste acquistare un passamontagna in seta o in lana sottile.


Da non sottovalutare anche l'importanza dell'utilizzo degli occhiali da sole o della mascherina da neve per proteggere gli occhi dal riverbero del sole (ad alta quota più pericoloso che in spiaggia) e dal vento. Per i bimbi più piccini la mascherina è sicuramente più indicata. Quelli più grandi, invece, possono usare tranquillamente gli occhiali purché recanti la certificazione del marchio Ce che ne attesta la capacità di filtrare i raggi UV, la resistenza agli urti, l'assenza di effetti correttivi o di distorsione delle immagini.

NORME SULLE PISTE DA SCI
Insegnare ai piccoli le norme da rispettare sulle piste da sci (norme di rispetto per gli altri e per l'ambiente) non solo può risultare educativo per loro, ma risulta sicuramente utile per salvaguardare la loro sicurezza sulla neve evitando spiacevoli incidenti causati, spesso, da superficialità e 'pretesa' di essere soli. Vediamo, in linea generale, quali sono queste regole.
 

  • É vietato intralciare con la propria discesa quella di altri sciatori meno bravi o esperti e che comunque sciano accanto a noi.
  • É necessario controllare la propria velocità (i bambini, infatti, spesso si lanciano in discese 'ad uovo' che creano non pochi problemi anche agli spettatori che a fondo valle si godono lo spettacolo di chi scia)
  • É importante che i bimbi capiscano che tagliare la strada o non mantenere l'adeguata distanza di sicurezza può essere molto pericoloso, sia per loro che per gli altri.
  • Non fate fermare i bambini in mezzo alla pista a mangiare o per riposarsi: potrebbe costituire un problema per chi viene giù e anche per loro che in quel momento non sono nella condizione di poter reagire tempestivamente ad un'eventuale collisione.
  • Insegnate ai piccoli a comportarsi nel modo più corretto possibile anche nel caso in cui non siano loro stessi i diretti interessanti di un incidente: il senso civico lo si apprende nelle piccole cose, e un bambino che si ferma a soccorrere chi è caduto o si è fatto male è un bambino che dimostra un grosso senso di responsabilità e una precisa coscienza civica.
  • Se i bimbi sciano da soli, date loro un documento che permetta, eventualmente, ai soccorritori a riconoscerli nel caso in cui succeda qualcosa. Basta anche un recapito dei genitori, un numero di telefono, un nome. In questo modo, faciliterete le operazioni di soccorso e sarete subito avvertiti nel momento del bisogno.

     

    Infine un consiglio per gli amanti dei fuori pista. Indubbiamente sciare sulla neve fresca, lontano dalla folla, dai rumori, immersi nella natura... è divertente e stimolante. In ogni caso, anche doveste essere sciatori esperti, evitate di farlo in presenza di bambini e, soprattutto, prima di abbandonare i tracciati regolamentari, informatevi sulle condizioni climatiche e della neve lasciando detto a qualcuno dove intendete recarvi, in quanti siete e il tempo previsto per la discesa. In caso di bisogno, sarete così facilmente rintracciabili.


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

vitaminaD

Vitamina D: la vitamina dell'estate

A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi solari. Non è facile sopperire a carenze di vitamina D solo solo attraverso l'alimentazione'.  Ecco perché può essere considerata la vitamina dell'estate.

continua »
Stoccolma-Junibacken

5 musei da visitare in Europa con i bambini

Probabilmente avrete già pianificato fino all'ultimo dettaglio le vostre vacanze estive. Ma se vi trovate a visitare uno dei Paesi citati nell'articolo, non mancate di visitare i musei che vi raccontiamo sotto. Faranno impazzire i vostri bimbi. 

continua »
Bosco-Meraviglie

Gita al Bosco delle meraviglie

Il Bosco delle Meraviglie è un parco emozionale, il primo in Italia, situato nel cuore della Val di Susa. Qui, in mezzo al verde e a una natura lussureggiante, i bambini potranno incontrare lupi, gnomi, folletti, creature della foresta... In un'avventura emozionante che li vede protagonisti assoluti.

continua »
Creme-solari-SFP

Protezione 30 o 50? Quale scegliere?

Per i bambini è consigliabile usare la protezione 30 o 50? Esiste una reale differenza tra l'una e l'altra? Quando è consigliabile passare a una protezione più bassa? Oltre il marketing, alcune verità sulle creme solari.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • MUGHETTO_1

    Il mughetto del lattante

    Il mughetto è un'infezione micotica causata da un particolare tipo di fungo che colpisce il neonato soprattutto nel periodo dell'allattamento.

    continua »
  • Consigli_vasino

    5 consigli per togliere il pannolino

    Arriva l'estate, che è la stagione ideale per le mamme dei bambini intorno ai due anni per togliere il pannolino al piccolo. Vi proponimo 5 consgili utili per...

    continua »
  • Acquaticita_neonatale

    Acquaticità neonatale al mare

    Come comportarsi con i bambini di meno di un anno al mare, per un approccio morbido all'acquaticità, che non provochi traumi al piccolo. Le linee guida di...

    continua »
  • nanna_vacanza_17

    Che fatica la nanna in vacanza

    A casa non ha mai avuto problemi. Tutte le sere il sonno è sempre arrivato puntuale facendo crollare il bimbo nel suo lettino. Ma una volta in vacanza sembra...

    continua »
  • vitaminaD

    Vitamina D: la vitamina dell'estate

    A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi...

    continua »
  • Prepare_valigie

    La valigia perfetta

    Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi...

    continua »

Seguici sui network