Equitazione: uno sport completo

L'equitazione è uno sport a tutti gli effetti, completo sia dal punto di vista fisico che per quanto riguarda l'aspetto educativo e di responsabilizzazione del bambino. Ecco perché.

Articoli Correlati

Equitazione: uno sport completo



È l'estate la stagione in cui più facilmente si verifica l'incontro tra bambini e cavalli.


Non solo, infatti, molti campus estivi propongono l'equitazione come attività principale, ma spesso i maneggi si trovano fuori città, in campagna o in montagna, non lontani da note località turistiche.
Ecco perché, proprio durante i mesi estivi, potrebbe accendersi l'interesse del bimbo per i cavalli e la sua volontà di proseguire nella disciplina anche al ritorno in città.

EQUITAZIONE: SPORT COMPLETO

A differenza di qualsiasi altro sport, l'equitazione è la sola disciplina in cui oltre all'attività fisica, viene richiesta al piccolo la capacità di creare una relazione con un essere vivente. Prima ancora di imparare la tecnica, quindi, il bambino deve sviluppare una capacità empatica che gli servità, poi, per gestire il cavallo.
Per quanto riguarda l'aspetto puramente atletico, però, tra le abilità che l'equitazione mette maggiormente alla prova ci sono destrezza, equilibrio e leggerezza.
Il bimbo deve, innanzitutto, imparare a montare a cavallo senza innervosire l'animale e a guidarlo con sicurezza e un andatura regolare.
Esercizi di stretching per sciogliere giunture e muscoli sono essenziali in questa fase.
Si passa, quindi, al volteggio. Ossia esercizi fisici svolti in sella al cavallo utili come addestramento preparatorio per migliorare le qualità atletiche del bambino e sviluppare l'equilibrio fondamentale per un buon fantino.
Al bimbo verrà anche insegnato a cadere con esercitazioni ad hoc che migliorano la sua preparazione atletica.
Benefici atletici:
  • L'equitazione migliora la postura dal momento che esercita la schiena a rimanere perfettamente eretta.
  • Sviluppa la muscolatura dorsale.
  • Tonifica i muscoli delle gambe e dei glutei
     

UNA RELAZIONE DURATURA

Ciò che, però, rende l'equitazione uno sport unico, è la relazione che il bimbo deve imparare a creare con il cavallo.
Montare a cavallo, infatti, condurlo, cavalcarlo, significa, soprattutto, imparare a sviluppare una capacità empatica con un altro essere vivente. Significa comprendere qualcuno diverso da sé e assecondarlo o guidarlo verso un'altra direzione.
Vuol dire avere spirito di osservazione, dove l'osservazione è visiva, ma soprattutto emotiva: in due parole, andando a cavallo il bambino deve, innanzitutto, accrescere le sue capacità di comunicazione emozionale.

I bimbi che fanno equitazione, quindi, sono normalmente più riflessivi, sicuri di sé, empatici verso gli altri.
Sanno aspettare e sanno mettersi da parte quando serve, imponendosi solo quando è richiesto loro di farlo. Utilizzando, però, le armi della dolcezza e della calma.
L'equitazione è il solo sport non di squadra, infatti, in cui il piccolo non sia da solo. E in cui la sua volontà deve affermarsi nel rispetto di un'altra creatura.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Vaccino-antinfluenza2020

Perché gli operatori sanitari spingono verso il vaccino influenzale?

Dal momento che distinguere il Covid dalla comune influenza è pressoché impossibile senza il tampone, l'unica soluzione per tracciare eventuali focolai è praticare la vaccinazione influenzale almeno a un italiano su quattro.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network