Presto che è tardi!

Se la mattina siete sempre di corsa e spesso in ritardo. Se i bambini, prima di uscire di casa, sembrano in trance e si muovono come bradipi. Se il momento della sveglia è una tragedia, questi consigli sono per voi!

Presto che è tardi!


In tutte le case, in qualsiasi famiglia, indipendentemente dal fatto che ci siano o meno bambini, il lasso di tempo che intercorre tra la sveglia e l’ora di uscire di casa è caratterizzato da una serie di gesti rituali che si ripetono sempre uguali a se stessi giorno dopo giorno.
C’è chi, al suono odioso del risveglio, si gira dall’altra parte concedendosi altri 10 minuti di tempo, rinunciando, per questo, alla colazione o alla doccia. Chi prontamente si alza dal letto e poi rimane mezz’ora seduto davanti alla tazza del caffè fumante cercando di trovare dentro di sé una valida motivazione per affrontare una nuova giornata. Chi non può uscire di casa se non si è completamente lavato, “incremato”, vestito di tutto punto, truccato, pettinato con cura. Chi accende la radio e chi la televisione a caccia dei primi notiziari della mattina. Chi sorride al mondo e chi gli ringhia contro.


Insomma, sebbene ciascuno di noi abbia un modo diverso di affrontare le prime ore del giorno, tutti, bene o male, ripetiamo meccanicamente sempre i soliti gesti, mattina dopo mattina.

Se, però, in casa ci sono bambini, la situazione si complica. Mamma e papà, infatti, hanno l’obbligo di dar vita a un meccanismo perfetto in cui tutto funzioni e si incastri con precisione consentendo a grandi e piccoli di arrivare in orario sul posto di lavoro/a scuola.
Come fare? I bimbi, si sa, sono imprevedibili. Talvolta non vogliono alzarsi. Talaltra vestiti di tutto punto, con il cappotto addosso e la cartella già sulle spalle devono tornare indietro per un improvviso bisogno, impellente quanto ineludibile, di andare in bagno. A volte rimangono “imbambolati” con il cucchiaio in mano e la tazza piena davanti. Poi ci sono libri e quaderni da mettere via. I denti da lavare. I vestiti da indossare. Insomma, una vera tragedia. Che rischia di rendere isterici i genitori in perenne ritardo.


Ecco, dunque, qualche consiglio per trasformare mattinate di inferno in risvegli “da pubblicità”.

 

  1. Se la mattina siete sempre in ritardo, forse l’orario della sveglia deve essere anticipato per tutti. Il consiglio è di lasciare dormire i bimbi il più a lungo possibile, puntando la vostra sveglia una mezz’oretta prima della loro in modo da avere il tempo di lavarvi e vestirvi con calma e preparare la colazione.
  2. Se il piccolo fatica a svegliarsi la mattina, probabilmente andrebbe anticipata l’ora della nanna la sera. I bambini, infatti, necessitano di almeno 8/10 ore di sonno continuato per notte. Se la sveglia, perciò, suona intorno alle 7.00, il bimbo non dovrebbe essere andato a dormire oltre le 10.00.
  3. Quaderni, libri, diario…. andrebbero sistemati nella cartella il giorno precedente, in modo che la mattina non dobbiate perdere tempo in questo senso.
  4. Allo stesso modo, preparate i vestiti che lui e voi dovrete indossare il giorno dopo su una sedia. Questo vi permetterà di risparmiare qualche minuto prezioso e non perderete tempo nello scegliere cosa indossare.
  5. La colazione è un pasto importante della giornata e non dovrebbe mai essere saltato. Ecco perché è molto importante abituare i bimbi a organizzarsi in modo tale da non dovervi rinunciare.
  6. La colazione dovrebbe procedere le operazioni di igiene personale e “vestizione”. In questo modo, una volta in bagno, il bambino potrà lavarsi tutto, denti compresi.
  7. Per alcuni la doccia mattutina è irrinunciabile. Ma se ci sono bambini, forse è meglio lavarsi e lavarli la sera in modo da perdere la mattina meno tempo possibile.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Capoeira-2020

Capoeira: tra danza e lotta

Salti, calci, piroette e movimenti dolci. In una parola Capoeira. La danza che arriva dal Brasile e piace tanto ai bambini di tutte le età. Perché sceglierla tra i corsi sportivi.

continua »
Kumon

Kumon. Un metodo di apprendimento per inglese e matematica

Nato in Giappone 60 anni fa e molto diffuso nel mondo, il metodo Kumon ha l'obbiettivo di fornire ai bambini, dall'età di 2 anni, gli strumenti per 'imparare a imparare'. Facilitando, in questo modo, l'apprendimento delle lingue straniere.

continua »
Shopping-scuola-2020

Back to school: i must have del 2020

Oltre a penne, matite e quaderni, ecco i must have che non devono assolutamente mancare nella lista delle cose da comprare per la scuola.

continua »
Mascherine-Backtoschool

Mascherine in classe? Vince il buonsenso

Back to school 2020: tra gli accessori che i bimbi dovranno portare con loro in cartella, oltre a penne, astucci e quaderni, anche le mascherine. Su cui, parrebbe, si è finalmente arrivati a un accordo.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network