Quasi ora di pagelle!

La prima parte dell'anno sta per concludersi. Ecco come affronatre questo difficile momento di passaggio nella vita dei piccoli scolari.


Il quadrimestre sta per finire ed è quasi ora di pagelle. É difficile che qualcosa ci stupisca, credo che ogni genitore sappia più o meno cosa aspettarsi. Ed è per questo che è veramente importante utilizzare l’arrivo della pagella come un momento di discussione e dialogo con i propri figli e non come un giudizio.

Il voto ha in sé una sua importanza solo come momento di sintesi, non deve essere di per sé un risultato, i risultati e gli andamenti del bambino li dobbiamo già conoscere e dobbiamo averli già discussi con lui nel corso della prima parte dell'anno.
Se utilizziamo il momento della pagella come un momento in cui 'traiamo le conclusioni' su di lui, gli diamo un messaggio sbagliato, come se il voto fosse effettivamente un fine ultimo.


Il tipo di comportamento da adottare è quindi quello di porre domande, non di giudicare. Per esempio: 'Te l’aspettavi?' oppure 'Pensi che questo voto rispecchi veramente quello che sai in questa materia?' o ancora 'Perché, secondo te, in questa materia vai particolarmente bene (o meno bene)?'
Lasciate che siano loro a parlare, a ragionare e trarre le conclusioni, perché solo così diventeranno consapevoli dei propri punti di forza e di debolezza .


E ricordate, soprattutto se sono le prime pagelle, che il tipo di rapporto che instaurate con loro sull'argomento ve lo porterete avanti nel tempo. Se li lodate troppo per un bel voto, automaticamente si aspetteranno da voi una delusione sproporzionata in caso di brutto voto.

Insomma, per sintetizzare, le pagelle si guardano e discutono CON LORO seduti al loro fianco e non di fronte, come giudici implacabili. E alla fine, sigillate la chiacchierata con un abbraccio, qualche coccola, per far passare chiaramente il messaggio che quello che vi siete detti non ha niente a che vedere con l’amore e l’affetto che provate per loro.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da raffaele il 26 gennaio 2013 alle ore 18:17

    io sto per finire il 1ºquadrimestre e sono molto nervoso

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
COPERTINA come-indossare-le-ballerine-dai-unocchiata-a-un-po-di-idee-di-styling-per-bambine

Come indossare le ballerine? Dai un'occhiata a un pò di idee di styling per bambine

Con l'arrivo della bella stagione, non solo gli adulti, ma anche i bambini sentono il bisogno di abbandonare stivali e scarponcini e di indossare delle scarpe più leggere come le ballerine, un classico intramontabile nel guardaroba di ogni bambina. Con il loro grazioso design e il comfort imbattibile, sono perfette per ogni occasione, dalla scuola alla festa di compleanno. Comode e raffinate, fanno sentire le bambine delle vere principesse. Ecco cinque idee creative per far indossare le scarpe da ballerina alle bambine in modo stiloso e divertente.  

continua »
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
Cerca altre strutture