Primo soccorso: ferite

Come comportarsi in caso di ferite, tagli, sbucciature... per evitare infezioni.

Articoli Correlati

Capita che il bambino si tagli, cada e si sbucci il ginocchio o il gomito, si ferisca e sanguini copiosamente. Come intervenire in questi casi?

PRIMO INTERVENTO


 
  1. Per prima cosa lavare la ferita evitando di sfregare la parte escoriata. Quest'operazione serve anche per eliminare eventuali corpi estranei che potrebbero essere causa di infezione (schegge, sassolini, pezzetti di vetro o altro).
  2. Disinfettare, quindi, la ferita con una soluzione non alcolica utilizzando un batuffolo di cotone e avendo sempre cura di non strofinare eccessivamente.
  3. Procedere alla medicazione usando una garza asciutta ed eventualmente un cerotto.
  4. Se oltre alla ferita il piccolo ha preso anche una botta (per esempio, cadendo dalla bicicletta o dai pattini), applicare sulla parte lesa anche una borsa con il ghiaccio in modo che non si gonfi.

 

PER ARRESTARE IL SANGUE


Per arrestare la fuoriuscita del sangue che, talvolta, può essere anche copiosa, esercitare una certa pressione sulla ferita fino a quando il flusso non si arresta. Evitare, invece, l'utilizzo d lacci emostatici o altro che sono sì utili per fermare l'emorragia, ma bloccano anche la circolazione sanguigna con la possibilità di provocare micro danni ai tessuti.
Se il bimbo ha perso molto sangue ed è pallido, con la pelle fredda e sudata, farlo distendere con gli arti inferiori sollevati in modo che il sangue confluisca verso il torace e il cervello dove si trovano gli organi più importanti e delicati.
Una corsa al Pronto Soccorso:
se la ferita è molto profonda e in alcuni punti particolari (per esempio se il bimbo si è tagliato in corrispondenza di una vena) per bloccare la fuoriuscita del sangue è necessario chiudere la ferita con punti di sutura. Questi permetteranno alla ferita di cicatrizzarsi il più delle volte, non sempre, senza lasciare traccia.
Un altro caso in cui è abbastanza importante accompagnare il piccolo al Pronto Soccorso per ulteriori accertamenti si verifica quando la ferita si trova in corrispondenza della testa. Non solo, infatti, la presenza dei capelli rende difficoltosa la medicazione, ma è bene escludere qualsiasi eventualità di trauma cranico nel caso in cui il bambino, oltre a essersi ferito, abbia anche preso una botta.

A RISCHIO TETANO
Una delle principali complicanze di ferite anche superficiali è rappresentato dal tetano, gravissima malattia infettiva, nel 30% dei casi mortale, provocata dall'azione di una tossina (tossina tetanica) prodotta da batteri (clostridi del tetano) che vivono nel suolo o nell'intestino degli animali. L'antitetanica è una delle vaccinazioni obbligatorie nella primissima infanzia: le prime tre dosi vengono somministrate entro l'anno di età con un richiamo intorno ai 5 anni (l'effetto della vaccinazione ha una durata, appunto, di 5 anni). Sotto ai 10 anni, quindi, i bambini dovrebbero essere coperti dal vaccino. Nel caso non fosse così, però, è bene accompagnare subito il piccino al Pronto Soccorso per effettuare la vaccinazione che assicura una copertura pressoché totale. Soprattutto in caso di ferite molto estese e profonde.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Elisa il 28 aprile 2010 alle ore 19:06

    non si deve usare il cotone ma garze

  • Commento inserito da Leonardo il 4 settembre 2009 alle ore 22:41

    Bello ci sono molte cose interessanti che volevo sapere per essere più informato.

  • Commento inserito da anonimo il 28 maggio 2009 alle ore 19:11

    si molto interessante però se ci aggiungete qualcos'altro sarebbe meglio

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neuroblastoma-2021

A sostegno della ricerca contro il Neuroblastoma infantile

Il Neuroblastoma è un tumore che colpisce in età pediatrica circa il 7% dei bambini dagli 0 ai 14 anni. L'Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma lotta per donare a questi bimbi un futuro e la speranza di una vita sana.  

continua »
Bambini-Concentrazione

Giochi e attività che aiutano a sviluppare la concentrazione

L'apatia, la fatica a studiare o a dedicarsi a qualsiasi attività, sia essa scolastica e non, sono spesse causate da una scarsa capacità del bambino di trovare la concentrazione. Qualche consiglio.

continua »
Esperienze-autunnali-da-vivere

Esperienze d'autunno

Ogni stagione può diventare l'occasione per far vivere al bambino esperienze che si porterà dietro per sempre. Queste sono quelle che dovrebbe regalare l'autunno a ciascuno bimbo.

continua »
Razze-cani-bambini

Quali sono le razze canine più adatte se in casa c'è un bambino?

Stai pensando di prendere un cane ma non sai quale razza scegliere? I fattori da considerare sono diversi. Innanzitutto il tuo stile di vita. In secondo luogo, la presenza o meno in casa di bambini.

continua »
Cerca altre strutture