Il sonno della notte genera mostri

Anche se il buio fa paura e il sonno è popolato da mostri, è bene abituare i bambini a dormire da soli nella loro stanza. Possibilmente già dai primi mesi di vita.

Articoli Correlati

di Manuela Magri

Capita che per ragioni di comodità (necessità di sorvegliare la regolarità del loro sonno, frequenza negli orari di allattamento…) i bambini appena nati dormano nel lettone con mamma e papà. Nonostante soluzioni alternative esistano in questi casi (il piccolo può addormentarsi nella culla sistemata nella stessa stanza dei genitori), la tendenza è, comunque, nei primi mesi di vita del bimbo di tollerare, se non addirittura di incoraggiare, un atteggiamento di questo tipo. Ciò che, però, gli esperti consigliano all’unanimità per i mesi successivi (vale a dire sicuramente dopo lo svezzamento) è di abituare i bambini a dormire da soli nel loro lettino e nella loro stanzetta, per evitare che prendano atteggiamenti sbagliati e che subiscano traumi nel momento in cui il passaggio dal lettone al lettino sarà inevitabile.

La richiesta di restare con mamma e papà durante la notte, infatti, non è una manifestazione di problematiche psicologiche, ma solo il sintomo della paura del piccolo a rimanere da solo nelle ore più buie, quando gli “incubi” vissuti durante il giorno, spesso in modo inconscio, si materializzano divenendo reali (i cari vecchi mostri della notte!).


Non si tratta di capricci veri e propri poiché la paura del bambino è reale e tangibile per lui, ma potrebbero diventare tali se assecondati e tollerati. In questi casi, infatti, quando il piccolo manifesta il suo terrore di rimanere da solo durante la notte, la cosa migliore è fargli capire che nulla può capitargli, che anche se lontani mamma e papà vegliano su di lui e lo proteggono e che il buio non nasconde in sé nessuna insidia particolare.

Probabilmente, all’inizio, la cosa non sarà semplice: occorrerà armarsi di molta pazienza, trascorrere molte ore nella camera del bambino prima che si addormenti in modo da rassicurarlo durante il dormiveglia con la vostra presenza, tranquillizzarlo leggendogli una fiaba per farlo cadere nel sonno profondo…, ma alla fine la perseveranza darà i suoi frutti.

Dopo aver superato, infatti, le paure ed essersi reso conto che nulla di male può accedergli durante la notte, il bimbo si sentirà protetto nella sua stanza come in quella di mamma e papà e troverà quasi conforto nel suo lettino e nell’ambiente che, ormai, gli è diventato familiare. Cedere su questo punto, abituandolo cioè a ricorrere al lettone per ogni minimo turbamento, potrebbe causare nel piccolo atteggiamenti sbagliati, impedendogli di acquisire sicurezza e autonomia.

Per facilitare l’operazione di distacco e assicurare al bambino un sonno tranquillo, potreste ricorrere a facili espedienti: per esempio, potreste lasciargli accesa una lucina che renda meno “mostruosi” gli oggetti che lo circondano, oppure farlo addormentare col suo giocattolo preferito (una bambola, un pupazzo, o anche un fazzoletto… Insomma, la classica “coperta di Linus”) spiegandogli che si tratta di un amico che veglierà su di lui proteggendolo, preparargli una camomilla dicendogli che si tratta di una bevanda magica in grado di tenere lontano qualunque mostro cattivo avvolgendo chi la beve in uno scudo protettivo invisibile. Se il bimbo è ancora piccolo, questi trucchi funzioneranno. Inoltre, evitate durante il giorno che venga a contatto con qualunque scena che possa scatenare le sue paure più recondite (film violenti, videogiochi allucinanti, morti, sangue, distruzione).
Abituatelo, invece, a orari regolari, preparategli un pasto leggero per cena, leggetegli un libro prima che vada a nanna. Spesso, infatti, il terrore si scatena quando, risvegliandosi da solo e al buio nel cuore della notte mentre tutti dormono e la casa ha un aspetto irreale, si ha la sensazione concreta di essere stati abbandonati.

Uno strappo alla regola, ma sempre chiarendo che si tratta di un’eccezione, può essere fatto quando il bambino è malato e ha bisogno di cure, quando è assalito dagli incubi purché questi non siano ricorrenti, quando durante il giorno gli è successo qualcosa di particolarmente brutto che il piccolo non è in grado di gestire e spiegarsi da solo.

  • Commento inserito da Paolo il 1 settembre 2008 alle ore 02:18

    Buongiorno a tutti!
    Vi scrivo da Osaka.
    Mia moglie e' giapponese e nostro figlio ha 6 anni.
    Qua' non ci sono i letti matrimoniali, bensi' i "futon".
    Non c'e' il problema di cadere dal letto!
    Ho appena letto l'articolo e ne ho parlato con mia moglie.
    Anch'io penso che, forse, sia il caso che il bambino dorma da solo, nella stanza contigua alla nostra (cosi' era anche consigliato nel libro "SARO' PADRE" di Anna Oliverio Ferraris).
    Il bambino si e' abituato cosi' ed anche la madre non pensa che sia una cosa negativa.
    Sembra che, qua' in Giappone (vedi anche causa appartamenti piu' piccoli...) sia frequente che i bambini dormano fra i genitori.
    Mia moglie non sarebbe inoltre d'accordo che vi sia "unanimita'" dei pareri degli esperti in proposito...

    Un caro saluto a tutti.

    Paolo

  • Commento inserito da marilu76 il 29 agosto 2008 alle ore 12:50

    Dal compimento del 4º mese anche il mio cucciolo ha cominciato a dormire da solo in cameretta,non per mia imposizione ma per necessità dal momento che nella culla stava stretto e il lettino non ci stava di fianco al lettone.L'ho sempre , finita la poppata -e notare che lo allatto ancora a 11 mesi- rimesso comunque nel suo lettino :era faticoso,sopratutto dopo un taglio cesareo, ma la paura di schiacciarlo era molta di più(mai stata sonnambula ma a volte nel sonno afferravo il marito pensando che fosse Nico che cadeva... ;O))L'unico inconveniente è che attualmente ha molti risvegli notturni,a volte x fame a volte x ...chi lo sà!ma dopo poche coccole e una breve ciucciata si riaddormenta subito.speriamo che migliori andando avanti !

  • Commento inserito da pinklunamoon il 29 agosto 2008 alle ore 10:44

    Tutto e' relativo, il mio bimbo non ha mai ancora dormito nel lettone con noi,(per paura di schiaciarlo x sbaglio) sempre nella sua culla, ma in camera con noi, ma non escludo la possibilita' piu' in la' di farlo dormire con noi ogni tanto, l'importante è che non si abitui male, una mia amica davvero ha dormito coi suoi fino a 18 anni... puo' capitare se si è troppo accondiscendenti.

  • Commento inserito da ALESSANDRA il 28 agosto 2008 alle ore 16:04

    Anche io ho due bambini ed entrambi, fin da quasi subito, messi a dormire nel lettone, soprattutto per una mia comodita' poiche' li ho allattati fino ad un anno di età. Ho sempre ritenuto che e' meglio assicurare ai propri figli il calore e la protezione di cui hanno bisogno per farli sentire amati (daltronde i cuccioli degli animali non dormono tutti vicini alla loro mamma, ed inoltre perché abituarlo ad un orsacchiotto del quale non potrà farne ugualmente a meno?) Il grande che ha 4 anni ora dorme nel suo letto, anche se viene quasi sempre verso meta' notte a trovarci! Eppoi non ho mai conosciuto nessuno che a 18 anni dorme nel lettone con mamma e papa'. Un saluto

  • Commento inserito da pasquale il 28 agosto 2008 alle ore 14:52

    non si puo' affermare scientificamente che far dormire i piccoli nel lettone fa' male, quindi se qualcuno preferisce cosi' perche' no!!

  • Commento inserito da anna il 28 agosto 2008 alle ore 14:40

    il mio piccolo che oggi ha 6 mesi dalla culla in camera matrimoniale è passato al suo lettino a 40 giorni, niente di più facile... ora però ha gli incubi e si sveglia 2 volte per poppare e 4 per paura... che fare? proverò a lasciare la luce accesa...

  • Commento inserito da Carla il 28 agosto 2008 alle ore 13:52

    So che è sbagliato, ma sentire le sue braccine intorno al collo, i piedini in grembo, il respiro regolare, non hanno prezzo e rinunciarvi è doloroso. Credo di essere io a volore dormire con lei

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-sotto-albero2017

3 libri stupendi da mettere sotto l'albero di Natale

Si dice che a regalare libri non si sbaglia mai. Se poi i libri, oltre a essere interessanti, sono anche divertenti e belli da sfogliare, ancora meglio. Ecco 3 titoli per bambini dai 5 anni in su da mettere sotto l'albero di Natale.

continua »
Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network