Quando la casa diventa Nido

Tra baby sitter introvabili, rette salatissime e mille altre difficoltà che le mamme incontrano nella vita quotidiana con il bebè, arriva anche nel Lazio la sperimentazione sui Nidi Famiglia.

Articoli Correlati

Quando la casa diventa Nido


In Trentino Alto Adige si chiamavano Tagesmütter quelle donne che, durante il giorno, si pendevano cura presso le loro case dei figli di amiche e vicine impegnate nei campi o in fabbrica. Un po’ seconde mamme e un po’ imprenditrici di sé stesse, insomma, dal momento che il “servizio” prevedeva un compenso a base di uova, latte, farina, frutta…
In tempi recenti quella della tagesmütter è diventata una figura professionale a tutti gli effetti, con tanto di percorso formativo alle spalle e riconoscimento da parte delle autorità locali e sulle tagesmütter e la loro esperienza è stato pubblicato un libro dal titolo Il modello Tagesmütter - una professione al femminile per l'infanzia, dalla formazione alla cooperazione sul territorio.
Duplice lo scopo di questo progetto, partito appunto dal Trentino Alto Adige e approdato, poi, anche in Lombardia e Veneto: da una parte si cerca di dare risposta alla carenza di strutture pubbliche (asili nido, soprattutto) che accomuna quasi tutte le realtà italiane e attanaglia i genitori che non sanno a chi lasciare i propri figli durante la loro assenza; dall’altra, permette il reinserimento nel mondo del lavoro di tutte quelle mamme e quelle donne che, amando i bambini e potendo utilizzare una casa privata, desiderano avviare un’attività autonoma, ben retribuita, con investimenti minimi e rischi inesistenti.


Il progetto, sostenuto dalla Cooperativa Sociale Girotondo Onlus di Velletri arriva, ora, anche nel Lazio, promosso da tre partner eccellenti: Vitattiva di Roma, Happy Child di Milano e il Comune di Zagarolo che, insieme, hanno organizzato un corso di formazione per 15 assistenti materne che saranno le pioniere della sperimentazione nel Lazio – Provincia di Roma Sud dei 'nidi famiglia'.

Aprire un nido famiglia è relativamente semplice. Non occorre, infatti, una casa enorme o locali molto ampi. È sufficiente effettuare uno studio accurato del proprio appartamento per individuare la stanza più adatta in cui accogliere i bambini. Le spese iniziali sono minime (qualche tappetino, materassini per il cambio dei pannolini, qualche giocattolo…) e ciò che davvero conta è la volontà di trascorrere con i bimbi il proprio tempo in modo creativo, trasmettendo loro la propria passione e condividendo con loro il proprio entusiasmo.


Un’attenzione particolare è riservata, infatti, alla pedagogia positiva in base alla quale le educatrici dovranno mettere in evidenza le capacità e le conquiste dei bimbi creando in questo modo un ambiente tranquillo e sereno in cui poco spazio è lasciato ai rimproveri e ai malumori.

Il corso di formazione promosso dalla Cooperativa Sociale Girotondo Onlus di Velletri si rivolge a 15 donne con un’età compresa tra 21 e i 50 anni, disoccupate e residenti presso i comuni di Zagarolo, Velletri, Frascati e Colleferro che dovranno rispondere al bando entro e non oltre il 9 giugno 2008 (per leggere il bando e compilare la domanda di ammissione www.girotondoonlus.com).
Il corso avrà la durata di 250 ore e si svolgerà presso la sede di Via San Biagio 6 – Velletri (RM).
Per informazioni è possibile anche telefonare allo 02-9640993.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da elisa il 19 ottobre 2011 alle ore 08:28

    salve sono una maestra precaria ligure e mi piacerebbe sapere come aprire un nido famiglia siccome sono da poco mamma di due gemelle

  • Commento inserito da Sara il 21 gennaio 2011 alle ore 23:13

    Salve sarei interessatissima ad informazioni su come fare il corso per diventare educatrice per nido famiglia, sono mamma da 7 mesi e sarebbe un buon modo per rientrare nel mondo del lavoro... grazie grazie

  • Commento inserito da franca il 30 settembre 2009 alle ore 18:48

    ho un locale con la destinazione d'uso e tutte le modifiche apportate da adibire ad asilo nido. i costi per avviare un'attività del genere sono troppo alti, vorrei avviare invece un baby parking o un nido familiare, è più conveniente? quali sono gli adempimenti burocratici?

  • Commento inserito da Rossella il 28 settembre 2009 alle ore 11:26

    Anch'io sarei interssata a sapere di più su come aprire un micronido, io sono di Torino e anche qui ancora non se ne sente parlare!!
    Bisogna fare dei corsi di assistenza all'infanzia e poi inoltrare la richiesta al comune? oppure?....

  • Commento inserito da Lisa De Giorgio il 23 agosto 2009 alle ore 14:41

    Come si apre un nido condominiale? A chi va rivolta la domanda e quali requisiti si devono avere? Nella mia zona (provincia di ancona) non ne ho sentito parlare.

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Shopping-bambini-autunno-inverno

Abbigliamento bambini: fondamentali per la scuola

Pantaloni, tute, magliette, scarpe da ginnastica, grembiuli.... Tutto quello che va previsto nel guardaroba di un bambino che inizierà nei prossimi giorni la scuola.

continua »
Make-Up-Estivo

Il make-up dell'estate

A prova di caldo (mare, piscina, sabbia e vento), anche il make-up va adatto alle esigenze estive. Scegliendo un trucco leggero, che garantisca tenuta e contrasti l'effetto lucido per tutta la giornata.

continua »
fratelli_dimenticati

Fratelli Dimenticati: sostieni chi ha davvero bisogno

Fratelli Dimenticati è la Fondazione che promuove l’autosufficienza delle comunità rurali nei Paesi del Sud del mondo per assicurare un futuro ad adulti e bambini.

continua »
beachwalking_21

Beach walking: perché fa bene

Camminare a piedi nudi in riva al mare è un'attività salutare, gratuita e praticabile da chiunque, che permette di bruciare calorie, tonificare le gambe e attivare la circolazione.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network