Disegno, dunque sono

Il disegno come espressione di sé e racconto del proprio vissuto e delle proprie esperienze. Dal punto di vista della psicopedagogista Maria Rita Esposito.

Articoli Correlati

Disegno, dunque sono


Il disegno rappresenta una delle attività che il bambino sceglie spesso come modalità di gioco. Attraverso il disegno, soprattutto quello libero, i bambini esprimono molto di più del semplice divertimento sotteso: il disegno parla dei loro vissuti e delle loro emozioni, a volte delle paure e delle gioie.
Dalle produzioni grafiche dei bambini è possibile dedurre molte espressioni relative alla vita anche quando esse rispondono a precise consegne. Chiedere a un bimbo di disegnare qualcosa a piacimento corrisponde a chiedergli di parlare di sé: se si considera i bambini cominciano a disegnare (scarabocchiare) fin dal primo anno di vita circa si comprende come ciò in effetti rappresenti per loro un modo piacevole di esprimersi, e come col tempo tendano a comunicare produzioni sempre più precise e rappresentative.



L’adeguatezza dei disegni eseguiti dal bambino non deve, però, tradursi in un’analisi psicologica, almeno non per il genitore e per l’insegnante. Con l’apporto delle teorie psicologiche il grafismo acquista un’importante valenza proiettiva in relazione all’intenso legame che ha con gli aspetti profondi della personalità, ma questo è analizzabile e rilevabile solo in situazioni di setting terapeutico.
Per la mamma e per il docente il disegno deve essere espressione di diverse funzioni, che indicano lo sviluppo degli aspetti fondamentali della crescita della personalità del bambino.

Nei disegni si elicitano a seconda dell’età:
  • La consapevolezza e la fiducia nelle proprie capacità
  • La competenza comunicativa interpersonale
  • La competenza narrativa
  • Il controllo motorio del gesto grafico
  • I prerequisiti della lettura e della scrittura
  • La creatività

    Disegnare per i piccoli diventa acquisire abilità e controllo ma anche raccontare se stessi e dar forma a pensieri e sentimenti, utilizzando una modalità espressiva plastica, flessibile e connotata da ricorrenze cronologicamente e formalmente definite (proprie di ogni bimbo).
     
  • Dal punto di vista grafico dai 2 ai 4 anni i bimbi sono nella cosiddetta “fase dello scarabocchio”, fase nella quale il disegno è movimento: infatti, i piccoli sono maggiormente attenti al movimento e al rumore della matita e del colore sul foglio piuttosto che a ciò che producono.
  • Verso i 4 anni, e in modo sempre più completo fino ai 7, i piccoli giocano disegnando simboli e cominciando a arricchire la figura umana di particolari, spesso derivati dalle proprie esperienze (gli orecchini della mamma, le cravatte di papà, le collane della maestra).
  • Crescendo, nella fase della scuola primaria , il disegno diventa complesso e rappresentativo: movimenti, colori , forme, profondità, direzioni, sono gli elementi tecnici che lo contraddistinguono.
  • Verso i 9 anni comincia a svilupparsi l’aspetto artistico del disegno e il bambino fa una sua “lettura grafica” della natura e degli ambienti, oltre che, in particolare, comincia l’attenzione all’espressività di volti, creando le prime caricature.

    Dare a casa e a scuola ampio spazio all’espressione e alla comunicazione attraverso il disegno è pertanto importante per la crescita creativa del pensiero del bambino e dell’adolescente e per sviluppare in loro il senso critico di ciò che li circonda.

     


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da de maddi monica il 14 marzo 2009 alle ore 21:12

    Mariarita come sempre hai scritto delle cose interessantissime. Sei bravissima.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Capoeira-2020

Capoeira: tra danza e lotta

Salti, calci, piroette e movimenti dolci. In una parola Capoeira. La danza che arriva dal Brasile e piace tanto ai bambini di tutte le età. Perché sceglierla tra i corsi sportivi.

continua »
Kumon

Kumon. Un metodo di apprendimento per inglese e matematica

Nato in Giappone 60 anni fa e molto diffuso nel mondo, il metodo Kumon ha l'obbiettivo di fornire ai bambini, dall'età di 2 anni, gli strumenti per 'imparare a imparare'. Facilitando, in questo modo, l'apprendimento delle lingue straniere.

continua »
Shopping-scuola-2020

Back to school: i must have del 2020

Oltre a penne, matite e quaderni, ecco i must have che non devono assolutamente mancare nella lista delle cose da comprare per la scuola.

continua »
Mascherine-Backtoschool

Mascherine in classe? Vince il buonsenso

Back to school 2020: tra gli accessori che i bimbi dovranno portare con loro in cartella, oltre a penne, astucci e quaderni, anche le mascherine. Su cui, parrebbe, si è finalmente arrivati a un accordo.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network