Bambini egocentrici

É importante che i bambini imparino sin da subito che non possono essere sempre al centro dell'attenzione e che qualche volta devono mettere da parte il loro egocentrismo.

Articoli Correlati


I bambini sono egocentrici e prepotenti per natura. È normale, visto che nella primissima infanzia sono stati il centro dell’attenzione dei genitori in un mondo che, ai loro occhi, ruotava intorno a loro e alle loro esigenze.
Crescendo, però, è bene che imparino qual è il loro ruolo e quando possono pretendere di mettere in mostra il loro ego, e quando, invece, è il caso di farsi da parte.


Spiegano gli psicologi che, tendenzialmente, questo avviene durante i primi anni di scuola, quando il piccolo comincia a capire che, oltre a lui, ci sono altri bambini che vantano le sue stesse pretese e che la maestra deve assecondare tutti nello stesso identico modo. In famiglia, però, e tra i parenti, potrebbe esserci ancora qualche problema.

In questi casi, per prima cosa è necessario che i genitori si facciano un breve esame di coscienza: se il bambino non sa regolarsi, è probabile che nessuno glielo abbia insegnato, oppure che mamma e papà si sono spesso sacrificati, privandosi di qualunque spazio personale, per accontentarlo e venirgli incontro.
Cominciate, quindi, a fargli capire che non esiste solo lui e che voi avete i suoi stessi diritti di godere di un po’ di privacy senza le sue continue richieste e le sue manie di protagonismo. In secondo luogo, spiegategli che ci sono momenti in cui può intervenire e dire la sua e momenti in cui sarebbe meglio che stesse zitto o ascoltasse gli altri parlare e discutere.


Se le parole non funzionano, passate a metodi più drastici e decisi: un vecchio trucco consigliato dagli psicologi è quello di assillarlo di domande, richieste, coccole…., esattamente come fa lui con voi, magari quando ci sono i suoi amici e non ha voglia di sentire intorno la vostra presenza. Se dovesse lamentarsi per la vostra invadenza, in separata sede spiegategli il perché del vostro comportamento, facendogli capire cosa provate voi quando lui fa così.

Davanti, poi, ad un bambino che non è in grado di scindere il mondo degli adulti dal suo e vuole partecipare “attivamente” a tutti gli incontri, le cene, le discussioni con i vostri amici, non preoccupatevi di sgridarlo con forza e, se volete evitare di mortificarlo in pubblico, dopo avergli spiegato che esistono anche gli altri, fategli capire quali potrebbero essere le conseguenze del suo comportamento, per esempio che lo farete passare davanti a tutti per un maleducato e un prepotente.

È importante che il bambino impari sin da subito quelle che sono le regole del vivere in mezzo agli altri se non volete ritrovarvi in casa un piccolo petulante, escluso da tutti per il suo comportamento arrogante e egocentrico. Tra di loro, infatti, i bambini preferiscono la compagnia di coloro che sono capaci di dare spazio a tutti e che non pretendono sempre di dire la loro in ogni circostanza.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da titty il 17 febbraio 2015 alle ore 15:13

    Ma si può provare anche a spiegare le cose ai bambini con calma dolcezza e certo un sacco di pazienza,qui vengono descritti i bambini conaggettivi che io riconosco soprattutto agli aduli.Metodi assolutamente diseducativi,ti comporti come io non voglio? Bhe sappi che ti potrei uumiliare davanti a tutti!!ma che consiglio é scusate?se si comporta cosi un genitore questi bambini che idea si faranno del mondo e cosa impareranno,a umiliare in pubblico a loro volta chi sbaglia?

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Tucanbox

Toucan Box: creatività in una scatola

Una bella idea per un regalo di compleanno diverso dal solito o per intrattenere il proprio bambino con una proposta creativa unica e divertente, facile da realizzare: toucanBox

continua »
Saldi2018

Saldi: 3 negozi online per acquisti a basso costo

I saldi sono iniziati ma il tempo per lo shopping tradizionale scarseggia? Niente panico. I negozi online ci vengono in soccorso con vetrine e sconti di tutto rispetto.

continua »
Primini

A scuola a 5 anni. I pro e i contro

Per i bambini nati entro il 30 aprile 2013 è possibile effettuare l'iscrizione a scuola anticipata per l'anno scolastico 2018/2019. I pro e i contro della scelta.

continua »
Libri-sotto-albero2017

3 libri stupendi da mettere sotto l'albero di Natale

Si dice che a regalare libri non si sbaglia mai. Se poi i libri, oltre a essere interessanti, sono anche divertenti e belli da sfogliare, ancora meglio. Ecco 3 titoli per bambini dai 5 anni in su da mettere sotto l'albero di Natale.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network