Bambini e sport

Sport e bambini. Un binomio perfetto che apporta innumerevoli benefici alla salute dei piccoli.

Articoli Correlati

Sport e bambini: un binomio perfetto. E per innumerevoli motivi. Primo fra tutti perché lo sport, se praticato nel modo corretto tenendo conto di quelle che sono le caratteristiche fisiche del piccolo, della sua personalità e delle sue predisposizioni, contribuisce a favorire una crescita sana ed equilibrata, con benefici notevoli sia dal punto di vista fisico sia sotto il piano psicologico.
Inoltre, e anche questo è risaputo, i bimbi sono fisicamente più attivi degli adulti tanto che, secondo alcun studi, sarebbero in grado di giocare, se lasciati liberi di farlo e coinvolti in un'attività di loro gradimento, per quasi sei ore consecutive (per questo si parla di 'atleti di lunga durata').
Infine, è proprio attraverso lo sport che si può cercare di combattere lo stile di vita sempre più sedentario che sembra caratterizzare l'esistenza delle nuove generazioni spingendo i bambini, sin dalla più tenera età, verso un modus vivendi in cui il movimento riveste un ruolo centrale.


Sport sin dalla prima infanzia, perciò, sia per migliorare le prestazioni fisiche del piccolo sia per agevolare la sua socializzazione con i coetanei sia per stimolarne lo sviluppo cognitivo. A patto, però, che alcuni parametri vengano presi in considerazione per il bene e la salute del piccino.
 


  • Non appena il bambino è in grado esprimere delle preferenze, lasciate che sia lui a scegliere quale disciplina sportiva praticare senza imporgli le vostre ambizioni. Eventualmente, se la scelta dovesse ricadere su uno sport poco adatto, spiegategli quali potrebbero essere gli svantaggi e indirizzate la sua decisione con dolcezza verso qualcosa di più consono ma che soddisfi e venga incontro alle sue propensioni.
  • Nei primi anni è importante che la disciplina sportiva praticata dal bambino sia completa per uno sviluppo armonico della muscolatura e per non sovraccaricare eccessivamente solo alcuni gruppi muscolari.
  • Qualsiasi attività fisica deve sempre essere preceduta da un'adeguata fase di riscaldamento. Diffidate di tutte quelle strutture che tralasciano o danno poco peso a questo momento.
  • Se il bambino appare sempre stanco, svogliato oppure dichiara di provare dolori o fitte alla muscolatura, fategli interrompere gli allenamenti per qualche giorno e lasciate che si riposi. Uno sforzo eccessivo e non commisurato all'età è solo dannoso e non apporta alcun giovamento.
  • Da evitare le esercitazioni monotone, che annoiano il piccolo portandolo ad eseguire in maniera errata l'esercizio.
  • Prima di ogni seduta d'allenamento sappiate che il pasto dovrebbe essere composto di fibre facilmente digeribili e povero di grassi, la quantità di cibo dovrebbe essere modesta (meglio se costituita da un piatto unico) e i pasti dovrebbero essere distanziati di alcune ore dall'inizio della seduta.
  • Dal punto di vista psicologico, pare che gli sport di squadra siano particolarmente indicati per i bimbi introversi (calcio, basket, pallavolo), quelli in grado di fornire delle regole (judo, karate…) per i bimbi irrequieti, gli sport in solitario (nuoto, sci, pattinaggio, danza…) per i bambini estroversi. Ovviamente, si tratta solo di indicazioni generali. Dopodiché vale il discorso fatto sopra sul cercare di assecondare le propensioni del fanciullo.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da giusy4ever il 4 dicembre 2010 alle ore 16:43

    wow quella che ha scritto queste cose vedo che se ne intende

  • Commento inserito da Anna il 19 settembre 2008 alle ore 15:24

    Non è che magari fa sport non adatti alla sue età? Ha sei anni, in fondo. Non tutti gli sport sono adatti a lui...

  • Commento inserito da janos il 18 settembre 2008 alle ore 21:09

    ogni tanto mio figlio di sei anni piange di dolore accusando male agl'arti inferiori.voi cosa mi consigliate di fare? la mia compagna dice che è dovuto alla crescita io vorrei saperne di piu grazie.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Homeschooling2021

Homeschooling: boom di adesioni

Mai alto come quest'anno il numero di famiglie che opta per l'homeschooling come modello formativo per i propri figli. È boom soprattutto alla primaria, complice anche l'esperienza in dad dei due anni appena trascorsi.

continua »
Back-to-school-routine

Buon ritorno alla routine a tutti!

E questa settimana, nella maggior parte delle regioni italiane, le scuole riapriranno i battenti. È tempo di ritrovare la propria routine, scandendo le giornate in momenti ben precisi.

continua »
Diari2021-2022

I diari di tendenza per la stagione scolastica 2021-2022

Settembre significa, soprattutto, riapertura delle scuole. Ovvero: corsa a finire i compiti delle vacanze, acquisti per la scuola, preparazione del 'corredo' dello scolaro. E in fatto di diari quest'anno...

continua »
Trucchi-compiti-vacanze

10 trucchi per aiutare il bambino a finire i compiti delle vacanze

Dopo la metà di agosto le vacanze possono dirsi agli sgoccioli e tantissimi bambini si trovano alle prese con i compiti delle vacanze da finire. Ecco alcuni trucchi per aiutarli a terminare tutto in tempo per il primo giorno di scuola.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network