Fumo di sigaretta. La nuova normativa

In vigore dal 2 febbraio le nuove disposizioni del Ministero della Salute per contrastare il tabagismo e il consumo di sigarette. Il Decreto recepisce una direttiva europea del 2014. Ecco le novità per chi fuma.

Articoli Correlati

Fumo di sigaretta. La nuova normativa



Pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale il 12 gennaio 2016 ed entrate in vigore il 2 febbraio 2016, le nuove normative sul fumo rappresentano un nuovo passo compiuto dal Governo per contrastare il tabagismo e salvaguardare la salute sia dei fumatori che di coloro che vengono quotidianamente sottoposti a fumo passivo.

Tra le principali novità:


  • Abolizione dei pacchetti da 10 sigarette e di confezioni di tabacco da arrotolare inferiore ai 30 grammi.
  • Divieto di utilizzare addittivi che rendano più attrattivo il consumo di tabacco quali, per esempio, caffeina, aromi, vitamine, coloranti...
  • Divieto di apporre sulle etichette informazioni relative alla presenza di catrame, nicotina o monossido di carbonio, ritenute ingannevoli per il consumatore.
  • Divieto di vendita a distanza transfrontaliera (on line) ai consumatori di prodotti del tabacco, sigarette elettroniche e contenitori di liquido di ricarica con presenza di nicotina
  • Divieto di vendita ai minori dei prodotti del tabacco di nuova generazione
  • Divieto di fumo in autoveicoli in presenza di minori e donne in gravidanza
  • Divieto di fumo nelle pertinenze esterne degli ospedali e degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pediatrici, nonché nelle pertinenze esterne dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia
  • Inasprimento delle sanzioni per la vendita e somministrazione di prodotti del tabacco, sigarette elettroniche e prodotti di nuova generazione ai minori
  • Verifica dei distributori automatici, possibilmente al momento dell’istallazione e comunque periodicamente, al fine di controllare il corretto funzionamento dei sistemi automatici di rilevamento dell’età dell’acquirente.

Il primo obiettivo che si è posto il Ministero è quello di ridurre del 10% la presenza di fumatori sul territorio italiano entro il 2018 per arrivare, entro il 2015, a una riduzione del 30% così come previsto dal Piano d’azione globale per la prevenzione della Malattie croniche dell’OMS.
Le Regioni e gli Enti locali sono stati ampiamente coinvolti in modo da raggiungere una sinergia nelle misure adottate.


In questa direzione vanno, per esempio, le normative adottate di recente da diversi Comuni che prevedono multe fino a 300€ per chi butta per terra i mozziconi di sigarette.

Per maggiori informazioni www.salute.gov.it.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
propsanno2024_cv

10 buoni propositi per iniziare bene l'anno

Per molti gennaio rappresenta semore un inizio. Ecco 10 buoni propositi (e i trucchi per mantenerli) per ricominciare alla grande. 

continua »
cenanatele_cv

E tra una cena e l'altra€

Periodo di cene e grandi abbuffate. Che si trasformano in chili di troppo dopo le feste. Ma con un'alimentazione equilibrata tra un pranzo e l’altro, è possibile tenere sotto controllo la situazione.

continua »
protocollobabysitter_cv

Protocollo di intervista per la nuova baby sitter

Stai cercando una nuova baby sitter che si prenda cura dei bambini quando non ci sei? Ecco cosa domandarle in fase di colloquio.

continua »
abbscuola_cv

Abbigliamento bambini: fondamentali per la scuola

Pantaloni, tute, magliette, scarpe da ginnastica, grembiuli.... Tutto quello che va previsto nel guardaroba di un bambino che inizierà nei prossimi giorni la scuola.

continua »
Cerca altre strutture