Domande imbarazzanti

Ci sono frasi che sarebbe meglio evitare perché possono creare nei bambini frustrazione e angoscia.

Articoli Correlati

Domande imbarazzanti


Spesso vengono pronunciate in momenti di rabbia, senza rifletterci troppo e senza dare molto peso a quanto viene detto. Eppure i bambini ascoltano e tendono a rimuginare e rielaborare le frasi degli adulti, soprattutto se si tratta di mamma e papà. Sarebbe, quindi, utile evitare di utilizzare certe espressioni in loro presenza, soprattutto se usate per convincerli a fare o non fare qualcosa o per sgridarli.


ALCUNI ESEMPI

Un classico è rappresentato dalla minaccia psicologica: “se non la smetti, chiamo l’uomo nero!”. È un espediente per farsi obbedire ricorrendo allo spauracchio e che spesso, in particolare nei bimbi molto piccoli, ottiene l’effetto desiderato. In questo modo, però, il bambino non comprende il vero senso dell’obbedienza e perché è giusto che abbia determinati comportamenti, ma semplicemente, si piega al volere dell’adulto per paura, cosa che lo rende fragile e spaventato. È meglio, quindi, anche quando si agisce spinti dalla rabbia, cercare un modo per rassicurarlo anche nel momento in cui lo si sgrida, facendogli capire dove sta sbagliando e come dovrebbe comportarsi correttamente, per il suo bene non per la nostra tranquillità.



Vuoi più bene alla mamma o al papà?” è una domanda che spesso amici e parenti rivolgono al piccolo senza dare davvero un senso a quello che stanno chiedendo, ma che getta il bambino nella confusione, poiché si vede costretto a dover scegliere tra due affetti per lui fondamentali, con l’angoscia di ferire uno o l’altro genitore e con la paura di non aver risposto correttamente alla domanda. È, inoltre, scontato che la sua preferenza sarà indirizzata al genitore col quale, in quel momento, va più d’accordo o che lo accontenta di più. Oppure si limiterà ad un “a tutti e due”, rimuginando poi dopo, da solo, a chi dei due effettivamente vuole più bene. Insomma, una domanda da evitare assolutamente anche perché inutile.

Se posta poi da mamma e papà, soprattutto se nella coppia esistono dei problemi, esplicita al bimbo le difficoltà e le tensioni familiari, senza, però, dargli uno strumento per capire quello che sta succedendo in casa. È sempre meglio evitare, quindi, di mettere in mezzo i piccoli nelle liti tra marito e moglie o di usarli come oggetti di potere e di controllo, soprattutto se il fine di questa manovra è il proprio tornaconto personale.
INUTILI CONFRONTI

Un altro atteggiamento sbagliato è quello di confrontare l’operato del bambino con quello di compagni e amichetti, sminuendo le sue capacità. I bimbi hanno, infatti, bisogno dell’appoggio degli adulti per trovare fiducia in loro stessi e per essere stimolati a far meglio. Un frase, quindi, tipo “guarda com’è bravo il tuo compagno”, anche se pronunciata con le migliori intenzioni e in modo assolutamente innocuo, non fa che mortificare il piccolo rendendolo insicuro. Anziché spronarlo a far meglio, lo getta nell’incertezza, convincendolo di essere un perdente. Il bimbo va, invece, rassicurato, facendogli sentire il nostro sostegno anche quando sbaglia o quando non è in grado di fare qualcosa. Meglio, perciò, dirgli: “Sei intelligente, e ce la farai a fare questa cosa. Devi solo impegnarti di più e applicarti”. Mortificarlo e sminuirlo non serve a nulla.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Equitazione-bambini2019

Equitazione: uno sport completo

L'equitazione è uno sport a tutti gli effetti, completo sia dal punto di vista fisico che per quanto riguarda l'aspetto educativo e di responsabilizzazione del bambino. Ecco perché.

continua »
Piccolobrucomaisazio

Tutti i libri di Eric Carle

Si è spento all'età di 91 anni Eric Carle, autore statunitense noto per aver scritto il libro Il piccolo Bruco Maisazio, best seller della letteratura per l'infanzia. Ripercorriamo assieme la sua bibliografia.

continua »
Bonus-centri-estivi2021

Hai già richiesto il bonus centri estivi?

C'è tempo fino al 30 giugno per richiedere il bonus centri estivi 2021, il servizio dell'INPS che dà diritto a un bonus per l'acquisto di servizi di baby sitter o servizi integrativi per l'infanzia. 

continua »
Giornata-Mondiale-Igiene-Mani

5 maggio: Giornata Mondiale dell'Igiene delle Mani

In tutto il mondo il 5 maggio si celebra la Giornata dell'Igiene delle Mani, un'iniziativa volta a ricordare a tutti l'importanza di lavarsi sempre le mani per evitare la diffusione di virus e batteri.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network