Dislessia: parola abusata - Età scolare - Bambinopoli




Dislessia: parola abusata

Si è tenuta il 16 dicembre 2011 presso l'aula di Montecitorio la conferenza stampa dal titolo Scuola dell’Obbligo e disturbi specifici dell’apprendimento con la presentazione dei risultati del progetto Ora sì

Articoli Correlati


Troppi bambini in Italia sono considerati dislessici, ma in realtà hanno solo disturbi comuni. È questo l’allarme lanciato dall’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma - centro accreditato dal Sistema sanitario nazionale di terapia e ricerca per l'età evolutiva, operativo dal 1970, ed ente di formazione e aggiornamento per medici, psicologi e insegnanti - che venerdì 16 dicembre ha presentato, in occasione della conferenza stampa sul tema La Scuola dell’obbligo e i Disturbi specifici dell’apprendimento, presso la Sala delle Conferenze Stampa di Montecitorio, alla presenza del responsabile dei rapporti con il mondo Scuola Udc, onorevole Paola Binett, e del direttore dell’Ido, Federico Bianchi di Castelbianco, i risultati di un’indagine condotta in numerose scuole materne ed elementari per individuare i bambini a rischio di Disturbi specifici dell’apprendimento (Dsa), sottolineando che una percentuale elevata di bambini è stata erroneamente indicata a rischio Dsa.

L’indagine è stata realizzata all’interno del progetto ORA SI!, promosso dall’associazione di scuole Una rete per la qualità in collaborazione con l’IdO. Si tratta di un’iniziativa nata per dare ai docenti la migliore metodologia di supporto e per arginare il problema legato alla sproporzionata segnalazione dei Dsa nei diversi momenti dell’iter scolastico (materna, elementari, media e scuola superiore).


Infatti, come spiega il direttore dell’IdO, Federico Bianchi di Castelbianco, “segnalare come dislessici bambini che in realtà non lo sono comporta due gravi rischi: sono dirottati su percorsi alternativi come portatori di una disabilità che non hanno, con oneri economici non sostenibili e totalmente inutili, mentre il loro problema non solo non verrà affrontato ma lascerà un vuoto di conoscenze che si ripercuoterà pesantemente sul loro curriculum studiorum”.

In altre parole, se un bambino ha problemi scolastici, fatica a entrare o apprendere certi meccanismi, non riesce a concentrarsi sul suo lavoro, il problema potrebbe essere legato a Dsa. Ma prima di affermarlo, è necessario escludere tutte le altre eventuali situazioni che potrebbe determinare una simile situazione (fatica di rapportarsi con insegnanti e compagni, problemi in famiglia, timidezza…)


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Alessandra il 27 gennaio 2012 alle ore 07:06

    L'articolo è interessante ma in alcuni punti sembra sottintendere che si abusa del termine DSA; mia figlia ha passato 3 anni di scuola elementare sentendosi ripetere che era solo lei che non voleva impegnarsi e non c'erano problemi. Ora che ha una diagnosi di DSA, può usufruire degli strumenti compensativi che le spettano, ma svolge ugualmente lo stesso programma degli altri alunni e, come lei, gli altri suoi compagni con problemi analoghi.
    Quindi trovo poco corretto sostenere che questa diagnosi porta a squilibri nel curriculum. Gli alunni con DSA svolgono lo stesso programma degli altri e non hanno carenze nel curriculum scolastico a causa della diagnosi,anzi il dare un nome alla loro difficoltà li aiuta a costruirsi un autostima, che altrimenti viene affossata dall'abuso di giudizi come : non si impegna, non lavora, si distrae

  • Commento inserito da elena il 22 dicembre 2011 alle ore 22:14

    Anche il mio bimbo è sotto osservazione per via di alcuni"campanelli d'allarme"riguardanti la Dsa ma mi è stato detto che ci sono test specifici per diagnosticarla da effettuare dopo la seconda elementare.Quindi dovrei dedurre che non sono attendibili.Il tutto mi lascia un pò confusa.Di certo alcuni bambini hanno un reale bisogno di sostegni individuali,l'esempio è il mio bimbo.

  • Commento inserito da LOREDANA il 22 dicembre 2011 alle ore 13:31

    Mia figlia ha di questi problemi. la memoria non tiene tutto ciò che gli viene spiegato o letto. Mi avete messo una pulce nell'orecchio ma l'articolo è troppo breve. sarebbe meglio approfondiste.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Zaino-uguale-per-tutti

A Novara zainetto uguale per tutti

Uno zainetto uguale per tutti i bambini. Succede a Novara dove una scuola elementare ha fornito a tutti gli aluni il medesimo zainetto, anonimo, non griffato e gratuito. La storia nasce sui social e apre il dibattto. 

continua »
Bambini-grandi-lettori

Bambini, grandi lettori

7 su 10 bambini di età compresa tra 0 e 13 anni amano leggere e l'82% dei piccoli ha avuto a che fare con la lettura negli ultimi 12 mesi. Incoraggianti i numeri recentemente resi noti in merito al rapporto tra piccoli ed editoria. 

continua »
Papa-Figlia

Tra padre e figlio. Tappe di crescita

Dalla nascita sino alla pubertà, come cambia il ruolo del padre in relazione con il proprio figlio e come influenza la crescita del bebè prima del bambino poi e dell'adolescente e adulto alla fine.

continua »
Lavori-da-grande

Cosa vuoi fare da grande?

Secondo alcuni studi, il 65% dei bambini che oggi frequenta la Scuola Primaria, da grande farà un lavoro che non esiste e che noi adulti non siamo nemmeno in grado di immaginare. Da un'intervista al professor Piero Dominici pubblicata su Morning Future.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network