A scuola il rispetto per l'ambiente

Il FAI – Fondo Ambiente Italiano, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, offre alle classi della scuola dell'Infanzia un kit didattico per sensibilizzare i bimbi sul tema del rispetto dell'ambiente.

Articoli Correlati

A scuola il rispetto per l'ambiente


Il FAI – Fondo Ambiente Italiano, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, offre gratuitamente alle classi della scuola dell’Infanzia uno speciale kit didattico, comprendente una favola-gioco e schede di laboratorio, per sensibilizzare i più piccoli sul tema del rispetto dell’ambiente. Il tutto, naturalmente, presentato, sotto forma di fiaba, facilmente comprensibile per bimbi di pochi anni (C’era una volta un mondo felice che oggi è triste… I fiumi, i ruscelli, il mare sono pieni di bottiglie di plastica. Molte strade della città sono invase dai rifiuti… Non si può proprio continuare così!..)
I bambini saranno, in pratica, forniti di un opuscolo, il Rifletto-libretto, che con l’aiuto dei suoi fidati amici, Ricerco-lente, Bruco-riduco e Cucchi-riciclo, li guiderà a comprendere cosa occorre fare e come bisogna muoversi.


Questa è l’inizio della favola-gioco ideata per introdurre i più piccoli ai temi dell’ambiente, del paesaggio e dei rifiuti, con tanti personaggi spiritosi realizzati con materiali di riciclo. A corollario della favola i piccoli lettori scopriranno una serie di schede-attività e mini laboratori per esprimere sensazioni ed emozioni, e riflettere in modo divertente, a scuola e a casa, sul riuso e il riciclo dei rifiuti. Tra gli obiettivi cui mira il progetto vi è quello di stimolare i più piccoli a stili di vita sostenibili sviluppando un atteggiamento di “cura” nei confronti delle cose e dei luoghi.

 
COME OTTENERE IL KIT

Il kit può essere richiesto tramite il sito www.faiscuola.it o scrivendo a scuolaATfondoambiente.it oppure inoltrando la richiesta al numero di fax 02-48193631).


Infine, il kit viene inoltre distribuito - fino a esaurimento scorte - nei Beni del FAI alle classi che partecipano a una “visita animata” organizzata dall’ente stesso.

 

 
VISITE ANIMATE: UN’OCCASIONE PER IMPARARE

Il FAI propone ai bambini della scuola dell’infanzia speciali visite “animate” condotte all’interno dei Beni: antiche dimore, castelli, ville, abbazie, giardini e parchi. I bimbi, indossati costumi “a tema” (abiti medievali all’interno dei castelli, pirati all’Abbazia di San Fruttuoso, pastori e contadine a Villa dei Vescovi…), vengono coinvolti attraverso magiche storie ambientate nel bene FAI e sono messi alla prova con giochi, indovinelli, attività di manipolazione.
I percorsi fanno leva sulle emozioni e l’immaginazione e consentono di far vivere ai bambini l’atmosfera e la vita di luoghi suggestivi e di tempi antichi. Le visite si suddividono in due momenti: in mattinata la classe va alla scoperta del bene, mentre nel pomeriggio vengono realizzati laboratori che riprendono la storia raccontata precedentemente.
È, inoltre, possibile organizzare delle feste di fine anno scolastico con la classe insieme ai genitori.

 

Per saperne di più: www.faiscuola.it

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Vaccino-antinfluenza2020

Perché gli operatori sanitari spingono verso il vaccino influenzale?

Dal momento che distinguere il Covid dalla comune influenza è pressoché impossibile senza il tampone, l'unica soluzione per tracciare eventuali focolai è praticare la vaccinazione influenzale almeno a un italiano su quattro.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network