Giocodanza. Per bambini che sognano di indossare tutù e scarpette

Per i bambini più piccoli (utlimo anno del nido ed età prescolare) che manifestano il desiderio di iscriversi a un corso di danza o che dimostrano un'attitudine verso questa disciplina, il consiglio è di iniziare con un'attività di giocodanza. Un modo più ludico per avvicinarsi alla danza.

Articoli Correlati


Settembre, si sa, è tempo di corsi sportivi e attività extrascolastiche e la danza, per femmine e maschietti, è uno degli sport che, nonostante tutto, va per la maggiore anche tra i bimbi di oggi.
Si inizia sempre prima e molti bimbi sono iscritti a vere e proprie lezioni di danza classica a partire dai 2/3 anni.


In generale, sono i bambini più motivati o quelli che hanno mostrato un interesse precoce per la disciplina.
Per gli altri, quelli che vogliono solo provare, i non sicuri..., esistono corsi propedeutici che vengono chiamati Giocodanza, per un approccio alla danza più ludico.

Alla base dell'insegnamento c'è il tenativo di avvicinare i bambini al ritmo utilizzando fantasia e immaginazione come motori trainanti e proponendo il tutto sotto forma di gioco.
I bimbi vengono coinvolti in giochi psicomotori che, normalmente, prevedono una parte più ludica e una più tecnica.
La musica e alcuni oggetti forniti dagli insegnanti (lenzuola, foulard, nastri, palle...) sono propedeutici a sviluppare la fantasia infantile immergendoli in un mondo di incanto in cui ai piccoli viene chiesto di agire quasi si trattasse di un gioco di ruolo, in cui sono chiamati a recitare una parte.
In questo modo la danza non è una disciplina fatta di regole e passi rigidi. Piuttosto le regole sono lo strumento ludico con il quale approcciare la disciplina, da utilizzare per divertirsi prima ancora che per imparare.
Si tratta di lezioni durante le quali i bambini vengono completamente coivolti, anima e corpo ma dove la concentrazione richiesta per imparare i passi viene spostata sull'aspetto del gioco e della fantasia.

Questo rende questa tipologia di corsi particolarmente indicata per i bambini più piccoli, dai 2 anni in su. Che possono sempre trovare l'ambiente più congeniale per sviluppare le loro abilità motorie e il loro lato più fantasioso e creativo.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
MarkRothko

L'arte spiegata ai bambini (da Rothko)

Mark Rothko, pittore statunitense esponente dell'espressionismo astratto, ha indicato quali sono le sei regole base per spiegare l'arte ai bambini. 

continua »
Analfabetismo-motorio-scuola

Analfabetismo motorio tra i bambini

Per analfabetismo motorio tra i bambini si intende una sempre maggiore incapacità da parte dei più piccoli di approcciare attività motorie semplici quali correre o fare le capriole. Perché questo succede?

continua »
Sindrome-di-Asperger

Sindrome di Asperger: di cosa si tratta

Ricorre oggi la Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger, un disturbo che presenta alcune caratteristiche dell'autismo ma che interessa, soprattutto, la sfera relazionale e sociale del comportamento.

continua »
Meditazione-bambini

Meditazione per bambini. Come riscoprire il silenzio interiore

La meditazione è una pratica che, con i dovuti aggiustamenti del caso, è adatta anche ai più piccoli: attraverso la meditazione, infatti, possono imparare a rilassarsi a scoprire il proprio io interiore. 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network