Un museo a prova di bambino: il Muse di Trento

Meta delle vacanze invernali, delle settimane bianche, delle vacanze di Pasqua, il Trentino merita una visita anche per una piccola chicca degli itinerari in famiglia: il Muse di Trento, il Museo della Scienza a prova di bambino (e di bebè).

Articoli Correlati

Un museo a prova di bambino: il Muse di Trento


Il Muse - Museo della Scienza di Trento ha solo due anni di vita. Ha aperto, infatti, i battenti nel 2013 e nell'arco di 24 mesi si è confermato un fiore all'occhiello per il capoluogo trentino (e non solo).
Progettato da Renzo Piano secondo i principi dell'architettura sostenibile e del rispetto ambientale, ha già accolto nei suoi spazi oltre un milione di visitatori facendosi portavoce di un messaggio chiaro: proporsi come l'interprete preferenziale della natura, a partire dal paesaggio montano che lo circonda, attraverso gli occhi e gli strumenti della scienza. L'obiettivo è quello di far crescere la curiosità scientifica e il piacere della conoscenza, soprattutto nei più giovani, negli studenti, nei bambini, dal momento che proprio loro sono tra i referenti principali della struttura.



Il percorso espositivo si struttura su 4 piani: 
al piano - 1 si trovano la Serra e le sezioni dedicate ai fossili, ai dinosauri e ai rettili. Il piano 0 è interamente rivolto ai bambini, anche quelli piccolissimi (età di riferimento 0 - 5 anni) ed è dedicato alla scoperta dei sensi. Il piano 1, con una struttura a spirale, consente di fare un salto nella preistoria alla scoperta delle usanze e della vita dei primi uomini apparsi sulla terra. Il piano 2 si rivolge agli appassionati di geologia e minerali con un focus centrato quasi interamente sul territorio delle Dolomiti. Al piano 3 è la natura a farla da padrona, attraverso un percorso espositivo che racconta delle forme di vita che popolano le montagne e la galleria Esplora il Bosco pensata per i bambini dai 4 ai 9 anni per avvicinarli all'ecosistema unico dei boschi. L'ultimo piano, il piano 4, mette in mostra la realtà delle vette, i ghiacciai, le prime spedizioni partite alla conquista delle cime. Infine, la Terrazza, affacciata sulla valle dell'Adige con una spettacolare vista a 360° sui dintorni.


La sezione didattica del Muse si rivolge sia alle scolaresche che ai docenti con una catalogo di attività, messo a punto di anno in anno, strutturato per venire incontro alle esigenze più disparate, anche a seconda dell'età di riferimento (qui il catalogo per le attività 2015-2016).
Ci sono, poi, attività specifiche per le famiglie, tutti i weekend con spettacoli scientifici per bambini di tutte le età della durata di 30 minuti ciascuno. Inoltre, sempre per le famiglie, sono disponibili tariffe agevolate per nuclei familiari.

Al Muse è presente una caffetteria aperta fino alle 19.00 nei giorni feriali e fino alle 20.00 nei festivi ed è possibile acquistare pacchetti differenziati per età per feste di compleanno davvero speciali, a contatto con la scienza e la natura.

Nei giorni festivi e nei periodi di festa, per evitare code alle casse, è consigliabile prenotare online i biglietti di ingresso. É sucfficiente selezionare la data di interesse e l'orario e il pagamento avviene con carta di credito.

Per maggiori informazioni: www.muse.it

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Vaccino-antinfluenza2020

Perché gli operatori sanitari spingono verso il vaccino influenzale?

Dal momento che distinguere il Covid dalla comune influenza è pressoché impossibile senza il tampone, l'unica soluzione per tracciare eventuali focolai è praticare la vaccinazione influenzale almeno a un italiano su quattro.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network