Cerchi un bimbo? Fai il pap test!

Eseguito con regolarità (viene consigliato ogni due anni), il pap test consente di prevenire il tumore al collo dell'utero. É un esame fondamentale per chi sta cercando una gravidanza.

Articoli Correlati

Cerchi un bimbo? Fai il pap test!


Il Pap Test è un esame ginecologico che viene prescritto a tutte le donne in età fertile che consente, se eseguito con regolarità (normalmente, in assenza di particolari problemi, va effettuato ogni due anni), di prevenire il tumore al collo dell'utero.
Con un semplice prelievo, eseguito tramite speculum, di un piccolo campione di cellule prese sia dal collo dell'utero sia dal canale cervicale, è possibile, infatti, individuare per tempo eventuali cellule anomale che vengono bloccate sul nascere (impiegano circa 10 anni a diventare maligne) consentendo un'immediata e certa guarigione.


Sempre attraverso il pap test, poi, è possibile scoprire infezioni vaginali, per esempio il trichomonas e il papilloma virus, normalmente trasmessi tramite i rapporti sessuali la cui presenza potrebbe compromettere il conepimento prima e la gravidanza poi.

REGOLE GENERALI PER ESEGUIRE IL PAP TEST

Il pap test è un esame molto semplice della durata di non più di una decina di minuti che consiste in un prelievo di cellule effettuato con lo speculum.
Non presenta nessuna cointricazione, può essere effettuato da qualsiasi donna in età fertile ed è, tutto sommato, indolore.
Prima di eseguirlo, però, è necessario prendere alcune precauzioni:
  • Va eseguito a metà del ciclo mestruale per evitare che il sangue mestruale possa alterare i risultati del test
  • Sarebbe meglio evitare i rapporti sessuali nelle 48 ore che precedono l'esecuzione dell'esame.
  • Nei 5 giorni precedenti, è sconsigliato l'uso di diaframma, ovuli, candelette e lavande interne

I RISULTATI
I risultati sono disponibili già dopo una decina di giorni e indicano quali alterazioni sono state trovate, sudivise in 5 classi di appartenenza:

  1. Classe I: Normalità
  2. Classe II: Infiammazione (cellule normali non probative di malignità). Può essere richiesta un'ulteriore indagine.
  3. Classe III: Reperto sospetto di malignità
  4. Classe IV: Cellule fortemente probative di malignità (displasia grave)
  5. Classe V: reperto positivo (cellule tumorali maligne)

In caso vengano trovate cellule maligne, qualora queste non si siano ancora infiltrate nei tessuti vicini, l'intervento di asportazione viene generalmente eseguito in day hospital con anestesia locale e garanzia di completa guarigione.
In questi casi, però, potrebbero essere richiesti esami di controllo con una frequenza maggiore.


 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Perdite-impianto

Perdite da impianto: come si riconoscono

Solo effettuando un test di gravidanza è possibile distinguere le perdite ematiche dovute all'impianto dell'embrione dalle perdite dovute all'inizio del ciclo mestruale.

continua »
Fecondazione-tempo-Covid

Al via i trattamenti di fecondazione assistita dopo lo stop di marzo

Lo comunica l'Istituto Superiore di Sanità con la Circolare CNT-ISS: I trattamenti per la fecondazione assistita, sospesi lo scorso marzo per l'emergenza Covid-19, possono riprendere.

continua »
Varicocele

Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

continua »
Prevenire-infertiita

10 consigli del Ministero per proteggere la fertilità

Il 22 settembre si è celebrata la IV Giornata nazionale informazione e formazione sulla fertilità per promuovere l'attenzione e l'informazione sul tema della fertilità umana.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network