Per ripassare storia e geografia giocando

Disponibili due proposte educative nate nel laboratorio di CreativaMente per ripassare, giocando, storia e geografia. In modo che il ritorno a scuola non sia eccessivamente traumatico.

Articoli Correlati

Per ripassare storia e geografia giocando



Storia e geografia durante le vacanze estive? Perché no? L’importante è proporle ai bambini sotto forma di gioco, in modo creativo e inusuale in modo tale che il ripasso avvenga naturalmente, senza sforzo.
È questo lo spirito che anima i due progetti didattici nati nel laboratorio di CreativaMente che puntano a riavvicinare i bimbi alle due materie scolastiche anche durante l’estate affinché il ritorno a scuola non li colga impreparati.

 


GIRO GIRO MONDO

Giro Giro Mondo è un gioco per grandi e piccini grazie al quale gli uni e gli altri potranno intraprendere lunghi e fantastici viaggi per il mondo, approfondendo nozioni geografiche, arricchendo le proprie conoscenze, scoprendo importanti valori, aprendo la mente al nuovo e al diverso.
É un gioco ideale per chi ama viaggiare e ha una passione sfrenata per la geografia e per le numerose culture dei Paesi del mondo che offre la possibilità di conoscere e mettere in relazione fra loro le caratteristiche fisiche e demografiche dei 90 Stati del gioco, scoprendo informazioni particolari quali ricette, tradizioni, curiosità, città e addirittura semplici parole che identificano uno stato.


Non si tratta del solito gioco a domande dove bisogna lanciare un dado o un gettone. In Giro Giro Mondo sono i luoghi stessi che diventano biglietti di viaggio se si è in grado di dimostrare la propria conoscenza in merito. Ogni turno è caratterizzato da prove diverse, ciascuna delle quali tesa ad ampliare il proprio bagaglio di conoscenze o a confermarlo. Il vincitore della partita è colui che per primo riesce ad avere tre amici di tre diversi continenti e a fare ritorno a casa proprio insieme a tutti loro.

 

 
È TUTTA UN’ALTRA STORIA!

E se la storia fosse un po’ difficile da apprendere e ricordare? Tutte quelle date e personaggi! Con il gioco É tutta un’altra Storia! si può, con estrema facilità e divertimento, viaggiare nel tempo alla scoperta di antiche civiltà e culture. È, infatti, un gioco di società molto coinvolgente e istruttivo e rappresenta un nuovo modo di approcciarsi alla storia.
La meccanica del gioco consiste nel riuscire a raccontare la storia conquistando prima degli avversari le carte da gioco che rappresentano i personaggi e gli eventi più noti, superando prove e ostacoli. La chiave della vittoria, però, non si cela nel passato. Bensì nel futuro.
Il gioco ha, infatti, inizio dal “diluvio universale” e presenta tutti i personaggi della storia fino ai giorni nostri con uno sguardo al futuro. Ciascun giocatore ha un obiettivo: viaggiare tra le diverse epoche storiche e conquistare le carte con i personaggi e gli eventi dell’obiettivo, affrontando una prova indicata dalla freccia al centro del tabellone. Quando avrà ottenuto tutte o quasi le carte corrispondenti all’obiettivo, potrà tentare di entrare nel Futuro, dove grazie al visore ludo-temporale (una lente di ingrandimento) potrà decodificare una Carta Futuro e svelare il personaggio o l’evento del futuro. Vince chi per primo colleziona una carta Evento-Personaggio per simbolo del proprio obiettivo e almeno una Carta Futuro.
È tutta un’altra Storia! ha ottenuto nel 2010 all’interno del festival Lucca Comics & Games un importante riconoscimento come miglior gioco educativo della kermesse.

 

Per saperne di più: www.creativamentesrl.it/

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da lara il 7 novembre 2011 alle ore 17:17

    e noioso

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture