Educazione all'ascolto...

Ultimi giorni di scuola. Programma agli sgoccioli. Approfittatene per organizzare una lezione... all'ascolto.

Articoli Correlati

Sono infiniti i suoni della natura che ci circonda, ma troppo spesso li ignoriamo per distrazione o perché abituati a recepirne solo alcuni, come per una sorta di selezione inconscia.
Il modo migliore per imparare a conoscere la voce dell'ambiente, distinguendone le sfumature, i rumori più forti da quelli impercettibili e valorizzando entrambi, è quello di organizzare un'escursione muniti di un registratore.


Il primo passo è, sempre, organizzarsi per evitare brutte sorprese: occorreranno, se possibile, più registratori portatili a batteria (controllare che funzionino e che la batteria sia carica, pena un'enorme delusione per i bambini!).

Gli ambienti in cui ci si recherà dovranno essere diversificati, per confrontare il background sonoro differente. Irrinunciabile sarà l'ambiente naturale: la campagna, il parco, il corso di un fiume, un bosco. Poi, si potrà azionare il registratore anche lungo la strada, in centro città, alla stazione, in un negozio, a scuola durante l'intervallo o la lezione.

Il momento principale arriva una volta tornati in classe: l'insegnante/animatore dovrà essere in grado di suscitare interesse e attenzione per cogliere tutti i suoni. Anche in questo caso, alcuni rumori saranno recepiti da tutti (per esempio, il passaggio di un aereo), mentre per altri, più flebili, si dovrà riascoltare la registrazione più di una volta. Si cercherà di individuare la fonte, la qualità e le caratteristiche del suono nel modo più preciso possibile. Per esempio: rumori metallici, acuti, stridenti, ritmici, frastornanti, tipici della città, mentre in un ambiente naturale troveremo il fruscio delle foglie, il cinguettio degli uccelli, il gorgoglio di un ruscello, il frinire delle cavallette e dei grilli, e così via... È importante riuscire a descrivere ogni suono e rumore con termini appropriati. Infine, in un luogo familiare - la scuola -, si confronterà il chiasso dell'intervallo con il clima è più tranquillo della lezione, si cercherà di riconoscere i compagni che parlano e cosa dicono.




Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bambini-tiranni

Come comportarsi se il bambino è un tiranno

Prepotenti, dispotici, arroganti. Sono i bambini tiranni, abituati a sfidare gli adulti e ad averla vinta sempre loro. La causa è quasi sempre un modello educativo sbagliato, che non tiene conto dell'esigenza primaria di un bimbo: avere delle regole. Ecco cosa fare se il bambino è un piccolo tiranno.

continua »
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network