Nati per la musica

Nati per la musica è il progetto che mira ad accostare i bambini dagli 0 ai 6 anni al mondo della musica, quale componenti indispensabili per una crescita equilibrata.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Promosso dall’Associazione Culturale Pediatri in collaborazione con il Centro per la Salute del Bambino e la Società Italiana per l’Educazione Musicale, il progetto Nati per la musica nasce sulla scia del successo ottenuto dall’analogo progetto Nati per leggere.
Lo scopo è quello di avvicinare i bambini sin dalla più tenera età (0 – 6 anni) al mondo della musica e dei suoni con l’apporto di pediatri, genitori, ostetriche, personale che opera nei consultori, negli asili, nelle scuole.



Tra gli obiettivi primari, quindi:
 

  • Informare e sensibilizzare genitori, pediatri ed educatori sull'importanza dell'espressione sonora e della pratica musicale nella crescita della persona intesa nella sua globalità.
  • Fornire indicazioni e stimoli su come proporre musica in maniera non occasionale fin dai primi mesi di vita del bambino e nel periodo prenatale.
  • Diffondere conoscenze in campo neuroscientifico in riferimento al rapporto tra musica e sviluppo cognitivo del bambino.
  • Rilevare, conoscere e incentivare esperienze musicali significative in atto con bambini nelle prime fasce d’età e promuovere nuove opportunità di divulgazione della musica in età infantile.

     

    Il progetto nasce dalla convinzione che la musica svolga un ruolo centrale nella formazione di un individuo e sia in grado di agire sugli strati più profondi della psiche riuscendo in questo modo a sviluppare le potenzialità espressive e creative della persona.
    In età infantile, poi, la musica è lo strumento chiave per aiutare i piccoli a entrare facilmente in contatto con gli altri e con l’ambiente circostante, attraverso il gioco e il divertimento. Sembra, infatti, che la qualità dell’ambiente sonoro all’interno del quale i bimbi si trovano a crescere incida profondamente sulla capacità di capire e amare la musica.

    Sintetizzando, la musica aiuta il bambino a:

  • Sviluppare le proprie capacità di ascolto e di osservazione dell’ambiente sonoro
  • Ascoltare se stesso e gli altri
  • Esprimere idee ed emozioni
  • Sviluppare la propria immaginazione e creatività
  • Potenziare le proprie capacità comunicative
  • Accrescere la capacità di attenzione e concentrazione
  • Esercitare la memoria

     

    Non esistono limitazioni nel genere musicale da proporre ai piccoli (classica, pop, rock, country, folk…) purché siano loro graditi e l’ascolto non si trasformi in un dovere che poco spazio lascia al gioco e al puro piacere sensoriale.

    I BAMBINI E LA MUSICA
     

  • La vita prenatale: nella pancia della mamma il feto comincia a percepire e a rispondere ai suoni che provengono dal mondo esterno a partire dal 5°/6° mese di gravidanza.
  • Da 0 a 1 anno: nel primo anno di vita i bambini sono particolarmente sensibili all’universo sonoro. Non solo, infatti, riconoscono la voce della mamma e del papà e imparano a distinguerne le diverse espressioni, ma sono particolarmente attratti dagli oggetti che producono suoni che, a loro volta, cercano di riprodurre sia con i primi tentativi di vocalizzazione (lallazione), sia cimentandosi nelle prime prove di canto.
  • Da 1 a 6 anni: la riproduzione sonora da casuale diventa sempre più intenzionale e organizzata. La televisione esercita in questo periodo una grande attrattiva per i piccoli che imparano a riconoscere (e riprodurre) le sigle musicali e le colonne sonore dei loro programmi preferiti. Il canto assume un ruolo centrale nei giochi dei bambini, così come il movimento in risposta alla musica si fa sempre più vario e articolato.

     

    Tra le varie attività e iniziative accreditate da Nati per la musica vi segnaliamo i progetti interattivi e itineranti proposti da Arte Sonora per i bambini, nata nel 1996 dalla collaborazione fra Arianna Sedioli - ricercatrice nel campo dell'educazione al sonoro e ideatrice di spazi e allestimenti per l'esplorazione e la creatività musicale - e Luigi Berardi - artista che realizza opere di interazione sensibile con il paesaggio – che da 13 anni, ormai, allestiscono mostre, laboratori, narrazioni, corsi di formazione… il cui obiettivo è proprio quello di dare una forma ai suoni (e ora anche agli odori e ai sapori).
    Inoltre, i due autori creano installazioni, arredi e kit didattici dando vita a percorsi espositivi, stage… rivolti e ai bimbi, e ai genitori e agli insegnanti.
    Per maggiori informazioni www.artesonoraperibambini.com.


  • Commento inserito da arianna sedioli il 10 aprile 2009 alle ore 11:03

    Arte sonora per i bambini invita i bambini e i loro genitori alla mostra gioco SENSO SONORO, a Marcon-Venezia,presso il Centro Culturale Fabrizio De Andrè, dal 18 aprile al 15 maggio 2009. Orari per la visita: Dal lunedì al sabato h.9-13 e 15-19. La mostra è accreditata da NATI PER LA MUSICA. Vi aspettiamo!

  • Commento inserito da Michela il 2 aprile 2009 alle ore 14:32

    Sono la mamma di una bambina di 2 anni e mezzo e ho seguito e partecipato a gran parte delle iniziative di Nati per Leggere nel mio comune e nei comuni limitrofi facendo avvicinare anche la piccola alla lettura ed alle storie illustrate, mi piacerebbe avere ulteriori informazioni relative a Nati per la Musica.
    Grazie e buon lavoro Michela

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-sotto-albero2017

3 libri stupendi da mettere sotto l'albero di Natale

Si dice che a regalare libri non si sbaglia mai. Se poi i libri, oltre a essere interessanti, sono anche divertenti e belli da sfogliare, ancora meglio. Ecco 3 titoli per bambini dai 5 anni in su da mettere sotto l'albero di Natale.

continua »
Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network