Guida all'uso dei farmaci

Prima di somministrare un farmaco, leggere attentamente le istruzioni ed evitare il 'fai da te'.

Articoli Correlati


Non tutti i farmaci presenti in commercio, anche tra quelli acquistabili comunemente in farmacia senza ricetta medica (e da quest'anno anche al supermercato), sono adatti ai bambini sotto ai 12 anni e non sempre (o meglio: non per tutte le malattie), una terapia farmacologica è tollerata dal fisico di bimbi troppo piccoli: talvolta infatti, i benefici apportati dalla cura, non valgono il costo (in termini fisici, non economici) della stessa.
L'errore più comune, invece, che spesso i genitori commettono è quello di considerare i bimbi malati alla stregua di 'adulti malati in miniatura', comportandosi di conseguenza come se lo fossero; alla luce di questo, è fondamentale che si sviluppi una mentalità per cui il farmaco non sia il primo rimedio a cui aggrapparsi quando il bambino sta male e non si vedono altre alternative di cura.
Aldilà, poi, del fatto che prendere decisione in merito alla terapia migliore da seguire per un bimbo senza il parere medico è, comunque, un atteggiamento sbagliato e, spesso, controproducente, rimane il discorso che l'abuso di farmaci va sempre condannato e scoraggiato, anche alla luce di quanto emerso da studi autorevoli che hanno dimostrato come l'organismo del bambino, fino all'età puberale, sia maggiormente soggetto, rispetto a quello di un adulto, a subire gli effetti tossici dei farmaci stessi. (Il motivo è molto semplice: l'organismo, essendo in fase di crescita, non riesce in tempi brevi attraverso la metabolizzazione delle sostanze esterne a espellere in tempi brevi quelle nocive per il corpo).


Due, quindi, i consigli per evitare problemi dovuti a un eccessivo abuso di medicinali, dettati entrambi dal buon senso:
 


  • innanzitutto, prima di prendere qualsiasi decisione in merito alla terapia da seguire, anche si trattasse di un comune raffreddore, consultate il medico o, se impossibilitati a farlo, aspettate qualche giorno prima di decidere la cura. A meno che non si tratti di casi gravi, le normali malattie che colpiscono i bambini passano senza alcuno strascico nel giro di qualche giorno.
  • In secondo luogo, leggete sempre con molta attenzione il foglietto illustrativo anche qualora stiate somministrando medicinali che utilizzate da anni personalmente, ricordando, lo ribadiamo, che un bambino non è un adulto e che gli effetti delle sostanze contenute nei farmaci possono avere sul suo organismo effetti diversi da quelli che hanno sul vostro.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Liberta-estate

12 cose che i bambini devono fare durante l'estate

Estate, per un bambino, significa, soprattutto, libertà. Libertà dalla scuola, dagli impegni del pomeriggio, libertà di correre e giocare all'aria aperta. Di trasgredire, di quando in quando alle regole date. Ecco un elenco di 12 cose che, secondo noi, i piccoli dovrebbero sperimentare in questi mesi estivi.

continua »
passeggiateguinzaglio_cv

Bambini al guinzaglio. Favorevoli o contrari?

In Inghilterra pare essere una prassi consolidata e molto usata dalle mamme. In Italia l'idea di portare in giro il bimbo 'al guinzaglio' fa storcere un po' il naso. Sono utili, quindi, o no le redinelle? E se sì, in quali casi?

continua »
primosoccorso_cv

Primo soccorso: ferite

Come comportarsi in caso di ferite, tagli, sbucciature... per evitare infezioni.

continua »
pronto intervento_cv

I bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli

Un corso di pronto soccorso chiaro, semplice e certificato per tutti. Presentato a Palazzo Marino, aggiornato secondo le nuove normative europee, torna il video I nostri bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli.

continua »
Cerca altre strutture