I primi pudori

Intorno ai 5 anni i bimbi diventano consapevoli del proprio corpo e, di conseguenza, pudici. Come comportarsi.

Articoli Correlati

Fino ai 12/18 mesi, il bambino non percepisce la distinzione tra il proprio corpo e quello della mamma. Solo intorno a quell'età comincia a prendere coscienza del mondo esterno e di tutto quello che può scoprire e sperimentare. La sua scoperta è quella di un un 'piccolo selvaggio', ignara di regole o sensi del pudore. Si osserva, si tocca, sperimenta le diverse parti del proprio corpo, tra cui anche gli organi sessuali. In questa fase è molto importante non reprimere questo desiderio di scoperta, non scandalizzarsi o imbarazzarsi di fronte a questi comportamenti del bambino.

Verso i 4 anni vostro figlio diventa un animale 'sociale' a tutti gli effetti e comincia a confrontare il proprio corpo con quello degli altri bambini e degli adulti. E' qui che inizia a svilupparsi il 'senso del pudore' (da non confondersi con la vergogna!).


Così capita che di colpo, vi butti fuori dal bagno, non si lasci più lavare o vestire, si imbarazzi se girate nudi per casa. Non preoccupatevi, non è la società che ne sta facendo un 'bacchettone', si tratta di una fase assolutamente normale e importante della sua crescita, derivante dall'osservazione del mondo intorno a sè. Il senso del pudore è lo strumento che il bambino utilizza per mantenere la prorpia identità rispetto agli altri, conservarsi come individuo con una parte privata, solo sua.

In questa fase è importante rispettare questo bisogno di privacy del bambino: lasciatelo solo in bagno se percepite che lo desidera, fate in modo che si lavi da solo le parti intime, soprattutto, non prendetelo in giro per il suo eccessivo pudore. E non dimenticate che il 'livello' di pudicizia del bambino è parte del suo carattere. Come negli adulti, ci sono bambini più o meno riservati e una forzatura al loro senso del pudore equivale a una forzatura del loro intimo e del loro essere.


  • Commento inserito da sole il 1 ottobre 2009 alle ore 18:53

    prova a parlarne con uno psicologo dell'infanzia, comunque le femmine iniziano a masturbarsi intorno ai 4 anni.. è del tutto normale.

  • Commento inserito da jessica il 25 giugno 2009 alle ore 11:57

    io ho una bambina di 32 mesi da qualche tempo tornava dall'asilo e accusava sempre dei dolori alla patatina e prendendola con le buone mi ha raccontato k all'asilo tra compagnetti si toccavano e k succedeva spesso k gli faccevano ale a lei....allora come mi disse quelle cose mi senti gelare parlai con la maestra k io ero contrarissima a questo tipo di cose e lei mi disse di non vederla con malizia k i bambini stanno soo scoprendo il loro corpo e che è una cosa normale...io ho ritirato mia figlia dall'asilo dal giorno non accusa più dolori alla patatina però a preso a fare delle cose stranissime come lo toccarsi molto spesso o come introdurre all'interno della patatina degli oggetti...io sto reaggendo molto male a queste cose;agli inizi gli spiegavo k non si facceva e k poteva finire all'ospedalema non risolvendo niente sono passata alle maniere un pò più forti persino picchiandole le mani ho il sedere ma non riesco a risolvere lo stesso...mi dia un consiglio lei perchè non sò proprio più come comportarmi....

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-sotto-albero2017

3 libri stupendi da mettere sotto l'albero di Natale

Si dice che a regalare libri non si sbaglia mai. Se poi i libri, oltre a essere interessanti, sono anche divertenti e belli da sfogliare, ancora meglio. Ecco 3 titoli per bambini dai 5 anni in su da mettere sotto l'albero di Natale.

continua »
Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network