Le abitudini motorie dei bambini

Da anni, ormai, le più autorevoli associazioni mondiali che si occupano di salute, denunciano la carenza di pratica sportiva tra bambini e adolescenti. Una ricerca cerca di mettere in luce quelle che sono le abitudini delle famiglie italiane.

Articoli Correlati


Bambini e sport. Un binomio che non sempre va d'accordo, spesso anche a causa di una vera e proprio 'non cultura sportiva', sia all'interno della scuola sia in famiglia.

Da tempo, infatti, le più autorevoli associazioni mondiali che si occupano della salute e del benessere della popolazione, denunciano la carenza della pratica di attività motoria in particolare nelle fasce di età più sensibili della formazione dell'individuo.



 

PERCHÉ LO SPORT È IMPORTANTE


L'abitudine al movimento (ed è peculiare che si parli di abitudine al movimento che è un concetto leggermente ampliato rispetto al semplice fare sport) è considerata la miglior forma di prevenzione a malattie quali l'obesità e la sedentarietà, problematiche definite 'del benessere' già in netto sviluppo in alcune aree del mondo. Per attività motoria si intende genericamente qualsiasi attività (anche non sportiva) che porti un individuo a muoversi (per esempio, fare sport ma anche camminare, giocare in spazi ampi...).

Molte organizzazioni si stanno muovendo per proporre attività che limitino l'insorgere di questi malesseri che iniziano anche ad avere un peso economico per le strutture sanitarie che se ne occupano.


CONI E MINISTERO DLL'ISTRUZIONE PER IL MOVIMENTO


Con l'intento di avere un quadro il più possibile fedele alla realtà nasce un progetto di ricerca deputato a conoscere il tempo dedicato al movimento e le attività svolte dai figli con i propri genitori, con persone vicine, con la scuola e con le associazioni sportive.

I risultati della ricerca verranno inviati alle maggiori istituzioni italiane (CONI e Ministero della Pubblica Istruzione) che si occupano al momento di questa problematica e saranno utili da un lato a migliorare le attuali proposte didattiche, dall'altro a concepirne di nuove. Inoltre, potranno essere d'aiuto alle Associazioni Sportive che operano sul territorio per migliorare proposte e servizi offerti.

Ritenendo che il tema trattato sia d'interesse per tutti i genitori (e non solo) viene, quindi, richiesto a chi lo desidera di dedicare alcuni secondi alla compilazione di un breve questionario le cui risposte saranno utili per comprendere quali sono le abitudini motorie dei bambini italiani e l'atteggiamento nei confronti dello sport da parte dei genitori.


 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture