Pedofilia on line: ultimi dati

Sono oltre 36.000 i bambini che sono stati scambiati in rete per alimentare il mercato della pedofilia. Questi i dati emersi dal 13° rapporto del Telefono Arcobaleno.

Articoli Correlati


Un milione e settecentomila immagini e oltre 36.000 i bambini che sono stati scambiati in internet per alimentare il turpe e vergognoso mercato della pedofilia on line. Di questi il 42% ha meno di 7 anni e il 77% meno di 9.
Questi i dati emersi dal 13° rapporto annuale dell’Associazione Arcobaleno che da anni lotta a fianco delle principali agenzie di sicurezza internazionale per porre fine a questo turpe scambio di minori e contro ogni forma di pedofilia e che ha stilato una mappatura aggiornata della complessa e stratificata comunità pedofila del mondo (Stati Uniti, Germania, Russia, Regno Unito, Italia, Francia, Canada, Giappone, Spagna e Polonia rappresentano i tre quarti dei clienti del pedo-buisness).


Il mercato della pedofilia, formalmente illegale ma di fatto libero, è uno dei pochi a non aver mai risentito di alcuna crisi e a essere cresciuto negli ultimi sei anni del 149%. Non esiste ancora una legislatura comunitaria e internazionale che, in qualche modo, sia in grado di scalfirne la diffusione e l’incremento e i problemi discussi in merito nelle apposite sedi governative non hanno, di fatto, minimamente intaccato le criminose attività di uomini senza scrupoli.
Telefono Arcobaleno si muove, nell’ambito di questa lotta, su più fronti: da una parte, nel tentativo di contrastare il dilagare della pedopornografia on line attraverso un’attività di monitoraggio; dall’altro, portando avanti un discorso preventivo attraverso campagne di sensibilizzazione nazionale e informazione sul tema dell’abuso sull’infanzia.

Tra i numerosi progetti avviati:


 
  • incontri di sensibilizzazione e percorsi formativi finalizzati a fornire a tutti coloro che sono coinvolti nei processi formativi ed educativi dei minori (insegnanti, genitori, educatori in genere, assistenti sociali ecc...) informazioni sui segnali di disagio e indicazioni sulle modalità di intervento.
  • Progetti di intervento mirati in presenza di un’equipe specializzata.
  • Incontri ad hoc destinati ai bambini per metterli in guardia da eventuali pericoli e insegnare loro a tutelarsi da eventuali molestie.
  • Progetti per avviare le procedure di affidamento nel caso in cui il minore debba essere momentaneamente sottratto alle cure e alla tutela parentale

     

    Per maggiori informazioni sull’argomento e per conoscere le modalità e gli strumenti di sostegno all’Associazione www.telefonoarcobaleno.org.


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Bambini-tiranni

Come comportarsi se il bambino è un tiranno

Prepotenti, dispotici, arroganti. Sono i bambini tiranni, abituati a sfidare gli adulti e ad averla vinta sempre loro. La causa è quasi sempre un modello educativo sbagliato, che non tiene conto dell'esigenza primaria di un bimbo: avere delle regole. Ecco cosa fare se il bambino è un piccolo tiranno.

continua »
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network