La scuola tecnologica

In pompa magna per l’anno scolastico 2012 – 2013 fa il suo ingresso nelle scuole italiane la tecnologia: dai tablet per gli studenti più grandi, ai pc, alle lavagne elettroniche la scuola diventa digitale. Come stanno le cose veramente?

Articoli Correlati

La scuola tecnologica


Era stata annunciata nei mesi scorsi, con squilli di trombe e rombi di tamburi, la grande novità fortemente voluta dal Ministero dell’Istruzione che avrebbe interessato il mondo scuola alla riapertura dell’anno scolastico 2012-2013: gli alunni e gli studenti di tutti gli ordini e gradi (o quasi) avrebbero trovato ad attenderli sui banchi di scuola al loro rientro dalle vacanze la tecnologia.
Computer, tablet, le misteriose lim (lavagne interattive multimediali), banda larga, ebook…. La scuola italiana, finalmente, avrebbe provato il brivido di essere al passo con i tempi diventando scuola 2.0.


Naturalmente, come spesso succede, l’iniziativa si è guadagnata il plauso di tutti ed è sicuramente notevole che in un momento di crisi si sia pensato di investire proprio nella scuola che da sempre, per lo meno dalle nostre parti, è stata il fanalino di coda delle scelte economiche dei governi.

Il dibattito, però, è sorto spontaneo, fomentato dal web, dai media, da genitori, insegnanti e anche studenti: ma non sarebbe più corretto cercare prima di sistemare le innumerevoli magagne della scuola (e stiamo parlando proprio di magagne strutturali – edifici fatiscenti, aule malsane, banchi e sedie vecchi di 100 anni, carenza di personale, insegnanti precari non in grado di garantire la continuità dell’insegnamento…), prima di investire soldi pubblici in materiale che cozza contro la realtà di fatto delle cose?

La rete a questo proposito è stata agguerrita. I social network sono stati teatro di vere e proprie battaglie per stabilire quali dovessero essere le priorità (di spesa) della scuola pubblica.
Non sempre LIM e tablet hanno trovato sostenitori pronti a difenderli con le armi.

Potrebbe essere interessante, a questo proposito, aprire un dibattito anche sul nostro sito, partendo dal presupposto che chi meglio di insegnanti e genitori può conoscere la verità relativa alla stato di cose della scuola frequentata dal proprio figlio.
Sarebbe anche interessante comprendere come la scuola digitale venga effettivamente incontro alle esigenze di una generazione che ormai può considerarsi completamente di nativi digitali, bambini e ragazzi che hanno imparato a usare prima un pc o uno smarthphone che a camminare.
E come la tecnologia venga incontro alle esigenze di risparmio delle famiglie: perché, per esempio, l’acquisto di libri di testo in formato elettronico non ha, di fatto, abbattuto i costi in fatto di libri?
Potete discuterne sul nostro forum oppure commentare qui sotto. Fatelo, però. Il parere di chi la scuola la vive ogni giorno dall’interno è importantissimo. Per comprendere dove davvero si nasconda la verità.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambo_desideri

La scuola e il Banco dei Desideri

Quarta edizione di questa bella iniziativa della Fondazione Mission Bambini per donare materiale scolastico a bambini e ragazzi in difficoltà.

continua »
bambina-scrittrice-hp

Si torna sui banchi di scuola

Anche quest’anno le vacanze per tutti i bambini e/o ragazzi stanno volgendo al termine, si abbandonano i luoghi di gaie spensieratezze per far ritorno alla routine quotidiana scandita dai ritmi scolastici

continua »
notte_bianca_aidf

Notte bianca: letture per educare all'ascolto

Grazie alla partnership fra AID (Associazione Italiana Dislessia) e Audible è nato un progeto di educazione all’ascolto con l'obiettivo di scoprire o riscoprire il piacere della lettura anche in presenza di dislessia.

continua »
primo-giorno-scuola-2

Il primo giorno di scuola

I giorni che precedono l’inizio della scuola e quelli immediatamente successivi possono costituire per un bambino una fonte di ansia e stress. Ma perché la scuola fa paura? E come aiutare il piccolo?

continua »
Cerca altre strutture